Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Danno ai polmoni persistente ed esteso veduto in pazienti COVID-19

Mentre la pandemia di malattia 2019 di coronavirus (COVID-19) continua a provocare la distruzione attraverso il globo, qualche gente che recupera dall'infezione ha riferito i sintomi persistenti che circondano i polmoni, quale la difficoltà che respira. Una piccola frazione di gente egualmente ha riferito avere altri sintomi durevoli; queste persone sono state “trasportatori lunghi„ definiti o pazienti “a lungo-COVID„.

COVID-19, causato dal coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo, è una malattia respiratoria che soprattutto mira ai polmoni. Tuttavia, molti altri organi possono essere commoventi, specialmente in casi gravi.

Un gruppo dei ricercatori all'università di Trieste in Italia ha mirato a determinare le dimensioni e le cause di danno ai polmoni da COVID-19 per capire meglio le componenti patologiche della malattia.

Lo studio

Per arrivare ai risultati di studio, che sono comparso nel giornale EBioMedicine, i ricercatori hanno eseguito un'analisi sistematica di 41 campione post mortem consecutivo dalla gente che ha soccombuto a COVID-19. Il gruppo ha condotto un'analisi istologica per gli antigeni cellulari e virali ed individuare la presenza di genoma virali.

I ricercatori hanno riferito che del 41 caso analizzato, sei terapie intensive richieste, mentre 35 sono stati ospedalizzati finché non morissero. L'età media dei pazienti era 77 per i maschi e 84 per le femmine. I comorbidities comuni veduti nei pazienti erano ipertensione, malattia cardiaca cronica, demenza, il diabete e cancro. Tutti pazienti sono morto della sindrome di emergenza respiratoria acuta (ARDS), una circostanza causata tramite l'infezione severa SARS-CoV-2.

Risultati di studio

Quando il gruppo ha condotto un esame patologico, tutti i casi hanno manifestato il danno ai polmoni. Una volta valutati fisicamente, i polmoni sono sembrato congestionati. In 4 sul 41 caso, il gruppo ha osservato la trombosi in grandi imbarcazioni polmonari. Più ulteriormente, l'analisi del tessuto ha mostrato il vasto danneggiamento dell'anatomia normale del polmone, coerente con uno stato di danno alveolare diffuso con l'edema, lo spurgo ed il deposito intra-alveolare della fibrina con le membrane ialine.

“Potrebbe essere preveduto molto bene che una delle ragioni per le quali ci sono casi di COVID lungo fosse perché c'è una vasta distruzione del polmone (tessuto),„ Mauro Giacca, un professore all'College Londra di re che guidata co il lavoro.

“Anche se qualcuno recupera da COVID, il danno che è fatto potrebbe essere massiccio,„ ha aggiunto.

Ha aggiunto che quasi 90 per cento del 41 paziente hanno avvertito molte caratteristiche uniche a COVID-19 rispetto ad altri moduli di polmonite. Nel frattempo, i ricercatori hanno detto che il cuore, il fegato ed il rene hanno presentato le caratteristiche comuni di degenerazione relativa all'età del tessuto in tutti i pazienti, ma l'integrità del tessuto essenzialmente è stata conservata.

In breve, il gruppo ha individuato gli marchi di garanzia supplementari che possono caratterizzare il trattamento di malattia COVID-19. In primo luogo, c'è la presenza di trombosi massiccia del polmone, di infezione virale persistente, di disfunzione endoteliale come pure della presenza di celle dysmorphic nei polmoni.

“Alla luce della persistenza delle celle infettate da virus nei polmoni delle persone infettate e delle funzionalità molecolari peculiari della proteina della punta SARS-CoV-2 proponiamo che varie delle caratteristiche cliniche che collocano COVID-19 oltre all'altra polmonite interstiziale non siano attribuibili alla replicazione virale di morte del pneumocyte di conseguenza, ma alla persistenza di infettato da virus, Punta-esprimente le celle nei polmoni delle persone infettate,„ i ricercatori conclusivi nello studio.

La malattia di coronavirus pregiudica spesso gli anziani e quelli con i comorbidities e le condizioni mediche di fondo. Attraverso il globo, là più di 47,67 milione casi e di questi, circa 1,21 milioni sono morto. Gli Stati Uniti rimangono la nazione con il più alto numero delle infezioni, principale 9,40 milioni, seguite dall'India, con almeno 8,31 milione casi.

È stato di 11 mese dall'emergenza del virus nella città di Wuhan in Cina. Finora, non c'è ancora maturazione o vaccino contro il virus. Il migliore modo diminuire il rischio di infezione rimane le misure preventive usuali: lavando le mani regolarmente, praticando sociale che distanzia ed indossando le maschere.

Source:
Journal reference:
Angela Betsaida B. Laguipo

Written by

Angela Betsaida B. Laguipo

Angela is a nurse by profession and a writer by heart. She graduated with honors (Cum Laude) for her Bachelor of Nursing degree at the University of Baguio, Philippines. She is currently completing her Master's Degree where she specialized in Maternal and Child Nursing and worked as a clinical instructor and educator in the School of Nursing at the University of Baguio.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Laguipo, Angela. (2020, November 05). Danno ai polmoni persistente ed esteso veduto in pazienti COVID-19. News-Medical. Retrieved on April 21, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20201105/Persistent-and-extensive-lung-damage-seen-in-COVID-19-patients.aspx.

  • MLA

    Laguipo, Angela. "Danno ai polmoni persistente ed esteso veduto in pazienti COVID-19". News-Medical. 21 April 2021. <https://www.news-medical.net/news/20201105/Persistent-and-extensive-lung-damage-seen-in-COVID-19-patients.aspx>.

  • Chicago

    Laguipo, Angela. "Danno ai polmoni persistente ed esteso veduto in pazienti COVID-19". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20201105/Persistent-and-extensive-lung-damage-seen-in-COVID-19-patients.aspx. (accessed April 21, 2021).

  • Harvard

    Laguipo, Angela. 2020. Danno ai polmoni persistente ed esteso veduto in pazienti COVID-19. News-Medical, viewed 21 April 2021, https://www.news-medical.net/news/20201105/Persistent-and-extensive-lung-damage-seen-in-COVID-19-patients.aspx.