Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La droga di osteoporosi aumenta la densità minerale ossea nel cinorrodo e nel tratto lombare della colonna vertebrale

La nuova ricerca presentata a convergenza del ACR, la riunione annuale della reumatologia americana dell'istituto universitario, rivela quel romosozumab, una droga di osteoporosi, produce gli aumenti sostanziali della densità minerale ossea nel cinorrodo e nel tratto lombare della colonna vertebrale in un anno e quella pazienti transitioning ad una droga antiresorptive potente può piombo a ancor più guadagni di densità ossea (#1973 ASTRATTO).

L'osteoporosi deriva da una perdita di massa dell'osso, misurata come densità minerale ossea (BMD) e da un cambiamento in struttura dell'osso. Molti fattori solleveranno il vostro rischio di sviluppare l'osteoporosi e di rottura dell'osso. L'osso è tessuto vivente che è in uno stato costante di rigenerazione. L'organismo elimina il vecchio osso (chiamato riassorbimento dell'osso) e lo sostituisce con il nuovo osso (formazione dell'osso).

Gli studi più iniziali hanno indicato che un altro farmaco dell'edilizia dell'osso, teriparatide, che stimola sia la formazione dell'osso che la ripartizione dell'osso, amplifica il BMD sia nella spina dorsale che in cinorrodo una volta usato in primo luogo, seguito da una droga antiresorptive. Tuttavia, quando le droghe antiresorptive sono date in primo luogo, specialmente i bifosfonati, quali alendronate e denosumab, l'effetto del teriparatide è differente ed il BMD di un paziente può diminuire nei loro cinorrodi.

Per scoprire più circa come il romosozumab può essere dato nell'ordine con differenti droghe antiresorptive, i ricercatori hanno lanciato questo nuovo studio che ha esaminato i risultati da quattro recenti, prove su grande scala.

Romosozumab esercita un meccanismo unico di atto sul tessuto dell'osso. Aumenta la formazione dell'osso e fa diminuire il riassorbimento dell'osso. Quando ha dato come terapia iniziale per un anno, seguita da un farmaco antiresorptive quali alendronate o densosumab, la sequenza del trattamento aumenta significativamente il BMD e diminuisce il rischio di frattura confrontato sia a placebo che al trattamento del alendronate. Questo studio è stato destinato per determinare se, malgrado il meccanismo differente di atto per romosozumab contro il teriparatide, l'effetto sul BMD fosse differente quando il romosozumab è stato dato come il secondo trattamento, dopo un farmaco antiresorptive, confrontato a usando il romosozumab in primo luogo.„

Felicia Cosman, MD, il co-author dello studio, professore di medicina all'istituto universitario di Columbia University del medico e dei chirurghi in New York

I ricercatori hanno trovato che i pazienti di osteoporosi hanno avuti risultati notevolmente differenti quando il romosozumab è stato amministrato in primo luogo, piuttosto che dopo, un trattamento antiresorptive. Nei due studi dove il romosozumab è stato dato il primo, nel corso dell'anno di trattamento del romosozumab, pazienti il BMD totale del cinorrodo ha aumentato 6% in uno studio e 6,2% nell'altro. Al contrario, quando hanno catturato il alendronate in primo luogo, il BMD totale del cinorrodo ha aumentato soltanto 2,9% con il trattamento del romosozumab. Quando il denosumab è stato dato in primo luogo, il BMD totale del cinorrodo ha aumentato soltanto 0,9% con l'amministrazione del romosozumab.

In due anni, quando il romosozumab è stato seguito da alendronate, il guadagno totale di due anni del BMD del cinorrodo era 7,1% e quando il romosozumab è stato seguito da denosumab, il guadagno totale di due anni del BMD del cinorrodo era 8,5%. Al contrario, con la sequenza inversa, quando il denosumab è stato dato in primo luogo, seguito da romosozumab, il guadagno totale di due anni del BMD del cinorrodo era più di meno di mezzi soltanto 3,8%.

Che cosa circa l'effetto delle sequenze differenti di trattamento su densità ossea nel tratto lombare della colonna vertebrale? I ricercatori hanno trovato risultati simili qui. In un anno, quando il romosozumab è stato dato in primo luogo, il BMD della spina dorsale dei pazienti ha aumentato 13,7% in uno studio e 13,1% nell'altro. Quando il romosozumab è stato dato dopo alendronate, il guadagno del BMD del tratto lombare della colonna vertebrale era 9,8%. Quando il romosozumab è stato dato dopo denosumab, il guadagno del BMD della spina dorsale era soltanto 5,3%.

Similmente, in due anni, quando il romosozumab è stato seguito da alendronate, il guadagno biennale del BMD della spina dorsale era 15,2% e quando il romosozumab è stato seguito da denosumab, guadagno biennale del BMD della spina dorsale era 16,6%. Quando il denosumab è stato seguito da romosozumab, il guadagno biennale del BMD della spina dorsale era più basso, a 11,5%.

Poiché le donne che hanno avute fratture recenti o multiple nell'età adulta sono a molto ad alto rischio per più, questi dati potrebbero aiutare entrambi i pazienti di osteoporosi ed i loro medici operare le scelte preventive più efficaci del trattamento, dice il Dott. Cosman.

“Queste donne hanno bisogno del farmaco che può sviluppare il BMD velocemente per migliorare la resistenza dell'osso e per diminuire il rischio di fratture. L'approccio standard che la maggior parte del uso dei fornitori di cure mediche è iniziare il trattamento con medicina antiresorptive. Tuttavia, gli agenti dell'edilizia dell'osso gradiscono il romosozumab, abaloparatide e il teriparatide diminuisce le medicine antiresorptive più veloci di rischio di frattura. Ci sono circa due milione fratture ogni anno da osteoporosi,„ dice. “I pazienti devono sapere che la migliore opzione per loro potrebbe essere di ricevere un farmaco dell'edilizia dell'osso in primo luogo, piuttosto che un trattamento antiresorptive.„