Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La componente naturale del tè di ayahuasca promuove il neurogenesis

Una delle componenti naturali principali del tè di ayahuasca è dimethyltryptamine (ccl*dmt), che promuove il neurogenesis --la formazione di nuovi neuroni-- secondo ricerca piombo dall'università di Complutense di Madrid (UCM).

Oltre ai neuroni, l'infusione usata per gli scopi shamanic egualmente induce la formazione di altre celle neurali quali i astrocytes ed i oligodendrocytes.

Questa capacità di modulare la plasticità del cervello suggerisce che abbia grande potenziale terapeutico per una vasta gamma di disordini psichiatrici e neurologici, compreso le malattie neurodegenerative.„

José Ángel Morales, ricercatore nel dipartimento di CIBERNED e di UCM di biologia cellulare

Lo studio, pubblicato nella psichiatria di traduzione, in un giornale di ricerca della natura, rapporti i risultati di quattro anni di in vitro e in vivo sperimentazione sui mouse, dimostranti che questi esibiscono “una maggior capacità conoscitiva una volta trattati con questa sostanza„, secondo José Antonio López, un ricercatore nella facoltà della psicologia al UCM e co-author dello studio.

Il cambiamento del ricevitore elimina l'effetto allucinogeno

Ayahuasca è prodotto mescolando due impianti dal Amazon: la vite di ayahuasca (caapi di Banisteriopsis) e l'arbusto di chacruna (viridis di Psychotria).

Il ccl*dmt nelle legature del tè di ayahuasca ad un ricevitore serotonergic del cervello di type-2A, che migliora il suo effetto allucinogeno. In questo studio, il ricevitore è stato cambiato ad un tipo ricevitore di sigma che non ha questo effetto, così “notevolmente facilitante la sua amministrazione futura ai pazienti„.

Nelle malattie neurodegenerative, è la morte di determinati tipi di neuroni che causano i sintomi delle patologie quali Alzheimer e Parkinson. Sebbene gli esseri umani abbiano la capacità di generare le nuove celle di un neurone, questo dipende da parecchi fattori e non è sempre possibile.

“La sfida è di attivare la nostra capacità dormiente di formare i neuroni e di sostituire così i neuroni che muoiono come conseguenza della malattia. Questo studio indica che il ccl*dmt è capace di attivazione delle cellule staminali neurali e di formazione dei neuroni nuovi„, Morales conclusivo.

Source:
Journal reference:

Morales-Garcia, J.A., et al. (2020) N,N-dimethyltryptamine compound found in the hallucinogenic tea ayahuasca, regulates adult neurogenesis in vitro and in vivo. Translational Psychiatry.  doi.org/10.1038/s41398-020-01011-0.