Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio clinico del vaccino personale del cancro da espandersi dopo la promessa dei dati preliminari

Un test clinico alle scienze di salubrità dell'università dell'Arizona destinate per studiare la sicurezza e l'efficacia di un vaccino personale del cancro congiuntamente alla droga Pembrolizumab di immunoterapia espanderà il suo gruppo dopo la promessa dei dati preliminari è stato presentato alla riunione annuale della società per l'immunoterapia di Cancro.

Julie E. Bauman, MD, MPH, vice direttore del centro del Cancro dell'università dell'Arizona e un professore di medicina e capo della divisione di ematologia e di oncologia all'istituto universitario di UArizona di medicina - Tucson, ha presentato i dati preliminari sui primi 10 pazienti con il cancro di collo e capo, sette di cui sono stati trattati all'insegna - medicina dell'università, il partner clinico per il centro del Cancro di UArizona. Cinque dei 10 pazienti hanno avvertito una risposta clinica al vaccino personale del cancro e due pazienti hanno avuti una risposta completa dopo il trattamento (nessun presente rilevabile di malattia).

Il tasso di risposta preliminare di 50% è notevole una volta confrontato ai pazienti nei test clinici che ricevono l'immunoterapia di Pembrolizumab da solo senza il vaccino personale del cancro. In quegli studi, il tasso di risposta riferito è circa 15%.

Il centro del Cancro di UArizona è uno di parecchi siti in cui i pazienti sono stati reclutati per partecipare al test clinico di fase I promosso da Moderna, Inc. La prova sta studiando l'uso di un vaccino personale del cancro del mRNA congiuntamente a Pembrolizumab per i pazienti con i tipi multipli del cancro, compreso i cancri colorettali e capi e di collo. Nessuna risposta clinica è stata notata per il gruppo dello studio di 17 pazienti colorettali stabili del microsatellite (MSS).

Il Dott. Bauman dice che lo studio corrente ora si espanderà a 40 pazienti con il cancro di collo e capo.

I dati sono preliminari e la dimensione del campione è piccola, ma sta promettendo. Una prova di fase I è circa la sicurezza in primo luogo ed ora sappiamo che questo trattamento è sicuro e tollerabile. Ma, egualmente abbiamo un forte segnale indicarci più ulteriormente per studiare questo nel cancro di collo e capo. Ecco perché siamo eccitati per ampliare questa prova.„

Dott. Julie E. Bauman, il professor, istituto universitario di UArizona di medicina - Tucson

I vaccini personali del cancro sono un'opzione emergente del trattamento che usa le proprie cellule tumorali di un paziente per sviluppare un vaccino progettato per insegnare al loro sistema immunitario a come riconoscere e distruggere il loro cancro. Le cellule tumorali hanno mutazioni del DNA che differiscono dal DNA in celle normali e in buona salute. Queste mutazioni sono differenti dal paziente al paziente, che è dove il concetto di un vaccino personale è sviluppato. Combinando il vaccino personale con Pembrolizumab, una medicina di immunoterapia che funziona con il sistema immunitario per combattere determinati tipi di cancri, eventualmente permetterà ulteriore vantaggio ai pazienti che il pembrolizumab da solo.

Per identificare le mutazioni paziente-specifiche del cancro, il DNA mutato dal tumore del paziente è ordinato simultaneamente con DNA sano dal sangue del paziente. I computer confrontano i due campioni del DNA per identificare le mutazioni uniche del cancro. I risultati sono usati per sviluppare un insieme delle istruzioni genetiche che sono caricate su una singola molecola del RNA messaggero (mRNA) e sono trasformate un vaccino. Queste istruzioni insegnano alle celle immuni quali le cellule T - globuli bianchi che contribuiscono a proteggere dall'infezione - come identificare ed attaccare le cellule tumorali mutate.

“Il nostro scopo è di capire come possiamo migliorare ad applicare questo trattamento a più pazienti per provocare più risultati di successo,„ il Dott. Bauman ha detto. “Questi dati preliminari hanno generato le nuove ipotesi emozionanti per studiare.„