Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Stents esofagei biodegradabili 3D-printed per il trattamento dell'esofagite di radiazione

L'esofagite di radiazione, caratterizzata dall'infiammazione dell'esofago, è l'effetto contrario acuto più comune della radioterapia che causa inghiottire i problemi. Ciò finalmente causa la disidratazione e lascia l'organismo ormai inadatto al trattamento. Purtroppo, nessuna maturazione diretta corrente esiste per i pazienti che soffrono da tali circostanze. A questo, un gruppo di ricerca di POSTECH ha sviluppato gli stents esofagei che biodegradano nell'organismo che per mezzo delle stampanti 3D, aprenti la possibilità di trattamento della circostanza.

Un gruppo di ricerca unito piombo dal candidato Suhun Chae del professor Dong-Corteggiare Cho e di Ph.D. nel dipartimento dell'ingegneria meccanica a POSTECH e nel Dott. Dong-Heon ha di EDmicBio, Inc. ha prodotto insieme gli stents biodegradabili con bioink esofageo-derivato direttamente per trattare l'esofagite di radiazione ed ha verificato i loro effetti terapeutici nei modelli animali. Questi risultati della ricerca recentemente sono stati pubblicati in biomateriali, un giornale accademico con l'autorità internazionale nei biomateriali sistemano.

I vari metodi del trattamento stanno mettendi a punto per trattare il cancro, ma la radioterapia è ancora uno dei trattamenti comuni con chirurgia e la chemioterapia. Se l'esofagite di radiazione si presenta durante la radioterapia, il trattamento è limitato alla terapia cataclismica che allevia il dolore secondo i sintomi che compaiono, o l'inserimento dello stent aprire l'esofago gonfiato per concedere bere o mangiare. Tuttavia, questi metodi non trattano direttamente i tessuti nocivi.

Il gruppo di ricerca in primo luogo ha prodotto il bioink che ha eliminato le componenti delle cellule dai tessuti esofagei e soltanto la matrice extracellulare estratta con il trattamento di decellularization. Hanno prodotto uno stent testa di legno tipo che può portare questo bioink facendo uso di un sistema di stampa 3D. Inserendo questo stent nell'esofago infiammato di un animale, hanno confermato che promuove la rigenerazione del tessuto mentre attenua le reazioni infiammatorie.

L'efficacia del trattamento è realizzata una inversione se la nutrizione adeguata non può essere consegnato dovuto il dolore. Se questo impianto esofageo dello stent si applica clinicamente, prevediamo che i pazienti abbiano migliore prognosi e più di alta qualità di vita.„

Dong-Corteggi Cho, cavo di studio

Questa ricerca è stata condotta come componente del programma di guida della ricerca le fondamenta di ricerca nazionali della Corea ed in collaborazione con EDmicBio, Inc. che si specializza nella commercializzazione i organo-su-chip 3D e degli apparecchi medici.

Source:
Journal reference:

Ha, D., et al. (2020) Therapeutic effect of decellularized extracellular matrix-based hydrogel for radiation esophagitis by 3D printed esophageal stent. Biomaterials. doi.org/10.1016/j.biomaterials.2020.120477.