Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli esperti pubblicano l'istruzione di consenso sulla gestione di osteoporosi in pazienti con il CKD G4-G5D

I pazienti con la malattia renale cronica avanzata (CKD) soffrono da qualità e dalla quantità alterate dell'osso, con un rischio non vertebrale di frattura che è volta 4 - 6 più superiore al rischio di frattura di comandi abbinati. Tuttavia, dovuto la complessità e molte sfide in questione nella diagnostica e nel trattamento dell'osteoporosi nella fase avanzata CKD, c'è uno spazio particolarmente alto di cura, lasciante questi pazienti ad alto rischio sprotetti contro le fratture potenzialmente pericolose di fragilità.

In uno sforzo per promuovere un paradigma sposti riguardo a cura di osteoporosi nel CKD, il gruppo di lavoro renale (EUROD) europeo di osteodistrofia, riunente la competenza dall'associazione Associazione-Europea renale europea del trapianto e di dialisi ed i comitati delle fondamenta di osteoporosi (IOF) dell'internazionale dei Consiglieri scientifici e delle società nazionali, ha pubblicato “l'istruzione europea di consenso sulla diagnosi e la gestione di osteoporosi nella malattia renale cronica mette in scena G4-G5D„.

Il consenso fornisce un esame succinto di pratica clinica in vigore e raccomandazioni pratiche dei profili per la diagnosi, valutazione del rischio di frattura, soglie di intervento, strategie di intervento non farmacologiche e farmacologiche, video e prevenzione secondaria di frattura con ai i servizi di collegamento basati a coordinatore di frattura.

L'autore principale, il Dott. Pieter Evenepoel, dipartimento della nefrologia degli ospedali universitari Lovanio, Lovanio, Belgio ha specificato:

“Le perturbazioni nel metabolismo dell'osso e del minerale si presentano presto nel corso del CKD e diventano quasi universali in pazienti con la malattia avanzata. Tuttavia, malgrado il loro molto ad alto rischio delle fratture in relazione con l'osteoporosi sostenenti, c'è un vasto spazio di cura di osteoporosi in questi pazienti. Molti clinici sono incerti circa il diagnostico ottimale e la strategia terapeutica e questa possono rifornire l'inerzia e “un'attesa di combustibile„ approccio riguardo a cura di osteoporosi.„

Le raccomandazioni di consenso sono tempestive ed importanti poichè la malattia renale cronica è un problema rapido crescente universalmente. È stimato che fino a 10-15% della popolazione adulta sia commovente. Nel 2010, 284 persone per milione popolazioni sono state stimate subire la dialisi di manutenzione (CKD G5D) globalmente e questo è in aumento dato l'aumento rapido nelle malattie cardiometabolic croniche universalmente.

Gli studi recenti suggeriscono una simile efficacia delle droghe comuni di osteoporosi in pazienti con il CKD G4-G5D come nella popolazione paziente generale. Speriamo che le raccomandazioni pragmatiche di consenso derivando da questa riuscita collaborazione fra le società europee, riguardanti la valutazione, il trattamento e video della salubrità dell'osso nella malattia renale, serviscano a stimolare un approccio dinamico e coesivo alla gestione di osteoporosi in questi pazienti ad alto rischio.„

Il professor Serge Ferrari, co-author e vicepresidente del comitato di IOF dei Consiglieri scientifici

Le raccomandazioni egualmente evidenziano l'importanza ai dei servizi di collegamento basati a coordinatore di frattura sistematicamente nell'identificazione e nella guida dei pazienti del CKD con le fratture di fragilità, in stretta collaborazione con i nefrologi come componente del gruppo pluridisciplinare.

Source:
Journal reference:

Evenepoel, P., et al. (2020) European Consensus Statement on the diagnosis and management of osteoporosis in chronic kidney disease stages G4–G5D. Nephrology Dialysis Transplantation. doi.org/10.1093/ndt/gfaa192.