Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il ricercatore di IU ha assegnato la concessione di NSC per sviluppare una droga per rendere la radioterapia più efficace

Un'Indiana University Melvin ed il ricercatore completo del centro del Cancro di Bren Simon ha ricevuto un quinquennale, la concessione $2,9 milioni dall'istituto nazionale contro il cancro per sviluppare una droga che potrebbe rendere la radioterapia molto più efficace.

John Turchi, PhD, sta studiando la chinasi proteica DNA-dipendente (DNA-PK), che è compresa nella riparazione delle rotture del doppio filo del DNA. Quando un malato di cancro subisce la radioterapia, la radiazione intenzionalmente induce questi le rotture del DNA ad uccidere le cellule tumorali.

“Nel caso della radioterapia, la riparazione di quelle si rompe è una cattiva cosa,„ Turchi ha detto. “Permette che le cellule tumorali continuino a dividersi. Potendo bloccare che la via della riparazione attraverso gli inibitori della proteina di DNA-PK permette che noi aumentiamo l'efficacia della radioterapia.„

La ricerca mette a fuoco sui tumori solidi che ricevono la radioterapia come componente del trattamento, con il cancro polmonare come lo sforzo principale. Il terapeutico sarebbe dato con radiazione.

Oltre al cancro polmonare, i cancri esofagei e capi e di collo hanno potuto anche avvantaggiarsi. La radioterapia è un sostegno per questi cancri e, pensiamo che possiamo aumentare il vantaggio terapeutico di radiazione con la nostra droga.„

John Turchi, Tom ed il professor di legno delle fondamenta della famiglia di Julie di ricerca del cancro polmonare alla scuola di medicina di Indiana University

Oltre l'avvenimento dovuto la radioterapia, le rotture del doppio filo del DNA anche possono accadere in cellule tumorali mentre continuamente si dividono e si sviluppano. Il terapeutico potrebbe essere usato per determinati cancri che non ricevono la radioterapia mirando a queste celle rotte.

“La concessione mette a fuoco sulla comprensione come le celle rispondono allo sforzo--specificamente sforzo di danno del DNA--e sfruttando le differenze fra come le cellule tumorali rispondono e come le celle normali rispondono per i vantaggi terapeutici,„ Turchi ha spiegato. “Essenzialmente, stiamo perseguendo una riga di ricerca per sviluppare le droghe che sfruttano le differenze in come le celle rispondono allo sforzo di danno del DNA.„

Questa ricerca ha potuto ampliare le opzioni dell'inibitore di DNA-PK per i malati di cancro. Mentre ci sono droghe d'investigazione nella clinica, gli usi terapeutici di Turchi un meccanismo differente di atto e potrebbero ampliare le opzioni per i pazienti che non rispondono alle droghe attuali o di cui il cancro è diventato resistente alla terapia.

“La nostra molecola fa qualcosa completamente differente,„ Turchi ha detto. “Ci sono ragioni che il nostro inibitore permette una maggior portata delle possibilità per i cancri che che cosa corrente sta provando nella clinica. A causa di questo meccanismo differente di atto, apre un'intera schiera delle cose che non sono possibili con la terapeutica attuale.„

Turchi ed i colleghi egualmente stanno esplorando come la loro molecola potrebbe mirare al cancro ovarico con determinate predisposizioni genetiche, quale la mutazione di BRCA. In questi casi, il cancro è più suscettibile della droga e potrebbe essere efficace senza radiazione.

Il ricercatore co-principale di questo progetto è Navnath Gavande, il PhD, un ex ricercatore post-dottorato nel laboratorio di Turchi che originalmente ha sintetizzato i nuovi composti della droga. Gavande ha unito la Wayne State University nel 2019 come assistente universitario delle scienze farmaceutiche e continua a lavorare molto attentamente con Turchi per ottimizzare la droga per uso clinico. Il progetto egualmente comporta i collaboratori Karen Pollok, PhD e Joe Dynlacht, PhD, che portano la competenza in modelli ed oncologia animali di radiazione. Queste collaborazioni sono critiche da aiutare i ricercatori migliori capire lo sforzo di danno del DNA e come usare questa conoscenza per sviluppare la terapeutica anticancro novella.