Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

“L'estratto della branca del capone„ inibisce la replica di SARS-CoV-2 in vitro

I ricercatori Colombia e nel Perù hanno indicato che il tomentosa di Uncaria - un nativo boscoso della vite nel Sudamerica conosciuto di come “branca del capone„ - esercita l'attività antivirale in vitro contro il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo, l'agente che causa la malattia 2019 (COVID-19) di coronavirus.

Lo studio ha trovato che l'estratto idroalcolico di tomentosa di Uncaria ha inibito la replicazione virale SARS-CoV-2 ed ha diminuito il suo effetto citopatico sulle celle di Vero E6.

I ricercatori dicono tomentosa del U. già è stato ampiamente usato come agente immunomodulatory e quel studi precedenti hanno indicato che l'estratto ha un intervallo degli effetti su parecchi virus.

Tuttavia, il gruppo - dall'università di Antioquia-UdeA in Medellín, in Colombia e nell'università nazionale di San Marcos a Lima, Perù - dica che questo è il primo studio per verificare gli effetti del tomentosa del U. su SARS-CoV-2.

Ora, Wildeman Zapata ed i colleghi riferiscono che il tomentosa del U. ha diminuito il titolo virale e l'effetto citopatico di SARS-CoV-2 nella linea cellulare di Vero E6 dopo appena 48 ore del trattamento.

“Ha basato sui nostri risultati, il tomentosa del U. è un'erba medicinale di promessa per combattere COVID-19, ma è necessario da continuare con i modelli animali seguiti dai test clinici per convalidare i nostri risultati nel contesto dei pazienti COVID-19,„ scrive il gruppo.

Una versione della pubblicazione preliminare del documento è disponibile sul bioRxiv* del " server ", mentre l'articolo subisce la revisione tra pari.

Non ci sono efficaci vaccini o antivirals disponibili

Da quando SARS-CoV-2 in primo luogo è stato identificato a Wuhan, Cina, tardi l'anno scorso (2019), COVID-19 si è trasformato in in una pandemia globale, posante una grave minaccia alla salute pubblica e l'economia come il virus continua a spargersi ad una tariffa senza precedenti.

Sebbene alcuni vaccini del candidato stiano valutandi nei test clinici, non ci sono i trattamenti preventivi o agenti antivirali attualmente disponibili.

Tuttavia, “al giorno d'oggi, l'organizzazione mondiale della sanità (WHO) riconosce che la medicina tradizionale, complementare ed alternativa ha molti vantaggi. Parecchi candidati con gli effetti antivirali possibili sono stati esplorati dalle piante medicinali nella fase preclinica,„ dica i ricercatori.

“Le medicine di erbe potrebbero trasformarsi in in un'opzione di promessa per affrontare la pandemia in corso causata da COVID19,„ suggeriscono.

Più circa “la branca del capone„

Inoltre noto di come “branca del capone,„ il tomentosa del U. è una vite boscosa, indigena nel Perù, che appartiene alla famiglia di rubiaceae.

Il gruppo di ricerca dice che determinati alcaloidi trovati in questo specie sono stati riconosciuti come avendo attività farmacologiche e che il tomentosa del U. precedentemente è stato indicato per esercitare un effetto antivirale sui monociti umani infettati con il virus di febbre rompiossa 2 ed il tipo 1 del virus Herpes simplex.

Ancora, in silico un'analisi precedente il gruppo condotto ha indicato che le componenti presenti in tomentosa del U. hanno inibito SARS-CoV-2 l'enzima 3CLpro, che è essenziale per la replica del virus.

I ricercatori dicono che fornito risultati di altri studi e dei loro propri in silico i risultati, essi hanno deciso di studiare il potenziale antivirale del tomentosa del U. contro SARS-CoV-2 in vitro.

La valutazione preclinica dei composti naturali che potrebbero inibire SARS-CoV-2 potrebbe piombo alla scoperta di nuove droghe antivirali e ad una migliore comprensione del ciclo di vita virale, suggerisce il gruppo.

Che cosa i ricercatori hanno fatto?

Zapata ed i colleghi hanno valutato l'attività antivirale dell'estratto idroalcolico di corteccia del gambo di tomentosa del U. in celle di Vero E6 facendo uso di un'analisi di riduzione della placca e di una prova di effetto citopatico (CPE).

Appena 48 ore che seguono il trattamento, l'analisi di riduzione della placca hanno indicato che l'estratto di tomentosa del U. aveva inibito il numero delle particelle contagiose SARS-CoV-2 da 92,7% ad una dose di 25,0 µg/mL.

Il trattamento con l'estratto egualmente ha ridotto la CBE di 98,6% a 25 µg/mL e di 92,7% a 12,5 µg/mL.

Lo studio indica che il tomentosa del U. esercita l'attività antivirale contro SARS-CoV-2 in celle di Vero E6, come dimostrato tramite una riduzione del titolo virale e la CBE appena 48 ore che seguono il trattamento, dice i ricercatori.

“Un'erba medicinale di promessa per combattere COVID-19„

Il gruppo dice che questo studio è il primo per dimostrare l'effetto antivirale del tomentosa del U. sul coronavirus novello.

“Ha basato sui nostri risultati, il tomentosa del U. è un'erba medicinale di promessa per combattere COVID-19,„ scriva Zapata ed i colleghi. “Tuttavia, ulteriori analisi in vitro specifiche combinate con in vivo gli studi devono essere effettuate per convalidare questa individuazione in vitro.„

I ricercatori dicono sperano che i risultati supportino l'indagine continuata sul tomentosa del U. ed infine piombo alla convalida del suo uso clinico nelle prove mediche.

Avviso *Important

il bioRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Sally Robertson

Written by

Sally Robertson

Sally first developed an interest in medical communications when she took on the role of Journal Development Editor for BioMed Central (BMC), after having graduated with a degree in biomedical science from Greenwich University.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Robertson, Sally. (2020, November 12). “L'estratto della branca del capone„ inibisce la replica di SARS-CoV-2 in vitro. News-Medical. Retrieved on September 24, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20201112/Cats-claw-extract-inhibits-replication-of-SARS-CoV-2-in-vitro.aspx.

  • MLA

    Robertson, Sally. "“L'estratto della branca del capone„ inibisce la replica di SARS-CoV-2 in vitro". News-Medical. 24 September 2021. <https://www.news-medical.net/news/20201112/Cats-claw-extract-inhibits-replication-of-SARS-CoV-2-in-vitro.aspx>.

  • Chicago

    Robertson, Sally. "“L'estratto della branca del capone„ inibisce la replica di SARS-CoV-2 in vitro". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20201112/Cats-claw-extract-inhibits-replication-of-SARS-CoV-2-in-vitro.aspx. (accessed September 24, 2021).

  • Harvard

    Robertson, Sally. 2020. “L'estratto della branca del capone„ inibisce la replica di SARS-CoV-2 in vitro. News-Medical, viewed 24 September 2021, https://www.news-medical.net/news/20201112/Cats-claw-extract-inhibits-replication-of-SARS-CoV-2-in-vitro.aspx.