Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La strategia complessa COVID-19 può impedire le infezioni, vite di risparmi in paesi risorsa-sfidati

Una strategia di salute pubblica che le associazioni contattano il rintracciamento e la selezione a livello comunitario con i centri di quarantena e di isolamento può diminuire sostanzialmente le infezioni, le ospedalizzazioni e le morti da COVID-19 mentre sono redditizio nei paesi di basso e medio reddito gradisca il Sudafrica, uno studio dal policlinico di Massachusetts (MGH) ha trovato. In un documento pubblicato nella salubrità globale di The Lancet, il gruppo di ricerca ha riferito che questa batteria degli interventi di salubrità, applicata completamente o parzialmente, potrebbe offrire il buon valore per la moneta e, in alcuni scenari, anche per diminuire le spese di sanità nel Sudafrica.

I nostri risultati dimostrano ai responsabili della politica pubblici che una strategia complessa COVID-19 può impedire le infezioni e salvare le vite anche dove i bilanci e le risorse sono costretti.„  

Krishna Reddy, MD, ricercatore con il centro di valutazione di pratica medica a MGH ed autore corrispondente dello studio

Da ora a settembre 2020, 16 paesi in Africa Subsahariana (SSA) ciascuno avevano riferito più di 10.000 casi COVID-19. Sollevando il rischio sanitario alle popolazioni in questa regione sia la densità della popolazione urbana su, opportunità limitate per distanziare fisico ed accesso difficile all'igiene ed alle strutture ospedaliere. Nel passato, l'organizzazione mondiale della sanità ha formulato le raccomandazioni per sorveglianza e controllo di malattia in paesi bassi e con reddito medio ed alcune hanno applicato i programmi come il tracciato del contatto e la selezione a livello comunitario in risposta alle epidemie precedenti della malattia infettiva come Ebola e la tubercolosi.

Il gruppo di ricerca di MGH, in collaborazione con l'istituto di ricerca di salubrità dell'Africa, ha sviluppato un modello di microsimulation COVID-19 per valutare i risultati clinici ed economici di varie combinazioni di cinque interventi epidemici complementari di controllo in Kwazulu Natal, Sudafrica. Quegli interventi sono prova di sanità, dove la prova diagnostica è eseguita ai centri designati di sanità; contatti il rintracciamento per identificare coloro che può venire a stretto contatto con qualcuno con COVID-19; centri di isolamento per la gente con COVID-19; selezione di massa di sintomo delle popolazioni locali dagli ufficiali sanitari della comunità; ed i centri di quarantena per la gente che è stata a stretto contatto con qualcuno con COVID-19 ma hanno verificato la quantità negativa.

Un programma di salute pubblica sviluppato su tutti e cinque gli interventi in risposta alla pandemia ha potuto ridurre le morti COVID-19 di 94% confrontato all'uso della sanità che prova da solo in un anno, lo studio trovato. Egualmente ha stimato che un programma che combina tutti gli interventi costasse i $340 supplementari all'anno di vita salvata, che rappresenta il simile o migliore valore che molte altre iniziative stabilite di salute pubblica nel Sudafrica, compreso la prova della tubercolosi e lo screening del cancro cervicale diagnostici. In alcuni scenari epidemici della crescita, le combinazioni di interventi hanno compresso le spese sanitarie in un anno rispetto alla sanità che prova da solo. “I nostri risultati indicano che questi in anticipo investimenti possono sia comprimere le vite che le spese sanitarie realmente più basse sostanzialmente diminuendo l'esigenza delle ospedalizzazioni per COVID-19,„ dice il segno Siedner, il MD, MPH, con il centro di valutazione di pratica medica di MGH e l'autore senior dello studio.

Molti paesi hanno le infrastrutture sul posto per alcuni o tutte questi interventi, i ricercatori precisati. Il tracciato del contatto e la selezione a livello comunitario, per esempio, sono stati spiegati frequentemente nel passato attraverso le reti degli ufficiali sanitari della comunità. Ed i centri di isolamento, che sono probabili richiedere il più grande investimento, sono stati applicati con successo in risposta alle epidemie di Ebola in Africa occidentale ed il Repubblica Democratica del Congo, dove le risorse di sanità sono fra il più insufficiente nel mondo. Secondo il gruppo di ricerca di MGH, i centri di isolamento sarebbero particolarmente efficaci nelle aree con alta densità della famiglia e la capacità limitata per isolamento della in-casa. I centri di quarantena egualmente sono stati indicati dal modello di microsimulation di MGH per essere un modo redditizio diminuire l'impatto di salubrità delle epidemie, ma la loro entrata in vigore deve riconoscere le emissioni di diritti dell'uomo sociali e che hanno contagiato la quarantena obbligatoria in alcune impostazioni.

“Neppure dove i centri di quarantena non sono fattibile dovuto mancanza di aiuti pubblici, applicare gli altri interventi che abbiamo descritto può fornire i vantaggi clinici importanti in un modo economico,„ sollecita Reddy. “La riga inferiore è che la prevenzione va un modo lungo e siamo promettenti che i decisori funzioneranno per tradurre la prova che abbiamo scoperto in efficaci ordine pubblico ed interventi per controllo pandemico.„

Source:
Journal reference:

Reddy, K.P., et al. (2020) Cost-effectiveness of public health strategies for COVID-19 epidemic control in South Africa: a microsimulation modelling study. The Lancet Global Health. doi.org/10.1016/S2214-109X(20)30452-6.