Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Droga antipiastrinica potente non superiore al livello di cura nella diminuzione del rischio di attacco di cuore durante l'angioplastia

L'uso del ticagrelor antipiastrinico più potente del farmaco non era superiore a clopidogrel nella riduzione della tariffa di attacco di cuore o delle complicazioni severe fra la gente che subisce una procedura elettiva per aprire un'arteria bloccata, secondo la ricerca dirottura presentata oggi alle sessioni scientifiche 2020 dell'associazione americana del cuore. La riunione virtuale è venerdì, il 13 novembre - martedì 17 novembre 2020 ed è uno scambio globale primo di ultimi avanzamenti scientifici, ricerca e ad aggiornamenti clinici basati a prova di pratica nella scienza cardiovascolare per la sanità universalmente. Il manoscritto di questo studio è pubblicato simultaneamente oggi in lancetta.

Ripartita le probabilità su, internazionale, prova multicentrata di ALPHEUS ha iscritto 1.833 adulti (maschio di età media 67%) a 49 centri in due paesi europei (la Francia e repubblica Ceca). I partecipanti hanno avuti malattia di cuore ed eletti per subire l'intervento coronario percutaneo (anche conosciuto come il PCI o l'angioplastia) per aprire uno stretto o un sangue di fornitura bloccato del vaso sanguigno al cuore.

La prova esaminata se il ticagrelor, un farmaco antipiastrinico più potente che il livello di cura (clopidogrel), può diminuire l'attacco di cuore e le complicazioni di tariffa intorno al periodo della procedura per i pazienti che sono considerati ad alto rischio dovuto almeno uno stato di fondo supplementare, quali insufficienza renale, il diabete, il peso eccessivo, lo syndome coronario acuto priore o l'infarto, o a causa di una procedura ad alto rischio (stents multipli stati necessari, biforcazione che stenting, a sinistra main, ecc.).

Mentre il ticagrelor è stato indicato negli studi precedenti per essere utile nella diminuzione dei coaguli di sangue fra la gente che ha avvertito un bloccaggio improvviso in un'arteria coronaria, non è stata valutata mai in pazienti che subiscono l'intervento coronario percutaneo elettivo con le condizioni del cuore più stabili.„

Johanne Silvain, M.D., Ph.D., autore di studio del cavo e un cardiologo e un Direttore interventional dell'unità di cure intensive coronaria al Institut de Cardiologie dell'ospedale Pitié Salpêtrière a Parigi

L'intervento coronario percutaneo (PCI) è una procedura comune e non chirurgica che utilizza un pallone gonfiabile per aprire un'arteria bloccata del cuore. la placca d'ostruzione è spinta contro la parete del vaso sanguigno per riparare il sangue attraversa l'arteria. Un piccolo tubo della maglia chiamato uno stent a volte è collocato nell'arteria per tenerlo aperta.

Il rischio di complicazioni severe, compreso i grumi dello stent, colpo e morte, durante l'intervento coronario percutaneo è meno di 1% (la tariffa era 0,5% nella prova di ALPHEUS). Tuttavia, alcuni pazienti avvertono gli attacchi di cuore provocati dalla procedura stessa del PCI.

In questo studio, un gruppo di controllo dei pazienti ha ricevuto il clopidogrel più l'aspirina prima del PCI e per i 30 giorni dopo la procedura. Il gruppo sperimentale ha ricevuto dopo il ticagrelor più l'aspirina prima del PCI e per i 30 giorni.

Gli studi, che sono stati intrapresi in più di tre anni, hanno trovato:

  • La tariffa di attacco di cuore periprocedural e delle complicazioni severe, compreso i grumi dello stent, colpo e morte, era simile fra il gruppo di controllo ed il gruppo sperimentale.
  • Non c'era aumento nell'eccessivo spurgo 48 ore dopo che il PCI fra i pazienti ha trattato con il ticagrelor confrontato al gruppo di controllo.

“Questi risultati mostrano che non ci sono dati scientifici per supportare un cambiamento nel livello di cura,„ Silvain ha detto. “L'uso del ticagrelor dovrebbe essere riservato per la cura dei pazienti che hanno avvertito un bloccaggio improvviso in un'arteria coronaria (sindrome coronarica acuta), non coloro che ha condizioni del cuore stabili ed elegge il PCI.„

Le limitazioni di studio includono che “era un contrassegno aperto di prova, infarto miocardico e la lesione è stata usata come il risultato clinico come punto finale clinico duro che sono rare in PCI elettivo. I pazienti nell'ambito della terapia cronica del clopidogrel erano inclusi e tutte le analisi della troponina sono state permesse riflettere in vivo ma possono portare l'eterogeneità,„ lui hanno spiegato.