Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il controllo cardiovascolare di fattore di rischio è vitale per gli adulti con il diabete di tipo 2

Anche quando i fattori di rischio connessi con la malattia cardiovascolare sono ottimamente controllati, gli adulti con il diabete di tipo 2 ancora hanno un maggior rischio di sviluppare la malattia cardiovascolare confrontato alla popolazione in genere, secondo la nuova ricerca pubblicata oggi nella circolazione del giornale della nave ammiraglia dell'associazione americana del cuore.

Gli studi precedenti hanno indicato che la gente con il diabete di tipo 2 ha avuta poco o nessun rischio in eccesso di eventi o di morte della malattia cardiovascolare quando tutti i fattori di rischio sono ottimamente controllati. Il nostro gruppo ha cercato di determinare come il grado di controllo di fattore di rischio nella gente con il diabete di tipo 2 ha urtato il rischio di CVD e la mortalità ha paragonato alla gente al diabete di tipo 2 che ha avuto tutti i fattori di rischio ottimamente controllati ed alla gente che non ha diabete di tipo 2.„

Alison Wright, Ph.D., primo autore e socio di ricerca al centro per il Pharmacoepidemiology ed alla sicurezza della droga all'università di Manchester nel Regno Unito

I ricercatori hanno analizzato i dati fra 2006 e 2015 facendo uso di due sorgenti: La ricerca clinica Datalink di pratica (CPRD) ed il gruppo di dati scozzese del Informazione-Diabete di cura (SCI-Diabete) con il legame all'ospedale ed ai dati di mortalità. Più di 101,000 persone con il diabete di tipo 2 sono stati identificati ed abbinato stati con quasi 379,000 persone senza diabete in CPRD ed in quasi 331.000 con il diabete di tipo 2 in SCI-Diabete.

Ricercatori messi a fuoco su cinque fattori di rischio cardiovascolari: pressione sanguigna, fumare, colesterolo, trigliceridi e glucosio di sangue ed esaminato l'associazione agli eventi cardiovascolari futuri e morte fra questi fattori di rischio che erano ottimamente controllati. Ulteriormente, hanno esaminato se la presenza (cuore e rene) di malattia cardiorenal urtasse queste connessioni.

La loro analisi trovata:

  • Soltanto 6% dei partecipanti con il diabete di tipo 2 ha avuto tutti e cinque i fattori di rischio all'interno di target di riferimento.
  • Anche quando tutti e cinque i fattori di rischio cardiovascolari erano ottimamente controllati, la gente con il diabete di tipo 2 ancora ha avuta un elevato rischio di 21% per CVD ed elevato rischio di 31% per l'ospedalizzazione dell'infarto che la gente senza diabete.
  • L'associazione fra il numero del rischio elevato di evento di CVD e di fattori di rischio era più forte nella gente con il diabete di tipo 2 che egualmente non ha avuto malattia cardiorenal.

“La gente con il diabete di tipo 2 dovrebbe essere curata prima possibile per i fattori di rischio cardiovascolari, indipendentemente se hanno malattia cardiovascolare o non,„ da Wright ha detto. “C'è potenziale reale qui di diminuire l'impatto globale del diabete di tipo 2 sugli eventi cardiovascolari futuri, particolarmente per i pazienti con il diabete di tipo 2 che ancora non è stato diagnosticato con CVD.„

Mentre i ricercatori hanno notato che questa ricerca ha dimostrato l'importanza del camice di controllo di fattore di rischio, la ricerca futura esplorerà che i diversi fattori hanno il più grande impatto sul rischio cardiovascolare e, pertanto, è il più importante da mirare a con gli interventi. Secondo il 7® semplice della vita dell'associazione americana del cuore, i sette fattori di rischio che la gente può migliorare con lo stile di vita cambia per raggiungere la salubrità cardiovascolare ideale stanno gestendo la pressione sanguigna, colesterolo gestente, diminuendo lo zucchero di sangue, l'attività fisica aumentante, mangianti gli alimenti sani, peso perdente e terminanti il fumo.

Una resistenza evidenziata dai ricercatori è che i risultati possono anche applicarsi alla popolazione degli Stati Uniti, poichè le linee guida della gestione e del trattamento sono simili alla popolazione BRITANNICA studiata. Una limitazione di questo studio è che è uno studio d'osservazione, facendo uso dei dati dalle cartelle sanitarie di pronto intervento che possono essere incomplete. Di conseguenza, i dati non possono fornire l'immagine completa dello stato di salute per questi pazienti.

Source:
Journal reference:

Wright, A.K., et al. (2020) Risk Factor Control and Cardiovascular Event Risk in People With Type 2 Diabetes in Primary and Secondary Prevention Settings. Circulation. doi.org/10.1161/CIRCULATIONAHA.120.046783.