Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio confronta le morti in Svezia ed in Norvegia prima e dopo pandemia di COVID

Uno studio epidemiologico recente, attualmente disponibile sul " server " della pubblicazione preliminare del medRxiv*, dimostra che la mortalità di tutto causa era principalmente immutata durante la pandemia di malattia di coronavirus (COVID-19) confrontata ai quattro anni precedenti in Norvegia ed in Svezia - due paesi che hanno catturato gli itinerari molto differenti nella loro battaglia contro questa malattia.

Studio: Mortalità in Norvegia ed in Svezia prima e dopo lo scoppio Covid-19: uno studio di gruppo. Credito di immagine: Sasha Strekoza/Shutterstock

Il totale ha confermato i casi di COVID-19 intorno al mondo, causati dal coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo, ora sta oltre a 54,82 milione infezioni, con oltre 1,32 milione morti e 35,21 milione ripristini (il 16 novembre 2020).

Ciò nonostante, una valutazione precisa del carico COVID-19 è stata ostacolata dalla mancanza di dati completi sulla malattia e sui vantaggi e nuoce a delle misure applicate contro di. Inoltre, i tassi di mortalità causa-specifici possono essere a tendenziosità incline, specialmente per una malattia con un alto carico asintomatico e la prova/differenze di segnalazione.

Quindi, le tendenze della mortalità di tutto causa possono dare noi un'alternativa molto più affidabile per la valutazione del carico di un'epidemia in paesi differenti e nelle regioni come pure a strategie nazionali che possono differire sostanzialmente.

I tassi di mortalità per 100.000 persone in Norvegia (marrone) e la Svezia (blu) per dal 29 luglio 2019 al 26 luglio 2020 (linee continue), 2015-2019* medio (linee tratteggiate) e Covid-19 hanno associato i tassi di mortalità (punteggiati). La riga verticale rossa mostra il punto di tempo per lo scoppio Covid-19 in Norvegia ed in Svezia (undicesima e 12 marzo).
I tassi di mortalità per 100.000 persone in Norvegia (marrone) e la Svezia (blu) per dal 29 luglio 2019 al 26 luglio 2020 (linee continue), 2015-2019* medio (linee tratteggiate) e Covid-19 hanno associato i tassi di mortalità (punteggiati). La riga verticale rossa mostra il punto di tempo per lo scoppio Covid-19 in Norvegia ed in Svezia (undicesima e 12 marzo).

Un racconto di due paesi limitrofi

La Norvegia e la Svezia sono paesi affini riguardo ad origine etnica, ai sistemi amministrativi, al socioeconomics ed ai sistemi di sanità pubblica. Ancora, entrambi hanno registrazione affidabile, rigorosa, tempestiva e completa delle morti.

Nella lotta contro COVID-19, la Norvegia ha applicato le misure dure ed estese (quali i blocco-bassi e le chiusure del banco) e che ha riferito che il carico più basso dei casi severi e di pochi COVID-19 ha associato le morti. Per contro, la Svezia ha avuta una strategia molto meno intrusiva ma è stata criticata per la segnalazione più malattia e morti associate COVID-19.

In Svezia, tuttavia, la mortalità era globalmente più bassa di quanto preveduta nei mesi che precedono l'epidemia. Ciò colloca la fase per un esperimento naturale ed apre la porta per le analisi specifiche di differenza-in-differenza.

L'opportunità è stata abbracciata dai ricercatori dalla Norvegia e dalla Svezia, piombo dal Dott. Frederik E Juul dal gruppo di ricerca clinico dell'efficacia all'ospedale universitario di Oslo ed all'università di Oslo. Hanno deciso di tuffarsi in profondità nei dati e confrontare l'effetto delle strategie nazionali differenti su tutto causa e su COVID-19 ha associato la mortalità.

Un approccio di studio di gruppo

In questo studio, i ricercatori hanno calcolato i tassi di mortalità settimanali con gli intervalli di confidenza di 95% per 100.000 persone e rapporti di tasso di mortalità per paragonare l'anno epidemico (29 luglio 2019, al 26 luglio 2020) ai quattro anni precedenti (luglio 2015 al luglio 2019).

Questi scienziati egualmente hanno confrontato le morti ed i tassi di mortalità associati COVID-19 per le settimane dell'epidemia in Norvegia ed in Svezia (fra il 16 marzo ed il 26 luglio 2020). I dati sono stati ottenuti dalle registrazioni principali di dati in questi due paesi che sono vicini a completo di 100% dovuto la segnalazione obbligatoria.

Tutto il COVID-19 ha associato la mortalità (definita come morti fra le persone con una prova positiva COVID-19 fino a trenta giorni prima che morte) stratificata dall'età è stato recuperato dall'istituto della salute pubblica in Norvegia e dall'agenzia di salute pubblica della Svezia.

mortalità di Tutto causa come misura chiave?

“Il nostro studio indica che sebbene il tasso di mortalità associato Covid-19 sia stato volta quasi 15 più su in Svezia che in Norvegia durante l'epidemia, la mortalità di tutto causa non era più alta in Svezia ha paragonato a tre dei quattro anni precedenti„, dice i ricercatori di studio.

Più specificamente, i tassi di mortalità in Norvegia erano relativamente stabili durante i primi tre periodi di 12 mesi di 2015/16, di 2016/17 e di 2017/18 (variando fra 14,8 e 15,1 per 100.000 persone) e leggermente si abbassano nei due periodi che precedono e durante l'epidemia (2018/19 e 2019/20 con una tariffa di 14,5 per 100.000 persone).

D'altra parte, la mortalità di tutto causa in Svezia era stabile durante i primi tre periodi di 12 mesi di 2015/16, di 2016/17 e di 2017/18 (variando fra 17,2 - 17,5 per 100.000 persone), ma più basso durante l'anno 2018/19, che immediatamente ha preceduto l'epidemia (16,2 per 100.000 persone).

Comunque, un aumento nella mortalità di tutto causa era soltanto visibile rispetto immediatamente prima al periodo (2018/19), poichè la mortalità era più bassa una volta confrontata agli anni prima. Ancora, la mortalità in eccesso è stata limitata ai più vecchi di 70 anni delle persone.

Per contro, i tassi di mortalità erano più bassi di quanto preveduti per tutte le età in Norvegia e quelli più giovane di 70 anni in Svezia. Per concludere, le tariffe delle malattie infettive registrate all'infuori di COVID-19 sono diminuito.

Il ruolo di spostamento di mortalità

“Il nostro studio mostra che la mortalità di tutto causa era in gran parte immutata durante l'epidemia rispetto ai quattro anni precedenti in Norvegia ed in Svezia, due paesi quale hanno impiegato le strategie molto differenti contro l'epidemia,„ sottolinea gli autori di studio in questo documento del medRxiv.

Cioè la mortalità in eccesso da COVID-19 può essere meno cospicua che precedentemente percepita in Svezia, mentre lo spostamento della mortalità può essere usato per spiegare almeno la parte dei risultati osservati.

Più specificamente, lo spostamento della mortalità implica la mortalità temporaneamente aumentata (cioè, mortalità in eccesso) in una popolazione sicura come conseguenza degli eventi esterni, che probabilmente sorge perché le persone nei gruppi vulnerabili muoiono settimane o mesi più presto di essi altrimenti - soprattutto dovuto la sincronizzazione o la severità dell'evento esterno insolito. La mortalità in eccesso, così, è retrodatata o seguita dai periodi di tempo di mortalità più basso di quanto prevista.

In conclusione, i ricercatori sperano che questi risultati possano aprire la porta per una discussione più di meno polarizzata e non di giudizio circa i vantaggi e gli svantaggi delle misure più clementi o più drastiche contro la pandemia COVID-19.

Avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Dr. Tomislav Meštrović

Written by

Dr. Tomislav Meštrović

Dr. Tomislav Meštrović is a medical doctor (MD) with a Ph.D. in biomedical and health sciences, specialist in the field of clinical microbiology, and an Assistant Professor at Croatia's youngest university - University North. In addition to his interest in clinical, research and lecturing activities, his immense passion for medical writing and scientific communication goes back to his student days. He enjoys contributing back to the community. In his spare time, Tomislav is a movie buff and an avid traveler.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Meštrović, Tomislav. (2020, November 16). Lo studio confronta le morti in Svezia ed in Norvegia prima e dopo pandemia di COVID. News-Medical. Retrieved on November 27, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20201116/Study-compares-deaths-in-Sweden-and-Norway-before-and-after-COVID-pandemic.aspx.

  • MLA

    Meštrović, Tomislav. "Lo studio confronta le morti in Svezia ed in Norvegia prima e dopo pandemia di COVID". News-Medical. 27 November 2020. <https://www.news-medical.net/news/20201116/Study-compares-deaths-in-Sweden-and-Norway-before-and-after-COVID-pandemic.aspx>.

  • Chicago

    Meštrović, Tomislav. "Lo studio confronta le morti in Svezia ed in Norvegia prima e dopo pandemia di COVID". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20201116/Study-compares-deaths-in-Sweden-and-Norway-before-and-after-COVID-pandemic.aspx. (accessed November 27, 2020).

  • Harvard

    Meštrović, Tomislav. 2020. Lo studio confronta le morti in Svezia ed in Norvegia prima e dopo pandemia di COVID. News-Medical, viewed 27 November 2020, https://www.news-medical.net/news/20201116/Study-compares-deaths-in-Sweden-and-Norway-before-and-after-COVID-pandemic.aspx.