Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La droga novella diminuisce il rischio di eventi cardiovascolari per i pazienti con il diabete di tipo 2, malattia renale

Un farmaco novello del diabete diminuisce significativamente il rischio di ospedalizzazione per infarto, attacco di cuore ed il colpo, in pazienti con il diabete di tipo 2 e la malattia renale cronica, secondo la ricerca di rottura recente presentata oggi alle sessioni scientifiche 2020 dell'associazione americana del cuore. La riunione virtuale è venerdì, il 13 novembre - martedì 17 novembre 2020 ed è uno scambio globale primo di ultimi avanzamenti scientifici, ricerca e ad aggiornamenti clinici basati a prova di pratica nella scienza cardiovascolare per la sanità universalmente.

Gli inibitori SGLT2 sono classe A di farmaci che sono prescritti per abbassare lo zucchero di sangue in adulti con il diabete di tipo 2. Sotagliflozin è il primo inibitore doppio SGLT2/1 sviluppato per la gestione sia del tipo 1 che del diabete di tipo 2.

La gente con il diabete di tipo 2 ha più alte tariffe di cardiovascolare e malattia renale e complicazioni più serie. Le prove recenti di altri inibitori SGLT2 hanno indicato coerente le riduzioni in infarto ed abbiamo voluto valutare la sicurezza e l'efficacia di sotagliflozin in adulti con il diabete di tipo 2 e la malattia renale cronica.„

Deepak L. Bhatt, M.D., M.P.H., FAHA, autore di studio del cavo, direttore esecutivo dei programmi cardiovascolari interventional al cuore dell'ospedale delle donne e di Brigham & al centro ed a professore di medicina vascolari alla facoltà di medicina di Harvard

I ricercatori hanno intrapreso gli studi ripartiti le probabilità su, controllati a placebo, multicentrati per studiare gli effetti di sotagliflozin. Nella prova SEGNATA, più di 10,000 persone (età medie donne di 45%, di 69, 17% di colore) con il diabete di tipo 2 e la malattia renale cronica sono stati ripartiti con scelta casuale per ricevere il sotagliflozin o il placebo.

Sebbene la prova cessi più presto di quanto previsto dovuto perdita di finanziamento durante la pandemia COVID-19, risultati dopo che un periodo medio di seguito di 16 mesi indica i numerosi vantaggi per i pazienti che ricevono il sotagliflozin:

  • C'era una diminuzione significativa di 26% nel numero totale delle morti cardiovascolari, delle ospedalizzazioni per infarto o delle visite urgenti per infarto.
  • Una riduzione significativa del numero totale degli attacchi di cuore e dei colpi è stata raggiunta.
  • C'era una riduzione significativa dei livelli del glucosio di sangue in pazienti con moderatamente alla funzione severamente diminuita del rene.

Bhatt ha aggiunto, “Sotagliflozin è il primo inibitore SGLT2 per mostrare un effetto benefico sul colpo fra i pazienti con il diabete, il suggerimento che può anche pregiudicare l'aterosclerosi, o l'accumulazione della placca nelle arterie del cervello e coronarie. È SEGNATA egualmente la prima prova per mostrare i vantaggi degli inibitori SGLT2 attraverso l'intervallo completo di albuminuria, o la dispersione di proteina nell'urina, che è comune nella gente con il diabete di tipo 2.

“Questo è un avanzamento importante per i pazienti con il diabete di tipo 2 e la malattia renale avanzata e questi risultati lo dimostrano chiaramente che gli inibitori SGLT2 dovrebbero trasformarsi in in parte del livello di cura,„ hanno detto.