Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori del UCLA segnano come con esattezza fumare causa l'infezione più severa COVID-19

I ricercatori del UCLA che usando un modello del tessuto della galleria di ventilazione creato dalle cellule staminali umane hanno segnato come con esattezza fumare le sigarette causa l'infezione più severa da SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, nelle gallerie di ventilazione dei polmoni.

Lo studio, piombo dagli scienziati al vasto centro di Edythe e di Eli della ricerca a ricupero della cellula staminale e della medicina al UCLA e pubblicato in cellula staminale delle cellule, aiuterà meglio i ricercatori a capire i rischi COVID-19 per i fumatori ed ha potuto informare lo sviluppo di nuove strategie terapeutiche per contribuire a diminuire le probabilità dei fumatori di sviluppare la malattia severa.

Il tabagismo è una della maggior parte delle cause comuni delle affezioni polmonari, compreso il cancro polmonare e la malattia polmonare ostruttiva cronica e gli studi più demografici dei pazienti COVID-19 hanno indicato che i fumatori correnti sono al rischio aumentato di infezione e di morte severe. Ma le ragioni per le quali non sono stati interamente chiaro.

Per contribuire a capire come fumare pregiudica l'infezione SARS-CoV-2 ad un livello cellulare e molecolare, il Dott. Brigitte Gomperts partnered con gli autori Vaithilingaraja co-senior Arumugaswami, un professore associato di farmacologia molecolare e medica e Kathrin Plath, un professore della biochimica, per ricreare che cosa accade quando le gallerie di ventilazione di un fumatore corrente sono infettate con SARS-CoV-2.

Il gruppo ha utilizzato una piattaforma conosciuta come una cultura dell'interfaccia del aero-liquido, che si sviluppa dalle cellule staminali e molto attentamente dalle repliche umane della galleria di ventilazione come le gallerie di ventilazione si comportano e funzionano in esseri umani. Le gallerie di ventilazione, che portano l'aria inspirata dal radiatore anteriore e dicono ai polmoni, sono la prima linea di difesa dell'organismo contro gli agenti patogeni dispersi nell'aria come i virus, batteri e fumo.

Il nostro modello ripiega la parte superiore delle gallerie di ventilazione, che è il primo posto che il virus colpisce. Ciò è la parte che produce il muco per intrappolare i virus, i batteri e le tossine e contiene le celle con le proiezioni barretti barretta su cui batti quel muco e dall'organismo.„

Il Dott. Brigitte Gomperts, professore di medicina polmonare e membro del Cancro completo del UCLA Jonsson concentra

Le culture dell'interfaccia del aero-liquido utilizzate nello studio si sono sviluppate dalle cellule staminali della galleria di ventilazione catturate dai polmoni di cinque giovani, donatori in buona salute e nonsmoking del tessuto. Per ripiegare gli effetti di fumo, i ricercatori hanno esposto queste culture della galleria di ventilazione al fumo della sigaretta per tre minuti al giorno oltre i quattro giorni.

“Questo tipo di modello è stato usato per studiare le affezioni polmonari per più una decade ed è stato indicato per imitare i cambiamenti nelle vie respiratorie che vedereste in una persona che corrente fuma,„ avete detto Gomperts, che è egualmente presidenza vice della ricerca in ematologia-oncologia pediatrica all'istituto della scoperta e dell'innovazione dei bambini del UCLA.

Dopo, il gruppo ha infettato le culture esposte al fumo della sigaretta -- con le culture identiche che non erano state esposte -- con il virus in tensione SARS-CoV-2 ed i due gruppi sono stati confrontati. Nei modelli esposti a fumo, i ricercatori hanno veduto fra due e tre volte di più ha infettato le celle.

Scavando più ulteriormente, i ricercatori hanno determinato che fumare ha provocato l'infezione più severa SARS-CoV-2, almeno in parte, bloccando l'attività delle proteine del messaggero del sistema immunitario chiamate interferoni. Gli interferoni svolgono un ruolo critico nella risposta immunitaria iniziale dell'organismo avviando le celle infettate alle proteine dei prodotti per attaccare il virus, radunante il supporto supplementare dal sistema immunitario ed avvisante le celle non infette per preparare combattere il virus. Il fumo della sigaretta è conosciuto per diminuire la risposta dell'interferone nelle gallerie di ventilazione.

“Se pensate alle gallerie di ventilazione come le alte pareti che proteggono un castello, fumare le sigarette è come la creazione dei fori in queste pareti,„ Gomperts ha detto. “Fumare diminuisce le difese naturali e quello permette che il virus collochi dentro.„

Source:
Journal reference:

Purkayastha, A., et al. (2020) Direct exposure to SARS-CoV-2 and cigarette smoke increases infection severity and alters the stem cell-derived airway repair response. Cell Stem Cell. doi.org/10.1016/j.stem.2020.11.010.