Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le donne incinte con COVID-19 hanno a basso rischio di sviluppare i sintomi severi

Donne incinte che verificano il positivo a COVID-19 ed i loro neonati hanno un a basso rischio di sviluppare i sintomi severi, secondo un nuovo studio da UT sudoccidentale.

Lo studio, pubblicato oggi nella rete di JAMA aperta, mostra che quel 95 per cento delle donne che hanno provato il positivo per COVID-19 durante la gravidanza non ha avuto risultati avversi. Ulteriormente, lo studio ha trovato che il virus è stato trasmesso al feto in appena 3 per cento dei casi.

I nostri risultati sono che circa 5 per cento di tutte le donne consegnate con l'infezione COVID-19 sviluppano la malattia severa o critica. Cinque per cento sono una preoccupazione importante quando una pandemia sta facendo il suo modo attraverso una popolazione; tuttavia, è più basso dei rapporti precedenti dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). La maggior parte delle donne con l'infezione asintomatica o delicata saranno sollevate per sapere che i loro bambini sono improbabili da essere influenzato dal virus.„

Emily Adhikari, M.D., ostetrico, ginecologo e primo autore dello studio

I ricercatori precisano per misurare come l'infezione COVID-19 urta i risultati di gravidanza, quanto severamente malato una donna incinta ottiene, patologia placentare ed infezioni neonatali studiando le donne a salubrità ed al sistema ospedaliero di parco - un sistema prenatale in grande quantità della clinica e l'ospedale pubblico affiliato con UT sudoccidentale. Il gruppo ha seguito 3.374 madri, 252 chi hanno verificato il positivo a virus durante la gravidanza, di da marzo a agosto. Il gruppo era principalmente ispano (75 per cento), seguito da nero (18 per cento) e da bianco (4 per cento). Non c'erano differenze significative fra le donne incinte nell'età, numero delle nascite precedenti, BMI, o il diabete.

La pandemia ha colpito particolarmente duro la popolazione ispana a Dallas. “Mentre compongono 75 per cento della popolazione oltre di 12.000 donne che consegnano annualmente alla nostra istituzione, le donne di origine etnica ispana hanno composto oltre 90 per cento delle donne di COVID-19-positive. Il più alta frequenza fra le donne ispane nel nostro studio è coerente con i dati su razziale e le disparità etniche nei casi COVID-19 e nelle morti hanno riferito in tutta la nazione,„ dice Adhikari, Direttore medico delle malattie infettive perinatali all'ospedale commemorativo di parco e un assistente universitario dell'ostetricia e della ginecologia.

Fra le 252 donne che hanno verificato il positivo, 239, o 95 per cento, erano asintomatici o hanno avuti sintomi delicati inizialmente. Sei di quelle donne successivamente ha sviluppato la polmonite severa o critica COVID-19. Confrontando le madri con e senza COVID-19 diagnosticate in qualunque momento durante la gravidanza, il virus COVID-19 non ha aumentato il rischio di risultati avversi, compreso la nascita prematura, il preeclampsia con le funzionalità severe, o la consegna cesarean per la frequenza cardiaca fetale anormale. Tuttavia, la nascita prematura è stata aumentata fra le madri che hanno sviluppato la malattia severa o critica prima del raggiungimento delle 37 settimane nella loro gravidanza ed è duro predire chi quello sarà. Lo studio ha trovato che il diabete può essere un fattore che aumenta il rischio per la malattia materna severa o critica.

Patologi che hanno esaminato le placente - l'organo che funziona come la sorgente di ossigeno e di alimentazione per i bambini futuri - trovate che la maggioranza era inalterata dal virus.

Le madri COVID-19 che erano pazienti esterni sono state seguite facendo uso di telemedicina con una valutazione scritta secondo copione dei sintomi ed alla della gestione basata a protocollo, compreso le istruzioni per il rinvio al pronto soccorso per il peggioramento i sintomi respiratori o delle preoccupazioni ostetriche. La telemedicina è stata uno strumento vitale usato da molti UT medici di parco e sudoccidentali durante la pandemia.

Ulteriore studio è necessario capire se l'infezione materna con COVID-19 urti la salubrità materna o infantile a lungo termine.

“Il nostro scopo è di emanare alle le linee guida basate a prova per la maggior parte delle donne incinte che stanno recuperando a casa,„ Adhikari dice. “È difficile da predire chi diventerà severamente malato, che è perché strategie di prevenzione quale il a mano lavaggio, mascherando e distanziare sociale è ancora estremamente importante.„

Source:
Journal reference:

Adhikari, E.H., et al. (2020) Pregnancy Outcomes Among Women With and Without Severe Acute Respiratory Syndrome Coronavirus 2 Infection. JAMA Network Open. doi.org/10.1001/jamanetworkopen.2020.29256.