Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il cibo dei manghi di Ataulfo può diminuire le grinze facciali in donne più anziane

I manghi, come altre frutta e verdure arancio, sono ricchi in beta-carotene e forniscono gli antiossidanti che possono ritardare il danno delle cellule. Un nuovo studio dai ricercatori all'università di California, Davis, ritrovamenti mangianti i manghi di Ataulfo, anche conosciuti come miele o i manghi di Champagne, può avere altro vantaggio -- diminuzione delle grinze facciali in donne più anziane con interfaccia più equa. Lo studio è stato pubblicato nelle sostanze nutrienti del giornale.

Le donne postmenopausali che hanno mangiato una mezza tazza dei manghi di Ataulfo quattro volte un la settimana hanno veduto una diminuzione di 23 per cento in grinze profonde dopo due mesi e una diminuzione di 20 per cento dopo quattro mesi.

“Che è un miglioramento significativo in grinze,„ ha detto l'autore principale Vivien Fam, uno studente di laurea nel dipartimento di Uc Davis di nutrizione. Ma i risultati sono molto specifici e vengono con un avvertimento.

“Le donne che hanno mangiato una tazza e una metà dei manghi per gli stessi periodi hanno veduto un aumento in grinze. Ciò mostra che mentre un certo mango può essere buono per salubrità dell'interfaccia, troppo di non può essere,„ Fam ha detto.

I ricercatori hanno detto che è poco chiara perché consumare più mango avrebbe aumentato la severità delle grinze ma avrebbe speculato che può essere collegato con una quantità robusta di zucchero nella più grande porzione di manghi.

Risultati quantificabili

Lo studio pilota clinico ripartito con scelta casuale ha fatto partecipare 28 donne postmenopausali con i tipi dell'interfaccia di Fitzpatrick II o III (interfaccia che brucia più facilmente delle abbronzature). Le donne sono state divise in due gruppi: un gruppo ha consumato una mezza tazza dei manghi quattro volte una settimana per quattro mesi ed un altro hanno consumato una tazza e una metà per lo stesso periodo. Le grinze facciali sono state valutate facendo uso di un sistema ad alta definizione della macchina fotografica.

Il sistema abbiamo usato per analizzare le grinze ha permesso che noi visualizzassimo non appena le grinze, ma quantificassimo e misurassimo le grinze. Ciò è che estremamente accurata e permessa noi catturare più appena l'aspetto delle grinze o che cosa l'occhio potrebbe vedere.„

Robert Hackman, professore nel dipartimento dell'autore di corrispondenza e di nutrizione dello studio

Lo studio ha esaminato la severità, la lunghezza e la larghezza di fine, in profondità e delle grinze emergenti. Fam ha detto che il gruppo che ha consumato una mezza tazza dei manghi ha veduto i miglioramenti in tutte le categorie.

Fam ha detto che ulteriore ricerca è necessaria imparare i meccanismi dietro la riduzione di grinze. Ha detto che può essere dovuto gli effetti benefici dei carotenoidi (pigmenti arancio o rossi dell'impianto) ed altri phytonutrients che potrebbero contribuire a costruire il collageno.

Source:
Journal reference:

Fam, V.W., et al. (2020) Prospective Evaluation of Mango Fruit Intake on Facial Wrinkles and Erythema in Postmenopausal Women: A Randomized Clinical Pilot Study. Nutrients. doi.org/10.3390/nu12113381.