Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Over-45s sono all'elevato rischio di contratto dello STIs che mai prima

OVER-45s sono ad un elevato rischio di contratto dello STIs che mai prima a causa della riluttanza della società parlare della gente di mezza età e più anziana facendo sesso, un nuovo rapporto ha trovato.

Uno studio intrapreso dall'università di Chichester, accanto alle organizzazioni nel Regno Unito, il Belgio ed i Paesi Bassi, ha rivelato gli atteggiamenti negativi e la conoscenza limitata verso i bisogni sessuali della salubrità del gruppo d'età è associata con una generazione ignara dei pericoli di rapporto sessuale non protetto.

Egualmente ha trovato che over-45s che vivono socialmente dentro e le aree economico-svantaggiate sono specialmente al rischio di contratto delle infezioni sessualmente-trasmesse con poca consapevolezza dei servizi disponibili di sanità e ad ad accesso limitato a medici ed agli infermieri.

Il rapporto fa parte del progetto dello SPOSTAMENTO: un'iniziativa triennale che mira a sviluppare un modello formativo che può essere utilizzato dai professionisti che lavorano nella sanità per migliorare la salubrità ed il benessere sessuali della gente di mezza età e più anziana attraverso il Regno Unito e l'Europa.

L'università di Dott. Ian Tyndall del professore di seconda fascia di Chichester, che piombo la valutazione del progetto, ha detto che i cambi principali nel comportamento sessuale negli ultimi decenni ha veduto i numeri aumentanti di sessualmente - la vecchio-gente attiva.

Il rischio di Over-45s al massimo è generalmente quelle nuove relazioni entranti dopo un periodo di monogamia, spesso post-menopausa, quando la gravidanza non è più una considerazione, ma prende poco in considerazione STIs. I miglioramenti dati nella speranza di vita, sanità sessuale deve migliorare il suo intervento affinchè gli adulti più anziani ed i gruppi vulnerabili forniscano un servizio utilizzato, più informato, pietoso ed efficace.„

Dott. Ian Tyndall, professore di seconda fascia, università di Chichester

Lo studio triennale dello SPOSTAMENTO è stato lanciato nel 2019. A seguito di una concessione 2.5million dal programma di UE il Interreg 2Seas, la sua intenzione è di indirizzare le tariffe crescenti di STIs in over-45s e di migliorare l'impegno della gente più anziana nei servizi sanitari sessuali, compreso quelle che affrontano lo svantaggio socioeconomico.

L'ultimo rapporto di SPOSTAMENTO incluso intorno a 800 partecipanti attraverso la costa sud dell'Inghilterra e delle regioni settentrionali di Belgio e dei Paesi Bassi, quasi 200 di cui affrontano lo svantaggio socioeconomico. I risultati iniziali hanno evidenziato quattro zone critiche dove, i ricercatori ritengono, un intervento possono indirizzare le lacune nella disposizione corrente di sanità: consapevolezza, accesso, conoscenza e marchio di infamia.

  • Consapevolezza: I risultati hanno indicato che un numero significativo dei partecipanti era ignaro dei rischi di STI, mentre 46 per cento non hanno conosciuto la posizione del loro centro di sanità più vicino. I ricercatori, tuttavia, hanno trovato che i media sociali erano lo strumento più efficace per l'incoraggiamento dell'impegno con i servizi sanitari sessuali - davanti agli opuscoli o alle nomine del GP.
  • Conoscenza: I partecipanti hanno evidenziato che i loro professionisti del settore medico-sanitario, compreso medici e gli infermieri, mancavano della conoscenza sessuale sufficiente di salubrità - e conseguentemente soltanto a metà hanno avuti una prova recente di STI. C'è quindi “un bisogno urgente„ di creare un programma di formazione adattato per aumentare la comprensione nella mano d'opera più ampia di sanità, i ricercatori ha scritto.
  • Marchio di infamia: La vergogna è stata identificata come la più grande barriera ad accedere ai servizi sessuali di sanità, secondo il rapporto. Una serie di partecipanti hanno ritenuto che la salubrità sessuale si fosse trasformata in in un termine “sporco„ che sta scoraggiando la gente dall'assistere ai controlli regolari.

  • Access: Le informazioni limitate intorno alla posizione dei centri sanitari sessuali ed i tempi limitati di apertura erano un problema coerente per molti partecipanti. Altri che vivono nelle posizioni più rurali egualmente hanno citato che coltivare i costi di trasporto pubblico era una barriera alle nomine.

Il collega Dott. Ruth Lowry del ricercatore dello SPOSTAMENTO ha aggiunto: “È chiaro dai numeri che riferiscono il timore di giudizio da altri importanti che le conoscano e dai professionisti del settore medico-sanitario che il marchio di infamia rimane una barriera cruciale da indirizzare in tutto l'intervento sessuale di promozione della salute.

“I risultati egualmente hanno indicato che i gruppi con uno o più svantaggi socioeconomici, quali i senzatetto, lavoratori di sesso, altoparlanti di linguaggio e migranti non indigeni, sono ancora al maggior rischio di non potere ignari della loro salubrità sessuale ed accedere ai servizi appropriati.„

I partner dello SPOSTAMENTO intendono da ora al 2021 avere un efficace intervento pronto, dopo di che sarà srotolato ai professionisti di sanità, con la ricerca pubblicata nel 2022. Intende raggiungere l'altrettanto come 150,000 persone attraverso la costa sud del Regno Unito, della Francia, del Belgio e dei Paesi Bassi.

L'indagine si è distribuita prima della pandemia Covid-19, mentre i gruppi di controllo e le interviste stanno avendo luogo via le video chiamate per traversare le restrizioni nelle giurisdizioni attraverso i paesi partecipanti.