Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'anestesia spinale o epidurale si è collegata con l'alto tasso di sopravvivenza in chirurgia di esclusione dell'arteria del cosciotto

Un nuovo studio pubblicato Nel BMJ mostra che quella gente che ha avuta chirurgia per migliorare il flusso sanguigno in loro cosciotti sotto spinale o l'anestesia epidurale era meno probabile morire che coloro che è stato dato l'anestesia generale.

L'anestesia generale comprende facendo uso delle droghe fare un incosciente paziente e l'inserimento del tubo nella loro trachea per aiutare con la respirazione.

L'anestesia spinale ed epidurale direttamente congela i nervi ai cosciotti e può combinarsi con i moduli più leggeri della sedazione che non comprendono un tubo di respirazione.

Questo studio, il più grande del suo genere, cartelle sanitarie guardate di 20,988 persone che hanno avute chirurgia in Ontario, Canada di esclusione dell'arteria del cosciotto, fra 2002 e 2015.

Circa due terzi di questi ambulatori hanno usato l'anestesia generale e un terzo ha usato l'anestesia spinale o epidurale.

I ricercatori hanno trovato che 646 dei pazienti che hanno avuti anestesia generale (4,4 per cento) sono morto entro 30 giorni della loro chirurgia confrontata a 204 dei pazienti che hanno avuti anestesia spinale o epidurale (3,2 per cento).

I risultati sono rimanere gli stessi dopo il regolato dei ricercatori per le differenze fra i gruppi, come come il malato i pazienti era prima di chirurgia.

“Stimiamo che questo che trova potrebbe salvare almeno 100 delle vite dei pazienti che subiscono gli ambulatori di esclusione dell'arteria del cosciotto ogni anno sia nel Canada che gli Stati Uniti,„ abbia detto il Dott. Derek Roberts, un chirurgo vascolare e endovascular all'ospedale di Ottawa e assistente universitario ricevuto dell'autore principale all'università di Ottawa.

“Speriamo di condurre una prova controllata ripartita con scelta casuale per confermare questi risultati, ma nel frattempo i nostri risultati suggeriscono che dovremmo sempre più eseguire più di questi tipi di ambulatori facendo uso delle tecniche dell'anestesia spinale o epidurale.„

Siamo stati sorpresi trovare che alcuni ospedali hanno fatto questi tipi di ambulatori nell'ambito dell'anestesia spinale o epidurale più di 90 per cento del tempo, mentre in altri era di meno di un per cento.„

Il Dott. Daniel McIsaac, studia lo scienziato senior del socio e dell'autore e l'anestesista, l'ospedale di Ottawa

McIsaac è egualmente un professore associato all'università di Ottawa e scienziato dell'aggiunta ICES. “Speriamo che questo studio aiuti i pazienti ed i medici a prendere le decisioni più informate circa che tipo di anestetico è la cosa migliore per ogni paziente.„

Lo studio egualmente ha trovato che pazienti che hanno avuti spinale o l'anestesia epidurale poteva lasciare mezza giornata dell'ospedale più in anticipo di coloro che ha avuto anestesia generale.

I ricercatori stimano che se tutti gli ambulatori di esclusione dell'arteria del cosciotto fossero fatti con l'anestesia spinale o epidurale, potrebbero salvare ogni anno $50 milioni nelle spese sanitarie nel Canada. In Ontario, la vasta maggioranza di questi ambulatori è fatta nei centri di specialità che possono eseguire facilmente l'anestesia spinale o epidurale.

Vicino a 20,000 persone abbia chirurgia di esclusione dell'arteria del cosciotto nel Canada e negli Stati Uniti ogni anno.

Source:
Journal reference:

Roberts, D. J., et al. (2020) Association between neuraxial anaesthesia or general anaesthesia for lower limb revascularisation surgery in adults and clinical outcomes: population based comparative effectiveness study. The BMJ. doi.org/10.1136/bmj.m4104.