Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le cause di rigidezza unita differiscono fra gli adulti più anziani e più giovani, manifestazioni di studio

Gli scienziati scoprono che la rigidezza del nervo pregiudica la flessibilità della caviglia in adulti più anziani ma non in più giovani adulti.
Mentre la gente invecchia, le giunzioni diventano meno flessibili, causando a problemi del bilanciamento quel di qualità inferiore di vita. Il Dott. Kosuke Hirata, il sig. Ryosuke Yamadera e prof. Ryota Akagi dall'istituto di tecnologia di Shibaura ha rivelato che fra i più giovani adulti, il muscolo ma non la rigidezza del nervo è associato con l'intervallo della caviglia di moto (ROM), mentre soltanto rigidezza del nervo è collegato alla ROM della caviglia fra gli adulti più anziani. Cioè il tessuto non muscolare diventa più importante per la flessibilità unita con l'età.

Le nostre vite ed i nostri organismi, sono dinamici. Lo stato fisico di qualcuno nei loro anni venti è probabilmente notevolmente differente da quello di qualcuno nei loro anni '50. Naturalmente, la sanità dovrebbe anche essere orientata diversamente verso le fasce d'età differenti. La gente più anziana è più probabile cadere e danneggiarsi perché le loro giunzioni sono meno flessibili che i giovani. Per minimizzare questi rischi e per migliorare la qualità di vita fra le persone anziane, è importante sviluppare le misure che migliorano le abilità fisiche.

Tuttavia, agire in tal modo richiede una migliore comprensione dei fattori che pregiudicano la flessibilità unita, o dell'intervallo di moto (ROM). In più giovani persone, la ricerca di lunga durata suggerisce che la rigidezza del muscolo scheletrico sia la caratteristica principale che influenza la ROM. Ma i muscoli diminuiscono naturalmente nella dimensione (in un trattamento chiamato atrofia) con l'età e la gente più anziana tende ad avere muscoli che sono meno rigidi che quelli dei giovani. Ciò suggerisce che il collegamento fra rigidezza del muscolo e la ROM non sia come forte in anziani. Poi che cosa ha potuto essere la causa?

Per scoprire, il Dott. Kosuke Hirata, il sig. Ryosuke Yamadera e prof. Ryota Akagi, un gruppo dei ricercatori dall'istituto di tecnologia di Shibaura (SIEDA) in Saitama, Giappone, hanno misurato la ROM della caviglia in un gruppo di giovani (~20 anni) e (adulti anziani da ~70 anni). In questo nuovo studio, hanno cominciato chiedendo ai partecipanti ad in primo luogo si riposano e poi girano la loro caviglia finché non riferissero il dolore di sensibilità; l'angolo di rotazione in cui i partecipanti potrebbero muoversi senza dolore ritenente era la ROM. I ricercatori egualmente hanno determinato la rigidezza del tessuto facendo uso di una variabile chiamata “la velocità dell'onda di taglio,„ che è stata misurata con l'ultrasuono. La rigidezza è stata ottenuta per parecchi muscoli del vitello, il nervo sciatico (nervo principale del cosciotto) e la fascia profonda (tessuto connettivo).

I ricercatori hanno avuti tre ipotesi importanti. In primo luogo, hanno creduto che la ROM della caviglia forse fosse correlata con rigidezza del muscolo in giovani ma in gente non anziana. In secondo luogo, la ROM sarebbe correlata con rigidezza della fascia e del nervo sia in giovani che anziani. In terzo luogo, le due fasce d'età hanno potuto avere livelli differenti di rigidezza del tessuto.

Ci non sono stati molti studi che esaminassero la connessione fra rigidezza non muscolare del tessuto e la ROM e se c'è una differenza dell'età qui, in modo dal nostro scopo era di fornire alcune più chiare risposte a queste domande.„

Dott. Kosuke Hirata, istituto di tecnologia di Shibaura

I risultati dei loro esperimenti hanno indicato che mentre la rigidezza del muscolo è diminuito, la ROM è aumentato di giovani partecipanti. Tuttavia, questa correlazione non è stata notata in partecipanti anziani. La ROM della caviglia egualmente è aumentato mentre la rigidezza del nervo è diminuito, ma soltanto di partecipanti anziani. La rigidezza della fascia non è stata correlata con la ROM in qualsiasi gruppo d'età. I tessuti globali e non muscolari, specificamente nervi, sono sembrato contribuire più alla flessibilità unita mentre le persone invecchiano.

Prof. Akagi è ottimista circa i loro risultati: “Non ogni delle nostre ipotesi è stata supportata--per esempio, non abbiamo trovato un'associazione fra rigidezza della fascia e la ROM--il risultato chiave qui è che una differenza esiste nei fattori di fondo che pregiudicano la flessibilità unita fra i giovani ed anziani.„

Questi risultati aprono il pavimento per parecchie discussioni in ritardo. L'assistenza medica attuale può essere polarizzata verso più giovane e popolazione più sana e gli esercizi e una terapia correnti per il miglioramento dei fuochi della flessibilità sui muscoli, che non saranno come efficaci per gli anziani. Questo studio può stimolare l'elaborazione di nuovi metodi di addestramento della flessibilità che sono specifici per la gente più anziana, mettere a fuoco sui gruppi d'ottimizzazione e di mobilizzazione del nervo, contribuenti a migliorare la salubrità delle persone anziane. Sulla base di questi risultati, nell'immediato futuro, le modalità correnti di addestramento possono anche essere scambiate per quelle più efficaci.

Dopo tutto, la vita non si ferma nei vostri anni trenta. Gli scopi di sanità non dovrebbero neanche.

Source:
Journal reference:

Hirata, K., et al. (2020) Associations between Range of Motion and Tissue Stiffness in Young and Older People. Medicine & Science in Sports & Exercise. doi.org/10.1249/MSS.0000000000002360.