Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori studiano il ruolo delle interazioni virali del intramembrane nel gestire la morte programmata delle cellule

Un gruppo di ricerca dal dipartimento della biochimica e dalla biologia molecolare dell'università di Valencia (UV), in coordinazione con il centro nazionale per biotecnologia (CNB) del CSIC, ha studiato il ruolo delle interazioni all'interno della membrana delle proteine delle famiglie virali Herpesviridae e Poxviridae nel controllo della morte programmata delle cellule. L'opera, pubblicata nelle comunicazioni della natura, ha potuto avere le implicazioni per lo sviluppo dei trattamenti per l'infezione virale come pure la prevenzione dei cancri connessi con loro.

I risultati dell'individuazione, piombo dal Dott. Luis Martínez, Ph.D. nel dipartimento della biochimica e della biologia molecolare, implicherebbero che le interazioni all'interno della membrana fra le proteine del virus e la persona ospite potrebbero essere usate come obiettivi terapeutici per il trattamento di alcune infezioni virali. Un agente capace del blocco delle tali interazioni non solo diminuirebbe, o persino inibirebbe, replicazione virale, ma egualmente rallenta lo sviluppo possibile di cancro connesso con tali infezioni.

Il apoptosis delle cellule (morte programmata delle cellule) è un trattamento essenziale negli organismi multicellulari, poichè contribuisce al bilanciamento fra la morte delle cellule, la proliferazione e la differenziazione, che è pertinente per lo sviluppo ed il perfetto funzionamento delle cose viventi. Ciò le rende un trattamento altamente regolamentato che comprende molte componenti, compreso la famiglia della proteina conosciuta come Bcl2 (linfoma del linfocita B 2).

Per massimizzare la loro crescita, i virus nelle famiglie di Poxviridae e di Herpesviridae hanno sviluppato i meccanismi per modulare la morte delle cellule nelle persone ospite. Di conseguenza, questi virus hanno strutturalmente proteine simili alle proteine Bcl2, conosciute come Bcl2 virali, che hanno un dominio del transmembrane che permette che la proteina sia inserita nella membrana dell'obiettivo per diregolarizzare il apoptosis delle cellule.

In questo studio indichiamo che le proteine virali Bcl2 hanno un dominio del transmembrane (TMD) che li permette di essere ancorati alla membrana mitocondriale. Inoltre, abbiamo osservato che queste proteine possono interagire a vicenda e con altre proteine Bcl2 delle persone ospite attraverso questo dominio. I nostri risultati egualmente indicano che queste interazioni sono chiave alla morte gestente delle cellule dopo uno stimolo apoptotic quale un'infezione virale.„

Dott. Luis Martínez, Ph.D., dipartimento di biochimica e biologia molecolare

Source:
Journal reference:

García-Murria, A.J., et al. (2020) Viral Bcl2s’transmembrane domain interact with host Bcl2 proteins to control cellular apoptosis. Nature. doi.org/10.1038/s41467-020-19881-9.