Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio mostra il collegamento fra il carico di sintomo della menopausa e la prestazione di lavoro più bassa

Con una grande percentuale delle donne nel posto di lavoro invecchiato fra 40 e 59 anni, la sfida delle donne che gestiscono i sintomi della menopausa al lavoro è ordinaria. Un nuovo studio ha esaminato la relazione fra il numero dei sintomi della menopausa ed il rendimento di lavoro delle donne lavorarici. I risultati di studio sono pubblicati online nella menopausa, il giornale della società nordamericana della menopausa (NAMS).

I sintomi della menopausa possono pregiudicare le donne fisicamente, psicologicamente e sessualmente. Un nuovo studio suggerisce che possano anche pregiudicare il rendimento di lavoro di una donna. Questo studio che esce dal Giappone ha incluso quasi 600 donne lavorarici invecchiate 45 - 65 anni. Quasi 61% di queste donne erano postmenopausali.

I ricercatori nello studio hanno trovato che un più alto numero dei sintomi della menopausa è stato correlato con una prestazione di lavoro più bassa. Più importante, hanno trovato che lavorando in un ambiente appropriato (uno senza alti livelli dello sforzo) e mantenere uno stile di vita sano ha contribuito a diminuire i sintomi della menopausa. Per contro, hanno confermato che le donne con i numerosi sintomi della menopausa erano più probabili riferire una mancanza di esercizio, di malattia cronica e di sforzo relativo all'impiego.

Tali risultati forniscono le comprensioni critiche per i datori di lavoro. Per esempio, i datori di lavoro potrebbero studiare la possibilità di catturare un ruolo dinamico creando gli ambienti di cantiere di produzione per le donne postmenopausali che soffrono con le vampate di calore abbassando le temperature ambienti ed adattando i codici di abbigliamento per tenere conto leggero-peso, abbigliamento breve-collegato. I datori di lavoro potrebbero anche offrire le classi della gestione dello stress che avrebbero aiutato tutti gli impiegati, compreso le donne che lottano con i cambiamenti dell'umore come conseguenza dei livelli di variazione di estrogeno. I ricercatori precisano, tuttavia, che perché le donne sono riluttanti a discutere i loro sintomi della menopausa con i loro supervisori, i datori di lavoro possono essere meno probabili tentare di apportare le modifiche nel posto di lavoro.

Sebbene questo non sia il solo studio per valutare l'effetto di vari sintomi della menopausa, quali le vampate di calore, sul rendimento di lavoro, è il primo specificamente per considerare il numero dei sintomi della menopausa e come pregiudicano la produttività.

I risultati sono pubblicati nell'articolo “relazione fra il numero dei sintomi della menopausa e la prestazione di lavoro nelle donne lavorarici giapponesi.„

Questo studio evidenzia un collegamento fra il carico di sintomo della menopausa e la prestazione di lavoro più bassa. Considerevolmente, le donne in questo studio che ha avuto sintomi più in relazione con la menopausa egualmente hanno teso ad essere badante ed ad avere malattie croniche. Sebbene le modifiche del posto di lavoro siano una tattica potenziale per affrontare questa emissione, il trattamento appropriato dei sintomi in relazione con la menopausa e di consiglio per quanto riguarda lo sforzo del badante può piombo a salubrità globale migliore come pure alla prestazione di lavoro migliore.„

Dott. Stephanie Faubion, Direttore medico di NAMS