Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il CNRS sviluppa la nuova tecnica brevettata che rivela lo stato di energia delle celle

Una procedura che può contribuire a personalizzare le terapie anticancro è stata elaborata appena dal CNRS, dal INSERM e dagli scienziati dell'università diAix-Marsiglia al d'Immunologie il de Marsiglia-Luminy del centro, in collaborazione con i colleghi dall'università di California San Francisco e dal sistema ospedaliero dell'università pubblica di Marsiglia (AP-HM), con supporto dalle Provenza-Alpi-Costa Azzurra di Canceropôle.

La loro tecnica brevettata rivela lo stato delle celle, un indicatore di energia della loro attività. È presentata nel metabolismo delle cellule (1° dicembre 2020).

Le immunoterapie sono un arsenale anticancro di promessa e funzionano mobilizzando il sistema immunitario per riconoscere e distruggere le cellule tumorali. Corrente, tuttavia, soltanto un terzo dei pazienti risponde alle immunoterapie: l'ambiente del tumore può essere ostile alle celle immuni, privante li della loro fonte di energia, che diminuisce l'efficacia del trattamento.

Lo stato di energia di vari tipi di celle immuni è un indicatore della loro attività e specialmente del loro atto pro- o antitumorale. Per amplificare l'efficacia delle immunoterapie, è così essenziale per avere un metodo semplice per la caratterizzazione dei profili di energia delle celle immuni dai campioni del tumore.

SCENITH (1) è appena un tal metodo. Sviluppato dagli scienziati che lavorano a Marsiglia e San Francisco, identifica le fonti di energia su cui le celle differenti nel tumore sono dipendenti e, per di più, i bisogni specifici delle celle immuni in questo ambiente ostile.

Usa il livello di sintesi delle proteine, un trattamento responsabile della metà del consumo di energia cellulare, come indicatore di stato dell'energia delle cellule. Il campione di biopsia è separato nei sottocampioni che ciascuno sono trattati con un inibitore di una via metabolica con cui le celle producono l'energia.

I livelli di sintesi delle proteine poi sono misurati facendo uso di un cytometer di flusso, che egualmente permette di differenziare i tipi di celle nel campione e di identificare gli indicatori di superficie delle cellule mirati a tramite le terapie.

Il metodo di SCENITH identifica così lo stato di energia di ogni immune o cellula tumorale all'interno del tumore, delle sue fonti di energia e delle vie che metaboliche conta su.

Gli scienziati dietro SCENITH già hanno avviato il lavoro con i gruppi di ricerca clinici per capire meglio come potrebbe essere usato per predire la risposta paziente del trattamento.

Cercano ulteriori collaborazioni di questo genere per determinare i profili connessi con le risposte differenti ad immuno ed alla chemioterapia. SCENITH cerca di permettere al trattamento personale per ogni paziente che sfrutta le resistenze della risposta immunitaria e le debolezze del tumore.

Source:
Journal reference:

Argüello, R. J., et al. (2020) SCENITH: A Flow Cytometry-Based Method to Functionally Profile Energy Metabolism with Single-Cell Resolution. Cell Metabolism. doi.org/10.1016/j.cmet.2020.11.007.