Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'innovazione nella microscopia, l'endoscopia può presto rivoluzionare lo studio sull'origine cellulare delle malattie

Un'innovazione in microscopia ed endoscopia presto rivoluzionerà lo studio sull'origine cellulare delle malattie, avanzante il campo della medicina di precisione. Ciò è lo scopo di CREMISI, di un progetto di ricerca transdisciplinare e sopranazionale recentemente costituito un fondo per dalla Commissione Europea.

Svilupperà l'unità di rappresentazione di prossima generazione di biofotonica per la ricerca biomedica, combinante le tecniche avanzate del laser con l'analisi di dati dell'intelligenza artificiale.

Questo microscopio approfondito fornirà le mappe quantitative tridimensionali dei compartimenti sottocellulari nelle celle viventi e nei organoids e permetterà alla classificazione veloce del tessuto con la sensibilità biomolecolare senza precedenti.

L'alta velocità di acquisizione permetterà l'osservazione di intra e cambiamenti dinamici intercellulari dalla rappresentazione al rallentatore.

Il progetto CREMISI, cominciando il 1° dicembre 2020, durando 42 mesi e con un bilancio che supera 5M€, egualmente simulerà gli studi in vivo futuri e dimostrerà la capacità all'immagine dentro l'organismo, realizzante un endoscopio innovatore ed applicante lo ai campioni di tessuto ex vivo spessi.

I risultati hanno impatti sociali potenzialmente profondi, miglioranti la qualità di vita dei pazienti e diminuenti i costi di sanità pubblica.

Un gruppo pluridisciplinare delle organizzazioni di livello mondiale con integrazione verticale di tutte le abilità richieste compone il consorzio, coordinato dai Di Milano (Italia) di Politecnico.

Tre centri di ricerca (Di Milano - Italia, istituto di Politecnico di Leibniz di tecnologia fotonica e.V - la Germania e Centre National de la Recherche Scientifique - la Francia), con competenza di lunga durata in fotonica, la spettroscopia e microscopia non lineare, svilupperanno la tecnologia.

Tre partner biomedici (Istituto Nazionale Tumori - Italia, Institut National de la Santé et de la Recherche Médicale - ospedale universitario di Jena e della Francia - Germania) convalideranno il sistema della rappresentazione sulle domande biologiche in sospeso relative a cancro, come esempi paradigmatici della complessità e dell'eterogeneità delle malattie cellulari.

Quattro PMI innovarici (sistemi attivi rappresentazione - la Germania, tecnologie di Lightcore - di Francia Gmbh, Cambridge Raman della fibra limitata - il Regno Unito e 3rdPlace S.r.l. - L'Italia), compreso un produttore di macchinari biomedico, sfrutterà commercialmente l'innovazione, così creando un vantaggio competitivo nel servizio in relazione con biofotoniche europeo per i microscopi e gli strumenti di R & S.