Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'estratto del melograno potrebbe inibire il virus che causa COVID-19

I ricercatori in Italia hanno intrapreso gli studi che dimostrano gli effetti antivirali potenziali dell'estratto del melograno contro il coronavirus 2 (SAR-CoV-2) - l'agente di sindrome respiratorio acuto severo che causa la malattia 2019 (COVID-19) di coronavirus.

Melograno

Credito di immagine: Studio/Shutterstock.com dell'agave

Il gruppo ha trovato che i componenti in estratti ottenuti dalle pelli del melograno (PPE) hanno inibito l'associazione di SARS-CoV-2 all'enzima di conversione dell'angiotensina umano 2 (ACE2) del recettore cellulare ospite in vitro.

I composti del PPE egualmente hanno inibito l'attività SARS-CoV-2 della proteasi principale 3CL pro, di che il virus ha bisogno per ripiegare e sopravvivere a all'interno della cellula ospite.

Sebbene ulteriori studi siano determinanti valutare l'efficacia di questo estratto in vivo, i nostri risultati danno le nuove possibilità di promessa impiegare gli estratti naturali per lo sviluppo di efficaci e terapie innovarici nella lotta contro SARS-CoV-2,„

Fabio Apone, STAZIONE TERMALE di scienze biologiche di Arterra

Una versione della pubblicazione preliminare del documento è disponibile sul " server " del bioRxiv*, mentre l'articolo subisce la revisione tra pari.

Una delle pandemie più serie in storia dell'umanità

Da quando SARS-CoV-2 in primo luogo è stato identificato a Wuhan, Cina, tardi l'anno scorso (2019), la sua diffusione senza precedenti piombo ad una delle pandemie più serie in storia dell'umanità.

La pandemia COVID-19 ora ha causato più di 64,1 milione infezioni universalmente ed ha reclamato le vite di più di 1,48 milione di persone.

Mentre l'infezione causa solitamente soltanto i sintomi delicati, alcune persone sviluppano una malattia severa che causa il danno multiplo dell'organo.

SARS-CoV-2 pricipalmente mira ai tessuti che alti livelli precisi di ACE2 - il ricevitore umano che il virus usa per guadagnare l'entrata della cellula ospite.

Poiché le gallerie di ventilazione esprimono gli alti livelli di ACE2, le persone che avvertono la malattia severa sviluppano spesso la polmonite virale o la sindrome di emergenza respiratoria acuta, che possono piombo ad arresto respiratorio.

Sebbene gli sforzi significativi siano stati fatti per sviluppare le strategie terapeutiche, non ci sono efficaci droghe o vaccini ancora disponibile.

Gli usi virali principali della struttura SARS-CoV-2 accedere alle cellule ospiti è la proteina di superficie della punta, che fissa al ricevitore ACE2 via il suo dominio dell'ricevitore-associazione.

La punta d'inibizione e ACE2 che legano ancora rappresenta una delle strategie più popolari per gestire SARS-CoV-2,„

Dove hanno potuto i composti degli impianti entrare?

Gli estratti dell'impianto sono ricchi in molecole bioactive quali i polifenoli che svolgono i ruoli vitali nella sopravvivenza dell'impianto proteggendo contro gli agenti patogeni quali i batteri, i virus ed i funghi.

Parecchi studi precedentemente hanno dimostrato il potenziale antivirale di alcuni tipi di polifenoli contro un intervallo delle infezioni virali, compreso influenza, il virus di Epstein-Barr ed il virus Herpes simplex.

Parecchi rapporti dell'attività antivirale potenziale degli estratti dell'impianto contro l'infezione SARS-CoV-2 egualmente hanno suggerito che i polifenoli dell'impianto potrebbero essere candidati potenziali della droga per i trattamenti COVID-19.

Molti studi molecolari di aggancio hanno suggerito che i polifenoli quali curcumina, kaempferol, catechina, il naringenin e la quercetina potessero inibire l'attività e la replica di SARS-CoV-2.

“Uno studio egualmente ha suggerito che il legame di due polifenoli, punicalagin e teaflavina, alla proteina della punta, potrebbe essere sfruttato come strategia per impedire l'entrata del virus nelle cellule umane,„ scrive Apone ed i colleghi.

Ancora, parecchi studi che studiano gli effetti antivirali del PPE su influenza e sul virus Herpes simplex piombo i ricercatori supporre che questi estratti potessero contenere le componenti che sono efficaci contro SARS-CoV-2.

Che cosa i ricercatori hanno fatto?

Apone ed il gruppo hanno usato le tecniche in vitro per valutare l'attività antivirale potenziale del PPE contro SARS-CoV-2.

Punicalagin era il polifenolo più abbondante nel PPE, rappresentante 38.9% di tutti i polifenoli. Ciò è stata seguita dai anomers del pedunculagin (16,7%) e dai anomers di punicalin (13,2%).

Facendo uso di un inibitore che scherma il kit, i ricercatori hanno indicato che tre concentrazioni di PPE, varianti da 0,04 mg/ml a 1 mg/ml, hanno inibito l'interazione fra la punta e ACE2 da fino a 74%, in un modo dipendente dalla dose.

Ulteriore analisi delle componenti del PPE ha rivelato che il punicalagin era il composto più efficace ad interrompere questa interazione, inibente 49% dell'associazione Spike-ACE2. Ciò è stata seguita da acido ellagico che ha inibito 36% dell'interazione.

I ricercatori egualmente hanno trovato che l'incubazione della proteasi principale virale 3CL pro con il PPE ha inibito l'attività dell'enzima da fino a 80%.

Punicalagin era ancora il composto più efficace, inibente circa 50% di questa attività enzimatica, mentre l'acido ellagico ha inibito soltanto circa 10%.

Che cosa sono le implicazioni di studio?

I ricercatori dicono che i risultati suggeriscono che il PPE possa svolgere i ruoli biologici multipli nella diminuzione della capacità di SARS-CoV-2 di infettare le cellule ospiti.

“Lo studio qui presentato apre la strada per una ricerca più profonda sull'attività dei polifenoli della pelle del melograno nell'impedire l'infezione SARS-CoV-2 in vivo e può anche promuovere le nuove idee su come riutilizzare i sottoprodotti di agroindustria per medico e le applicazioni di sanità,„ conclude il gruppo.

Avviso *Important

il bioRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
  • Apone F, et al. A pomegranate peel extract as inhibitor of SARS-CoV-2 Spike binding to human ACE2 (in vitro): a promising source of novel antiviral drugs. bioRxiv, 2020. doi: https://doi.org/10.1101/2020.12.01.406116
Sally Robertson

Written by

Sally Robertson

Sally first developed an interest in medical communications when she took on the role of Journal Development Editor for BioMed Central (BMC), after having graduated with a degree in biomedical science from Greenwich University.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Robertson, Sally. (2020, December 03). L'estratto del melograno potrebbe inibire il virus che causa COVID-19. News-Medical. Retrieved on January 18, 2022 from https://www.news-medical.net/news/20201203/Pomegranate-extract-could-inhibit-the-virus-that-causes-COVID-19.aspx.

  • MLA

    Robertson, Sally. "L'estratto del melograno potrebbe inibire il virus che causa COVID-19". News-Medical. 18 January 2022. <https://www.news-medical.net/news/20201203/Pomegranate-extract-could-inhibit-the-virus-that-causes-COVID-19.aspx>.

  • Chicago

    Robertson, Sally. "L'estratto del melograno potrebbe inibire il virus che causa COVID-19". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20201203/Pomegranate-extract-could-inhibit-the-virus-that-causes-COVID-19.aspx. (accessed January 18, 2022).

  • Harvard

    Robertson, Sally. 2020. L'estratto del melograno potrebbe inibire il virus che causa COVID-19. News-Medical, viewed 18 January 2022, https://www.news-medical.net/news/20201203/Pomegranate-extract-could-inhibit-the-virus-that-causes-COVID-19.aspx.