Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Alto seroprevalence degli anticorpi di breve durata anti-SARS-CoV-2 a Parigi

Uno studio recente pubblicato nel giornale europeo dell'immunologia indica un alto seroprevalence degli anticorpi contro il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo fra le persone che lavorano in un istituto di Parigi. Tuttavia, i risultati di studio indicano che la risposta dell'anticorpo ha una breve emivita.  

Virus SARS-CoV-2

Credito di immagine: Cristian Moga/Shutterstock.com

Il coronavirus 2 (SARS-CoV-2), l'agente patogeno causativo di sindrome respiratorio acuto severo della malattia 2019 (COVID-19) di coronavirus, è emerso in primo luogo in Cina nel dicembre 2019. Da allora, il virus si è sparso esponenzialmente attraverso il mondo e finora, causato più di 60 milione infezioni globalmente.

A Parigi, la traiettoria della pandemia COVID-19 ha alzato a marzo /April verticalmente e un lockdown nazionale di ampiezza è stato annunciato dal governo francese per porre freno la diffusione virale. Tuttavia, fin qui, la prevalenza esatta dell'infezione SARS-CoV-2 non è conosciuta correttamente per la popolazione francese.

Fra i vari metodi diagnostici, ad analisi basate a reazione (PCR) a catena della polimerasi, che determinano la presenza di RNA virale in campioni respiratori, forniscono più informazione esatta circa la situazione attuale dell'infezione SARS-CoV-2. Al contrario, le analisi sierologiche dell'anticorpo determinano la presenza di anticorpi di SARS-CoV-2-specific nel sangue e così, fornisca informazioni sulle infezioni passate. Quindi, stimando il seroprevalence degli anticorpi di SARS-CoV-2-specific è considerato come un approccio più efficiente per riflettere la diffusione virale reale in una popolazione data.

Nello studio corrente, gli scienziati hanno condotto le analisi di alto-capacità di lavorazione per determinare il seroprevalence degli anticorpi nucleoproteina-specifici virali del di proteine della punta ed in persone che lavorano in un istituto di Parigi.

Progettazione corrente di studio

Gli scienziati hanno condotto i partecipanti di studio del 1847 che lavorano ad un ospedale dell'oncologia e ad un centro di ricerca situati in 3 regioni differenti (Parigi, nuvola del san e in Orsay). I partecipanti di studio che vivono nella conurbazione di Parigi erano marginalmente in contatto con i pazienti COVID-19; quindi, rappresentando una popolazione urbana degli adulti in buona salute.

Due ad analisi sierologiche basate a bioluminescenza sono state sviluppate dagli scienziati per la valutazione degli anticorpi IgG-specifici contro la proteina e la nucleoproteina virali della punta. Inoltre, l'abilità dineutralizzazione degli anticorpi è stata valutata facendo uso di una prova di pseudo-neutralizzazione.     

Osservazioni importanti

Nella popolazione di studio, il seroprevalence degli anticorpi di SARS-CoV-2-specific IgG era 11%. Circa 9,5% di tutti i campioni collaudati del siero hanno mostrato l'abilità di neutralizzazione contro SARS-CoV-2. Tenendo conto della sieropositività di diverse analisi, un seroprevalence di 11,6% è stato osservato (215 di 1847 partecipanti).

L'indagine del web eseguita dagli scienziati ha rivelato che circa 54% dei partecipanti ha avuto almeno un sintomo e la sieropositività era più alta in partecipanti sintomatici che i partecipanti asintomatici. I partecipanti sintomatici hanno esibito i livelli elevati degli anticorpi della anti-nucleoproteina che i partecipanti asintomatici.

Tuttavia, nessuna differenza è stata osservata per gli anticorpi della proteina della anti-punta e gli anticorpi di neutralizzazione, suggerendo che l'infezione delicata SARS-CoV-2 potesse avviare la produzione degli anticorpi nucleoproteina-specifici.

Circa 99% di tutti i partecipanti che hanno verificato il positivo nelle analisi di PCR erano sintomatici; tuttavia, soltanto 44% di loro erano sieropositivi. Interessante, in 5% dei partecipanti PCR-positivi, nessun anticorpo di IgG è stato individuato nel sangue. Ciò indica che quello che ha un'infezione attiva sempre non specifica la presenza di anticorpi sistematici.

Due COVID-19 hanno collegato i sintomi, l'anosmia (perdita di odore) e il ageusia (perdita di gusto), si è presentato in 52% e in 3% dei partecipanti sieropositivi e sieronegativi, rispettivamente. Al contrario, circa 30% dei partecipanti con l'anosmia/ageusia ha mostrato i risultati sieronegativi. Inoltre, complessivamente 48 partecipanti sieronegativi con l'anosmia/ageusia egualmente hanno esibito i sintomi caratteristici COVID-19. Ciò indica che i 48 partecipanti infettati supplementari sono presenti nella popolazione di studio che sono sieronegativi.  

Supponendo che l'incidenza dell'anosmia/ageusia è simile in partecipanti sieropositivi e sieronegativi, gli scienziati ritengono che la prevalenza reale dell'infezione SARS-CoV-2 sia stata 16,6% (215 partecipanti sieropositivi + 48 partecipanti positivi supplementari SARS-CoV-2), che è superiore alla prevalenza stimata (11,6%; 215 partecipanti sieropositivi).

Gli scienziati hanno raccolto il secondo insieme dei campioni di sangue 4-8 settimane dopo quella prima per valutare la prevalenza a lungo termine della risposta dell'anticorpo. Hanno osservato una forte riduzione dei livelli dell'anticorpo e dell'abilità dineutralizzazione. Specificamente, hanno stimato rispettivamente che le emivite della anti-nucleoproteina IgG, la proteina IgG della anti-punta e gli anticorpi di neutralizzazione fossero dei 35, 87 e 28 giorni. Ciò indica che la sincronizzazione della prova è un fattore importante per la valutazione sierologica di prevalenza di infezione.

Catturati insieme, i risultati di studio indicano un alto seroprevalence (11,6% - 16,6%) degli anticorpi SARS-CoV-2 in una popolazione che rappresenta gli adulti in buona salute urbani. D'importanza, la breve durata della vita degli anticorpi SAR-CoV-specifici osservati nello studio indica che le analisi sierologiche dell'anticorpo hanno condotto lungamente dopo che l'inizio di infezione può fornire una prevalenza sottovalutata.              

Journal reference:
Dr. Sanchari Sinha Dutta

Written by

Dr. Sanchari Sinha Dutta

Dr. Sanchari Sinha Dutta is a science communicator who believes in spreading the power of science in every corner of the world. She has a Bachelor of Science (B.Sc.) degree and a Master's of Science (M.Sc.) in biology and human physiology. Following her Master's degree, Sanchari went on to study a Ph.D. in human physiology. She has authored more than 10 original research articles, all of which have been published in world renowned international journals.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Dutta, Sanchari Sinha. (2020, December 03). Alto seroprevalence degli anticorpi di breve durata anti-SARS-CoV-2 a Parigi. News-Medical. Retrieved on August 02, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20201203/High-seroprevalence-of-short-lived-anti-SARS-CoV-2-antibodies-in-Paris.aspx.

  • MLA

    Dutta, Sanchari Sinha. "Alto seroprevalence degli anticorpi di breve durata anti-SARS-CoV-2 a Parigi". News-Medical. 02 August 2021. <https://www.news-medical.net/news/20201203/High-seroprevalence-of-short-lived-anti-SARS-CoV-2-antibodies-in-Paris.aspx>.

  • Chicago

    Dutta, Sanchari Sinha. "Alto seroprevalence degli anticorpi di breve durata anti-SARS-CoV-2 a Parigi". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20201203/High-seroprevalence-of-short-lived-anti-SARS-CoV-2-antibodies-in-Paris.aspx. (accessed August 02, 2021).

  • Harvard

    Dutta, Sanchari Sinha. 2020. Alto seroprevalence degli anticorpi di breve durata anti-SARS-CoV-2 a Parigi. News-Medical, viewed 02 August 2021, https://www.news-medical.net/news/20201203/High-seroprevalence-of-short-lived-anti-SARS-CoV-2-antibodies-in-Paris.aspx.