Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il gruppo scientifico internazionale riferisce il potenziale “dello super-spalmatore„ del virus delle Ande

gli eventi “dello Super-spalmatore„ e l'esteso contatto personale hanno azionato uno scoppio di sindrome polmonare di hantavirus in un piccolo villaggio in Argentina dal 2018-2019, secondo la ricerca pubblicata oggi in New England Journal di medicina.

Nel documento, un gruppo scientifico internazionale riferisce il genetico, clinico e nelle funzionalità epidemiologiche dello scoppio causato dal virus delle Ande, un membro della famiglia di hantavirus. L'analisi del gruppo ha potuto aiutare i clinici ed i funzionari di salute pubblica negli scoppi di gestione di altre malattie virali con i simili reticoli della trasmissione, compreso COVID-19.

Il virus delle Ande è portato dai roditori selvaggi indigeni nel Sudamerica e la gente può essere infettata con l'esposizione agli animali infettati o ai loro escrementi animali. Come altri hantaviruses, l'infezione virale delle Ande può piombo ad una malattia respiratoria severa e spesso interna in esseri umani, chiamati Hantavirus sindrome polmonare (HPS). D'importanza, il virus delle Ande è il solo hantavirus conosciuto per spargere personale. Coloro che entr inare contatto diretto con una persona infettata o i loro liquidi organici, o che passano il tempo nella grande prossimità ad una persona malata, possono anche essere infettati. Corrente, non ci sono vaccini o droghe conceduti una licenza a a disposizione per trattare la malattia.

Secondo lo studio, piombo dagli scienziati all'istituto di ricerca medica dell'esercito di Stati Uniti delle malattie infettive (USAMRIID) e del Dott. Carlos G. Malbran (ANLIS), grandi eventi sociali ed alto caricamento virale di Administracion Nacional de Laboratorios la e Institutos de Salud in persone infettate ha rifornito la trasmissione di combustibile personale del virus delle Ande durante lo scoppio. I ricercatori hanno collaborato con i servizi sanitari locali per radunare “una maschera„ epidemiologica quasi-completa che ricostruiscono gli eventi specifici della trasmissione per i 34 casi confermati. Hanno rintracciato l'origine dello scoppio ad un singolo evento dello straripamento ed hanno documentato un tasso di mortalità di caso di 32 per cento complessivo.

Mentre la diffusione personale del virus delle Ande in primo luogo è stata descritta nel 1996, lo scoppio recente ha avuto la trasmissione da uomo a uomo registrata più estesa del virus veduto fin qui. L'analisi genomica del gruppo ha mostrato una similarità notevole fra le sequenze 2018-2019 e 1996 di scoppio. La comprensione quale “impronte„ genomiche corrisponda ai meccanismi necessari per la trasmissione personale può aiutare gli scienziati a sviluppare la nuova terapeutica per trattare l'infezione virale delle Ande.

I ricercatori hanno trovato che le goccioline o le particelle virali aerosolizzate possono essere itinerari dell'infezione durante l'estesa trasmissione personale dello scoppio 2018-2019. Egualmente hanno notato che i sintomi presentati dovunque fra i 9 e 40 giorni dopo l'infezione hanno avuto luogo. Tuttavia, gli autori hanno precisato che ci potrebbe essere una finestra stretta del infectiousness. La trasmissione si è presentata spesso il primo giorno della presentazione di febbre in un paziente infettato. Interessante, non c'era chiara associazione fra le persone che trasmettono il virus e la loro severità di malattia.

Questa osservazione importante indica che, indipendentemente dalla severità della malattia, tutti i casi di HPS dovrebbero essere gestiti ugualmente riguardo al loro potenziale per la trasmissione del virus. Ancora, dobbiamo rivalutare la minaccia che questo virus posa. La mancanza di potenziale medico esistente di super-diffusione, di contromisure e di alta tariffa tutta della caso-fatalità dovrebbe suscitare inquietudine.„

Gustavo Palacios, Ph.D., autore co-senior del documento, capo di divisione di biologia molecolare, USAMRIID

Questi risultati hanno potuto potenzialmente aiutare i clinici ed i funzionari di salute pubblica a occuparsi degli scoppi futuri. Come con le misure preventive corrente che sono praticate per COVID-19, distanziare del sociale e l'uso di dispositivi di protezione individuale appropriati erano efficaci nella trasmissione gestente. Inoltre, il tracciato diffuso del contatto ed auto-quarantining piombo ad una diminuzione rilevabile nella trasmissione.

“Sebbene meno di 10 per cento dei casi si presentino nelle impostazioni dell'ospedale, la minaccia contro i clinici e lo staff ospedaliero non deve essere sottovalutata,„ ha detto Valeria Martinez, Ph.D., di ANLIS, co-primo autore dello studio. “Medici dovrebbero ricordarsi che nello scoppio 1996, molto personale di sanità ammalato ed alcuni sono morto, quando i dispositivi di protezione individuale appropriati non sono stati utilizzati.„

Secondo gli autori, le citochine anche esaminate di studio presso i pazienti per determinare i tipi di risposte immunologiche presenti nella gente con HPS causato dal virus delle Ande. Le citochine sono proteine che aiutano la comunicazione della cella--cella nelle risposte immunitarie. Hanno concluso che non c'era chiaro meccanismo, ma più di vasta e risposta immunologica disfunzionale fra i pazienti.

“Speriamo che più ulteriormente esplorando questo dysregulation immune evidente, ampliamo la nostra conoscenza di come le specie differenti di hantavirus causano a hantavirus la sindrome polmonare,„ abbiamo detto il co-author Mariano Sanchez-Lockhart, Ph.D., di USAMRIID. “Guadagnare una migliore comprensione di come il nostro sistema immunitario affronta l'infezione virale delle Ande certamente aiuterà i clinici a gestire meglio gli argomenti severi ed ad aprire la strada per i nuovi interventi terapeutici.„

Sulla base dei loro dati completi, il gruppo ha confermato la necessità per studiare i reticoli dell'emergenza del virus delle Ande, di super-diffusione, della trasmissione personale e della patologia migliorare le strategie di risposta di salute pubblica. “La larghezza delle tecniche e la competenza usata per radunare la trasmissione personale e gli eventi didiffusione potrebbero essere applicati oltre gli scoppi del virus delle Ande,„ ha detto il co-author Peter Larson, Ph.D., di USAMRIID. “Speriamo i servire di questo approccio come modello per le indagini future sulla trasmissione personale e per l'identificazione degli eventi didiffusione.„

Secondo Palacios, le fondamenta investigative per questo lavoro sono state sviluppate e provato state tramite il centro di USAMRIID a scienze del genoma durante gli scoppi di malattia di virus di Ebola in Africa ed in repubblica democratica del Congo occidentali come pure l'introduzione del virus di Zika in Stati Uniti. “Mentre siamo fieri di questo lavoro e del nostro registro, crediamo che questo sia soltanto l'inizio,„ ha detto Palacios. “Avere un approccio completo agli eventi dello straripamento del cingolo è uno scopo che a lungo termine tentiamo d'ottenere ogni giorno.„

Source:
Journal reference:

Martínez, V.P., et al. (2020) “Super-Spreaders” and Person-to-Person Transmission of Andes Virus in Argentina. New England Journal of Medicine. doi.org/10.1056/NEJMoa2009040.