Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori analizzano i risultati in pazienti con linfoma primario del sistema nervoso centrale

Il linfoma primario del sistema nervoso centrale (PCNSL) è un tipo di cancro che si sviluppa in cervello ed o midollo spinale. Le persone più anziane sono ad un rischio aumentato di sviluppare questo tipo di cancro ed il trattamento per questi pazienti tende ad essere sfidare dovuto la prevalenza dei comorbidities, della debolezza e delle sfide con la consegna del trattamento. In uno studio retrospettivo dei pazienti con PCNSL recentemente diagnosticato, i ricercatori all'istituto del Cancro di Rutgers del New Jersey ed i colleghi hanno usato le valutazioni geriatriche per analizzare le caratteristiche, il trattamento ed i risultati dettagliati in pazienti attraverso 17 centri accademici.

I risultati del lavoro stanno presentandi alla società americana virtuale della riunione annuale dell'ematologia tramite cavo e di presentazione del Kevin David autore, MD, ematologo/oncologo all'istituto del Cancro di Rutgers con autore Andrew senior M. Evens, FANNO, MSc, FACP, direttore associato per i servizi clinici e Direttore del programma di linfoma all'istituto del Cancro di Rutgers e Direttore medico dei servizi dell'oncologia a salubrità di RWJBarnabas. Entrambi sono docenti alla facoltà di medicina di Rutgers Robert Wood Johnson e dividono più circa il lavoro:

Q: Perché è questo argomento importante da esplorare?

A: L'incidenza di PCNSL sta aumentando in Stati Uniti, guidati nella grande parte tramite un aumento fra i pazienti più anziani. Molti degli studi per quanto riguarda i trattamenti di questa malattia pricipalmente hanno messo a fuoco sui più giovani pazienti e quindi non conosciamo la migliore strategia per curare i pazienti più anziani. Sappiamo che il methotrexate è una droga importante per trattare PCNSL, ma non conosciamo la migliore dose per utilizzare in pazienti più anziani e se è meglio da combinare il methotrexate con altre droghe. Queste droghe possono avere effetti secondari significativi in pazienti più anziani, in modo da è importante saldare gli effetti benefici del trattamento con il rischio di tossicità quando seleziona una strategia del trattamento.

Q: Dicaci circa il lavoro e che cosa voi ed i vostri colleghi hanno trovato.

A: Abbiamo raccolto i dati retrospettivi sopra intorno 450 pazienti più vecchi di 60 con PCNSL curati a 17 istituzioni differenti negli Stati Uniti. Abbiamo riunito le informazioni sulle caratteristiche, sui trattamenti e sui risultati pazienti. Eseguendo una valutazione geriatrica, che gli obiettivi per caratterizzare completamente le condizioni mediche e la capacità di un paziente fare le attività quotidiane di routine, possono aiutare gli oncologi a capire come i forti pazienti sono. La nostra analisi ha indicato che queste valutazioni egualmente sono associate con come i pazienti fanno con il trattamento di PCNSL. Mentre abbiamo saputo che il methotrexate è importante da trattare questa malattia in pazienti più anziani, il nostro studio ha indicato che i pazienti che hanno ricevuto il rituximab dell'anticorpo monoclonale come componente del loro trattamento methotrexate-contenente avevano migliorato i risultati. Ulteriormente, fra il methotrexate più comune ed ai i regimi basati rituximab di combinazione che sono in uso, il regime della tre-droga conosciuto come MTR (methotrexate, temozolomide, rituximab) è sembrato associato con i migliori risultati.

Q: Perché sono questi risultati significativi?

A: Abbiamo indicato che una valutazione geriatrica dovrebbe essere una parte importante di cura dei pazienti più anziani con PCNSL. Ulteriormente, i test clinici futuri sono focalizzazione necessaria specificamente su questa popolazione paziente e le valutazioni geriatriche dovrebbero essere utilizzate nella progettazione dei trattamenti, di modo che gli effetti secondari possono essere minimizzati. Mentre il regime di MTR è sembrato fornire i migliori risultati confrontati ad altri regimi, questo studio era un'analisi retrospettiva ed ulteriori prove future in pazienti più anziani sono necessarie confermare questa. Il regime di MTR può essere il meglio, tuttavia, su cui basare le combinazioni future di chemioterapia fornite risultati della nostra analisi.