Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il gruppo di ricerca mette a punto un nuovo metodo di decodifica per i geni virali

L'identificazione completa delle proteine virali codificata dai geni virali è richiesta di capire la patofisiologia delle infezioni virali. Un gruppo di ricerca piombo dal professor Yasushi Kawaguchi dell'istituto di scienza medica, l'università di Tokyo, spettrometria di massa condotta si è specializzato per le proteine sintetiche novelle dei virus ed ha messo a punto un nuovo metodo di decodifica per i geni virali che può ottenere facilmente e rapidamente anche informazioni genetiche non canoniche.

Facendo uso di questo nuovo metodo di decodifica, hanno identificato nove proteine novelle codificato dal tipo 1 del virus Herpes simplex (HSV-1) ed hanno trovato quell'loro, piUL49, sono un fattore patogeno che specificamente gestisce l'inizio dell'encefalite di herpes.

Questi risultati sono stati pubblicati nelle comunicazioni della natura il 29 settembre 2020.

La proteina piUL49 è compresa nella proliferazione virale cervello-specifica e nel meccanismo di inizio dell'encefalite virale

È difficile da decifrare l'intera maschera di diverse ed informazioni genetiche complesse nascosta nel genoma virale con la tecnologia convenzionale e l'elaborazione di nuovo metodo è stata richiesta per il decodifica dei geni virali, particolarmente quelli elementi di traduzione non canonici di codifica.

Molti virus sono conosciuti alla nuova sintesi dell'arresto delle proteine ospite. Mettendo a fuoco su questi beni, il gruppo di ricerca ha depurato le proteine recentemente sintetizzate con il metodo di BONCAT ed ha realizzato la spettrometria di massa della alto-sensibilità.

Hanno trovato che la maggior parte dei peptidi ottenuti sono stati derivati da HSV-1, compreso i peptidi dalle proteine virali codificate da nove geni novelli HSV-1. Tutti i geni recentemente identificati HSV-1 codificano i prodotti di traduzione non canonici.

Hanno nominato una di queste proteine virali novelle piUL49. Facendo uso dell'analisi di un modello del mouse dell'infezione HSV-1, hanno chiarito che piUL49 è compreso nella proliferazione virale cervello-specifica e nel meccanismo di inizio dell'encefalite virale. Per i dettagli della ricerca, vedi prego il documento.

Ha pensato piombo allo sviluppo di nuovi trattamenti per l'encefalite di HSV

L'intera sequenza bassa del genoma HSV-1 è stata determinata circa 20 anni fa ed è pensato che il decodifica dei geni virali che codificano gli elementi di traduzione canonici già sia stato completato. Tuttavia, le informazioni sul decodifica dei geni virali che codificano gli elementi di traduzione non canonici sono state limitate.

Sono di grande importanza accademica per scoprire quasi 10 nuovi geni di HSV e da chiarire che uno di loro codifica piUL49, che è compreso nello sviluppo dell'encefalite virale.

Il professor Kawaguchi, lo scienziato del cavo di questa ricerca, ha sollecitato l'importanza della loro individuazione come segue. “La delucidazione del meccanismo di inizio dell'encefalite con piUL49 notevolmente contribuirà alla comprensione di alto orientamento del sistema nervoso centrale di HSV-1. Speriamo che i risultati piombo allo sviluppo di nuovi trattamenti per l'encefalite HSV-1.„

Source:
Journal reference:

Kato, A., et al. (2020) Identification of a herpes simplex virus 1 gene encoding neurovirulence factor by chemical proteomics. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-020-18718-9.