Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio non trova cambiamento significativo nelle tariffe di feto nato morto o premature durante la pandemia COVID-19

Malgrado i rapporti iniziali che suggeriscono un declino nelle nascite premature durante il periodo pandemico COVID-19, un'analisi dai ricercatori all'ospedale pediatrico di Filadelfia (CHOP) e la scuola di medicina di Perelman all'università della Pennsylvania non ha trovato cambiamento nelle nascite o nei feti nati morti prematuri a due ospedali di Filadelfia nei primi quattro mesi della pandemia.

I risultati, pubblicati oggi in JAMA, derivante dall'esame di un gruppo in corso e razziale-diverso di gravidanza che valuta sia la nascita prematura spontanea che medico-indicata.

La nascita prematura è altamente complessa, con un diverso insieme delle presentazioni e delle cause di sconosciuto. Poiché abbiamo due critici indipendenti valutare ogni nascita prematura a due ospedali della medicina di Penn, potevamo completare un'analisi rigorosa dei tipi multipli di nascite premature per i primi quattro mesi della pandemia e confrontare quei dati allo stesso periodo durante gli anni prima.„

L'erica H. Burris, MD, MPH, studia l'autore ed il medico di partecipazione senior, divisione della neonatologia, ospedale pediatrico di Filadelfia

Il gruppo, conosciuto come GeoBirth, comprende le più di 100.000 nascite a due ospedali della medicina di Penn in Filadelfia dal 2008. Ogni nascita prematura, caratterizzata come tutta la nascita che accade prima della gestazione di 37 settimane, è classificata manualmente due dall'indipendente, critici accecati come una nascita prematura spontanea o nascita prematura medico-indicata.

Il precedente include il lavoro prematuro o la rottura in anticipo delle membrane e l'ultimo comprende le circostanze che necessitano una consegna iniziale per la salubrità della madre o del bambino, quali preeclampsia o la restrizione intrauterina della crescita.

I ricercatori hanno analizzato da marzo fino alla fine di giugno 2020 2.992 nati vivi ed hanno confrontato quelle nascite a 5.875 durante lo stesso periodo di quattro mesi nel 2018 e a 2019. Usando l'insieme di dati robusto di GeoBirth, il gruppo di ricerca ha confrontato le tariffe della nascita prematura globale, della nascita prematura spontanea, della nascita prematura medico-indicata e del feto nato morto, definito come crollo intrauterino dopo 20 settimane.

I dati non hanno mostrato alcun cambiamento significativo nelle tariffe di feto nato morto o premature durante la pandemia COVID-19. Anche quando ripartendo i dati prematuri della nascita per le nascite premature spontanee e medico-indicate, i ricercatori ancora non hanno individuato le differenze fra il periodo pre-pandemico e pandemico.

Questi risultati differiscono dagli studi europei che hanno riferito una diminuzione nella nascita e nell'aumento prematuri nel feto nato morto durante i mesi primissimi della pandemia.

“Mentre i meccanismi particolari che piombo alla nascita prematura rimangono evasivi, sappiamo che i vari diversi e fattori ambientali sono collegati ai risultati difficili della nascita e che quei fattori variano dai gruppi demografici. I nostri anni di lavoro in materia piombo noi mettere in discussione altri rapporti che le nascite ed i feti nati morti prematuri suggeriti erano diminuito generale per questo periodo pandemico estremamente stressante ed incerto,„ hanno detto il Distinguished professore di Michal Elovitz, di MD, di Direttore del centro del bambino e materno di ricerca e di Hilarie L. Morgan e di Mitchell la L di Morgan Presidente nella salubrità delle donne a Penn.

“La potenza del gruppo di GeoBirth ci permetterà con l'opportunità di interrogare come i diversi, fattori sociali ed ambientali pregiudicano le donne incinte e come quei fattori possono essere intensificati da tutti gli effetti varianti di una pandemia. È di importanza fondamentale che abbiamo strumenti rigorosi per studiare come questi fattori differenti possono nuocere alla gente incinta e come la pandemia può esacerbare quei fattori in modo da possiamo mirare alle strategie appropriate per migliorare le vite delle donne e dei loro bambini.„