Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'etichettatura dei paletti in relazione con vaping di Instagram del influencer è efficace scoraggiare i giovani

I influencers sociali di media che vaping affascinante nelle loro alimentazioni sociali di media non stanno agendo in tal modo spesso gratis. E la nuova ricerca suggerisce quella che esige i loro paletti del paga--gioco come pubblicità in un modo normale e ovvio potrebbe avere un impatto sui giovani.

Uno studio di 200 anni dell'adolescenza e di giovani adulti ha usato occhio-tenere la carreggiata la tecnologia per determinare quello che etichetta i paletti in relazione con vaping di Instagram del influencer con il #ad o #sponsored erano efficace nell'attenzione afferrante. Lo studio compare online nel giornale della comunicazione di salubrità.

L'industria della e-sigaretta sta pagando queste celebrità sociali di media per fare che cosa fanno il più bene -- il comportamento dei giovani di forma. Ed il nostro studio ci dà una certa speranza che collocare i contrassegni su questi paletti potrebbe essere un efficace strumento per scoraggiare i giovani dal prendere un'abitudine nociva.„

Liz Klein, autore principale di studio e professore associato di comportamento di salubrità e della promozione della salute, Ohio State University

“Questa gente è chiamata “influencers„ per una ragione. Ottiene una quantità stupefacente di attenzione, specialmente dagli anni dell'adolescenza e dai giovani adulti e quando inviano circa le e-sigarette che fanno tipicamente i riferimenti zero al fatto sono state pagate dall'industria fare questi paletti,„ ha detto.

da attività sociale sostenuta da industria di media è considerata patrocinio commerciale e dovrebbe venire tecnicamente con la comunicazione per aderire ai regolamenti della Commissione commerciale federale, Klein ha detto. E da quando lo studio è stato fatto, Instagram e Facebook hanno vietato i paletti pagati del influencer che promuovono vaping e l'altro uso del tabacco sulle loro piattaforme.

In pratica, tuttavia, la maggior parte dei influencers non stanno etichettando i loro paletti della e-sigaretta come pubblicità o il contenuto patrocinato e là non è stato dettagli forniti su come i divieti istituiti dalle piattaforme stanno applicandi, i ricercatori ha detto.

Per capire come attenzione-afferrare i contrassegni sarebbe stato, i ricercatori hanno studiato i reticoli della visualizzazione dei partecipanti mentre gli anni dell'adolescenza ed i giovani adulti hanno esaminato le loro alimentazioni personali di Instagram sparpagliate con i paletti del influencer circa vaping.

I partecipanti di studio hanno passare una media di 6,6 secondi che osservano i paletti del influencer della e-sigaretta e circa 3,1 secondi sull'area hanno contrassegnato il #ad, confrontato a 2,2 secondi sul centro di interesse contrassegnato #sponsored. Visualizzatori spesi più di lunghezza circa 2 secondi -- una media di 8,4 secondi -- sui paletti adenoidi del influencer circa vaping.

Mentre lo studio non ha esplorato come queste osservazioni potrebbero urtare il comportamento, i risultati supportano l'idea che i contrassegni attirano l'attenzione e quello è un punto importante, i ricercatori hanno detto.

“Non c'è controversia che la pubblicità del influencer per i prodotti nocivi è un problema -- la domanda è che cosa da fare a questo proposito. Tutta la risposta di polizza dovrebbe essere basata su prova. Ciò è un primo punto nella capire se richiedendo i influencers pagati ai hashtags di uso come #sponsored o i #ads sia probabili essere efficaci,„ ha detto il co-author Micah Berman, professore associato di studio di legge e di salute pubblica allo stato dell'Ohio.

“Che cosa abbiamo trovato qui siamo quella gente sta notando i hashtags, specialmente -- e piuttosto con la nostra sorpresa -- il #ad uno. I punti seguenti comprendono capire che gente pensa a questi hashtags e se abbiano di impatto sui comportamenti.„

La ricerca precedente ha stabilito che contrassegnare la pubblicità come tale potesse avere un impatto negativo sulla credibilità percepita dei messaggi, Klein ha detto, in modo da è importante per quelli che lavorano per fare diminuire l'uso delle e-sigarette capire il più bene quanto fare leva quello negli sforzi di danno-prevenzione.

“Il collocamento del prodotto, quando non è sottile, può spegnere la gente. Ma quando è più sottile e travestito come contenuto di non pubblicità, i giovani consumatori sono probabili essere più vulnerabili al messaggio,„ ha detto. “Essenzialmente stanno manipolandi.„

Source:
Journal reference:

Klein, E. G., et al. (2020) Visual Attention to the Use of #ad versus #sponsored on e-Cigarette Influencer Posts on Social Media: A Randomized Experiment. Health Communication. doi.org/10.1080/10810730.2020.1849464.