Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

FARI e l'istituto del bottaio pubblicano la nuova pubblicazione su omega-3s e sul ripristino di frequenza cardiaca

L'istituto di ricerca dell'acido grasso (FARI) ha pubblicato una nuova pubblicazione insieme con l'istituto del bottaio su omega-3s e sul ripristino di frequenza cardiaca.

Gli acidi grassi Omega-3 hanno una lunga storia di essere “cuore sano„ ma esattamente perché e come è stato meno chiaro. Sono conosciuti per abbassare i livelli del trigliceride di siero, ma l'effetto è relativamente piccolo e non è chiaro quanto dei livelli elevati di un trigliceride di fattore di rischio è in primo luogo. Così come omega-3 gli acidi grassi EPA e DHA funzionano?

Uno studio recente dallo studio longitudinale del centro del bottaio (CCLS) ed indicatore luminoso delle tettoie di FARI nuovo su questo problema.

I ricercatori hanno utilizzato i dati da 13.912 uomini e donne in buona salute che hanno avuti esami medici preventivi alla clinica del bottaio a Dallas su un periodo di dieci anni. Questi esami hanno compreso ordinariamente sia la prova di esercizio su pedana mobile che la misura Omega-3 dell'indice analitico (cioè, livelli del globulo rosso EPA+DHA dall'analisi dei dati di OmegaQuant).

Una componente della prova di esercizio è chiamata “ripristino di frequenza cardiaca„ e si riferisce a quanto il battito cardiaco rallenta rapidamente dopo l'esercizio massimo. Più velocemente cade, più sano il cuore.

Paragonando il ripristino di frequenza cardiaca di ogni paziente al loro indice analitico Omega-3, i ricercatori hanno trovato una relazione significativa fra queste due variabili tali che più alto l'indice analitico, più veloce la frequenza cardiaca caduta giù. L'effetto di più è stato tracciato in donne che gli uomini, ma statisticamente significativo in entrambi. Ciò è riassunta nella figura 1 (destra) dove l'indice analitico Omega-3 è tracciato sull'ascissa ed il calo nella frequenza cardiaca un minuto dopo la fermata della prova della pedana mobile (misurata nei battiti per minuto, nel bpm) è indicato come numero positivo sull'asse y. Questi sono i valori non regolati. (Per esempio, il bpm 25 sull'asse y significa quello 1 minuto dopo la fermata dell'esercitazione -- cioè, la frequenza cardiaca massima -- la frequenza cardiaca della persona caduta da bpm 25).

Quando il regolato per l'età, METS massimo (una misura di forma fisica cardiorespiratoria), BMI e stato di fumo, indice analitico 2 un più alto Omega-3 del punto percentuale è stato associato con i 0,35 e 0,69 maggiori ripristini di frequenza cardiaca del bpm negli uomini ed in donne, rispettivamente (p<0.001 entrambi).

Gli studi precedenti hanno indicato che un ripristino lento di frequenza cardiaca è associato a un aumentato rischio per la morte cardiaca improvvisa, che misure con i livelli elevati di DHA e di EPA che sono collegati con il rischio diminuito per la morte cardiaca improvvisa.

Il Dott. William Harris, Presidente di FARI e co-inventori dell'indice analitico Omega-3, che era egualmente un autore sullo studio, ha commentato le implicazioni di questa ricerca. “Questi nuovi risultati dal CCLS armonizzano con i vantaggi conosciuti degli acidi grassi omega-3 sulla frequenza cardiaca di riposo e forniscono le nuove bugne come questi acidi grassi importanti possono conservare la salubrità cardiaca,„ al lui hanno detto.

Questi vantaggi sull'unire autonomo cardiaco di tono altri effetti cardioprotective degli acidi grassi omega-3, compreso la riduzione della pressione sanguigna, dell'infiammazione cronica e dell'aggregazione della piastrina, parzialmente spiegare almeno perché omega-3s sono buoni per il cuore. Gli studi futuri del trattamento dovrebbero definire l'assunzione omega-3 (ed indice analitico Omega-3) che ottimizza questo aspetto della funzione cardiaca.„

Dott. William Harris, Presidente di FARI

Il Dott. James H O'Keefe, MD, un cardiologo e Direttore medico di cardio centro di Charles e di salubrità & di benessere di Barbara Duboc al metà di istituto del cuore dell'America di St Luke in Kansas City, nel Mo ed in un professore di medicina all'università di città di Missouri-Kansas (chi non è stata non coinvolgere con lo studio) ha rilevato che questa ricerca fornisce “i forti dati che supportano i vantaggi cardiovascolari robusti degli acidi grassi omega-3.„

Source:
Journal reference:

Farrell, S.W., et al. (2020) Higher omega-3 index is associated with more rapid heart rate recovery in healthy men and women. PLEFA. doi.org/10.1016/j.plefa.2020.102206.