Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le mutazioni FAT1 fungono da soppressore del tumore ed impediscono lo sviluppo del cancro, indica lo studio

La metastasi del Cancro, che è la diffusione delle celle del tumore negli organi distanti, è la causa principale della mortalità in malati di cancro. Per subire la metastasi, le celle devono lasciare il tumore primario, circolano nel sangue, colonizzano gli organi distanti e formano la metastasi distante.

È stato proposto che epiteliale alla transizione mesenchymal (EMT), un trattamento in cui le celle epiteliali staccano dalle loro celle vicine ed accedi alle proprietà mesenchymal di migrazione, fosse importante da iniziare la cascata metastatica permettendo che le cellule tumorali lascino il tumore primario. Tuttavia, il ruolo delle mutazioni genetiche nella promozione del EMT è sconosciuto.

FAT1 è fra il più delle volte i geni mutati del driver in una vasta gamma di cancri umani. La perdita di mutazioni di funzione in questo gene suggerisce che FAT1 funga da soppressore del tumore, impedente lo sviluppo del cancro. Tuttavia e malgrado l'alta frequenza delle mutazioni FAT1, il suo ruolo nel cancro è capito male.

In uno studio pubblicato in natura, i ricercatori piombo da prof. Cedric Blanpain, MD/Ph.D., il ricercatore di WELBIO, Direttore del laboratorio delle cellule staminali e Cancro e professore al libre il de Bruxelles, Belgio di Université, hanno dimostrato, per la prima volta, che perdita di FAT1, promuovono EMT, le funzionalità dilaganti e la metastasi nel carcinoma spinocellulare dell'interfaccia - il secondo frequente cancro in esseri umani, cancro polmonare - il cancro più micidiale tumori - e della testa e del collo.

Ievgenia Pastushenko e colleghi ha utilizzato i modelli genetici avanzati dei cancri polmonari e dell'interfaccia come pure interfaccia, polmone e tumori umani del collo e della testa per valutare il ruolo di FAT1 nel cancro.

Gli autori hanno scoperto che la perdita di funzione di FAT1 promuove il fenotipo ibrido di EMT, caratterizzato dall'co-espressione dei geni epiteliali e mesenchymal in celle del tumore.

Gli autori hanno dimostrato che questa perdita seguente d'avvenimento FAT1 dello stato dell'ibrido EMT di funzione promuove la metastasi e sono stati associati con risultato clinico difficile in pazienti con i cancri polmonari.

Era particolarmente emozionante identificare che le mutazioni in un singolo gene, FAT1, promuovono lo stato ibrido di EMT, piombo alla metastasi e connesso con la prognosi difficile in malati di cancro.„

Ievgenia Pastushenko, primo autore di studio, libre de Bruxelles di Université

Facendo uso degli approcci molecolari differenti, gli autori decifrano i meccanismi da cui le mutazioni FAT1 promuovono uno stato dell'ibrido EMT.

“L'identificazione dei meccanismi che promuovono questo stato del tumore altamente metastatico, conceduta noi per identificare la farmacoresistenza e le vulnerabilità in FAT1 ha subito una mutazione i cancri. Abbiamo trovato che i cancri mutati Fat1 sono altamente resistenti a parecchie droghe compreso gli inibitori di EGFR che è usato frequentemente per curare i pazienti con i cancri polmonari. Il più interessante, identifichiamo che i cancri mutati FAT1 sono particolarmente sensibili ad altre droghe compreso l'inibitore di Src che corrente sono usate per curare i pazienti con il cancro di sangue. Questi risultati avranno molto importante e le implicazioni immediate per la terapia personale nei cancri mutati FAT1 dei pazienti„, commenta fotoricettore Cedric Blanpain, l'autore senior di questo studio.

Source:
Journal reference:

Pastushenko, I., et al. (2020) Fat1 deletion promotes hybrid EMT state, tumour stemness and metastasis. Nature. doi.org/10.1038/s41586-020-03046-1.