Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli scienziati sviluppano una versione migliorata di proteina phototoxic

Gli scienziati da Skoltech, l'istituto di chimica di Bioorganic di RAS e l'istituto di Londra delle scienze mediche (LMS) hanno sviluppato una versione migliorata della supernova, un sintetizzatore phototoxic geneticamente codificato, che aiuta i trattamenti intracellulari di controllo tramite esposizione alla luce. La ricerca è stata pubblicata nel giornale internazionale delle scienze molecolari.

Uno strumento importante della ricerca, proteine phototoxic è utilizzato come fotosensibilizzatori geneticamente codificati per generare le specie reattive dell'ossigeno nell'ambito di irradiamento leggero. Contrariamente ai fotosensibilizzatori chimici comuni, le proteine phototoxic geneticamente sono codificate ed espresse dalla cella stessa, che li rende facili gestire e dirigere verso tutto il compartimento selezionato nella cella. Grazie alle specie reattive dell'ossigeno costituite dall'atto di indicatore luminoso, proteine phototoxic possono creare lo sforzo ossidativo rigorosamente localizzato, per esempio, per distruggere una popolazione delle cellule selezionate o per rendere non valide le proteine dell'obiettivo una funzionalità particolarmente richiesta nella modellistica dei trattamenti cellulari.

La prima proteina phototoxic, KillerRed, è stata descritta da un gruppo dei ricercatori russi piombo da Konstantin Lukyanov, un professore al centro di Skoltech delle scienze biologiche (CLS), nel 2006. KillerRed più ulteriormente è stato migliorato dagli scienziati giapponesi e dalla supernova rinominata. Nel loro studio recente, il gruppo del professor Lukyanov ha sviluppato SuperNova2, una versione migliore della supernova, che video l'alta velocità e la totalità di maturazione ed è monomerica, che rende la nuova proteina facilmente utilizzabile ed adatta a vasta varietà di mansioni di biologia molecolare.

Prevediamo che il fotosensibilizzatore geneticamente codificato SuperNova2 trovi l'uso in una vasta gamma di modelli sperimentali.„

Konstantin Lukyanov, il professor, centro di Skoltech delle scienze biologiche

Source:
Journal reference:

Gorbachev,D.A., et al. (2020) Genetically Encoded Red Photosensitizers with Enhanced Phototoxicity. International Journal of Molecular Sciences. doi.org/10.3390/ijms21228800.