Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori di IU sono sovvenzionato $2,9 milioni per ampliare il lavoro sugli impatti subconcussive

Ogni anno, quasi 2,5 milione atleti della High School degli Stati Uniti partecipano agli sport di contatto. Ciascuno di questi atleti sostiene una media di 650 impatti capi subconcussive in una singola stagione, colpi che possono pregiudicare negativamente la salubrità del cervello.

Una concessione $2,9 milioni dagli istituti della sanità nazionali aiuterà i ricercatori all'Indiana University a determinare se e fino a che punto, impatti capi subconcussive ripetitivi -- impatti che non avviano clinicamente i segni ed i sintomi rilevabili della commozione cerebrale -- negativamente salubrità del cervello di influenza in adolescenti. Se applicati ripetutamente, gli impatti subconcussive possono avviare le rotture cellulari e molecolari infracliniche in cellule cerebrali. Infine, la ricerca di IU contribuirà a stabilire le linee guida di sicurezza per i giovani atleti esposti agli impatti capi.

Questo studio su grande scala usa le valutazioni neurologiche di di stato de arte per riflettere la salubrità del cervello dei giocatori di football americano della High School. Ciò sarà uno studio monumentale per capire i livelli sicuri o pericolosi di esposizione di impatti della testa nel calcio della High School, in modo da possiamo fornire una piattaforma sicura affinchè i giocatori godiamo del calcio.„

Kei Kawata, cavo di studio, assistente universitario di cinesiologia, banco di IU di Salubrità-Bloomington pubblica

Il progetto è un'estensione di una focalizzazione pilotata Kawata di studio nel 2019 sui colpi subconcussive fra gli atleti di calcio alla High School del nord di Bloomington in Indiana. Il progetto in corso misurerà quattro anni ed includerà gli atleti dal nord della High School di Bloomington, dal sud della High School di Bloomington, dalla High School di Edgewood e dalla High School di Mooresville.

L'adolescenza è un tempo particolarmente vulnerabile per il neurodevelopment. Mentre le lesioni alla testa in atleti continuano ad essere un fuoco dei ricercatori nel mondo intero, la ricerca di Kawata è unica in quanto mette a fuoco sulla lesione alla testa subconcussive ripetitiva che necessariamente non avvia i sintomi immediati quali l'emicrania, le vertigini ed il disorientamento.

Facendo uso dei mouthguards automatizzati, la rappresentazione neurologica ed i campioni di sangue, Kawata ed il suo gruppo misureranno gli atleti di ogni impatto resistono a durante il gioco, valutando il danno potenziale del movimento del bulbo oculare e della palpebra dei giocatori, l'elaborazione delle informazioni ed i biomarcatori di sangue.

Kawata ha detto che quello giocare gli sport fornisce ai giovani le abilità importanti e le memorie per tutta la vita. Ha detto lo scopo del suo lavoro è di assicurarsi che i giovani atleti stiano godendo degli sport nel modo più sicuro possibile.

Quello scopo è importante alle guide atletiche quale Andrew Hodson, che ha detto che lavorare con i ricercatori allo IU ha contribuito ad informare i programmi atletici del suo banco ed a tenere gli studenti sicuri.

“Al (banco CORP. della Comunità della contea di Monroe), collochiamo sanità e sicurezza degli studente-atleti come il nostro più prioritario,„ ha detto Hodson, Direttore atletico al Nord della High School di Bloomington. “Siamo riconoscenti per la relazione che di lunga durata abbiamo con il Dott. Kawata ed IU e per questo studio critico che indirizza una preoccupazione importante della sicurezza per i nostri atleti ed i loro genitori.

“L'atletica offre le occasioni significative degli studenti impegnarsi nell'attività fisica e fa parte di un gruppo e vogliamo questo continuare nel modo più sicuro possibile. Aspettiamo con impazienza di continuare ad essere una parte di questo progetto importante.„