Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio trova il trasferimento madre--neonato significativamente più basso degli anticorpi anti-SARS-CoV-2

Le donne incinte possono essere particolarmente vulnerabili a sviluppare i casi più severi di COVID-19 dopo l'infezione SARS-CoV-2, ma piccolo è conosciuto circa la loro risposta immunitaria anti-SARS-CoV-2 o come può pregiudicare la loro prole. In uno studio pubblicato nella rete di JAMA aperta, un gruppo piombo dai ricercatori al policlinico di Massachusetts (MGH) fornisce le nuove comprensioni che potrebbero contribuire a migliorare la cura per queste donne ed i loro neonati e sottolinea la necessità per le donne incinte di essere considerato nelle pianificazioni vaccino di srotolamento.

Lo studio ha incluso 127 donne incinte nel loro terzo acetonide che ha ricevuto la cura a tre ospedali di Boston fra il 2 aprile ed il 13 giugno 2020. Fra le 64 donne che hanno verificato il positivo a SARS-CoV-2, i ricercatori non hanno individuato virus nel sangue di cavo o materno (malgrado rilevazione nell'apparato respiratorio delle donne), nessun segni del virus in placente e nessuna prova della trasmissione virale ai neonati. I ricercatori sospettano che la trasmissione al feto può essere non solo bloccato dovuto la mancanza di virus nel sangue delle madri, ma anche perché le molecole principali usate da SARS-CoV-2 per entrare nelle celle (ricevitore ACE2 ed enzima TMPRSS2) non sono posizionate spesso fisicamente insieme nella placenta.

La maggior parte delle donne che hanno verificato il positivo hanno sviluppato le risposte dell'anticorpo contro le proteine SARS-CoV-2, ma il trasferimento madre--neonato degli anticorpi anti-SARS-CoV-2 attraverso la placenta erano significativamente più basse del trasferimento degli anticorpi antiinfluenzali.

La nostra individuazione del trasferimento compromesso del madre--bambino degli anticorpi di SARS-CoV-2-specific nelle terze infezioni di acetonide ha implicazioni per l'amministrazione vaccino materna. Specificamente, evidenzia che le donne incinte sono una popolazione chiave da considerare nei rollouts vaccino. Egualmente solleva le questioni per quanto riguarda la sincronizzazione ottimale dell'amministrazione vaccino a migliore immunità materna e neonata di sostegno.„

Andrea Edlow, MD, autore principale, specialista Materno-Fetale della medicina, MGH e assistente universitario di ostetricia, della ginecologia e della biologia riproduttiva, facoltà di medicina di Harvard

Edlow nota che il trasferimento transplacental degli anticorpi nel feto è in genere più alto nel terzo acetonide, in modo da era inatteso vedere il trasferimento significativamente diminuito degli anticorpi SARS-CoV-2 riguardante quelli contro influenza. “Capire i meccanismi che sono alla base di questo trasferimento inefficiente degli anticorpi di SARS-CoV-2-specific dopo la terza infezione di acetonide come pure capenti se gli anticorpi vaccino-generati abbiano lo stesso o i beni differenti che quelli dall'infezione reale con il virus, sarà le direzioni critiche per la ricerca futura,„ dice.

Source:
Journal reference:

Edlow, A.G., et al. (2020) Assessment of Maternal and Neonatal SARS-CoV-2 Viral Load, Transplacental Antibody Transfer, and Placental Pathology in Pregnancies During the COVID-19 Pandemic. JAMA Network Open. doi.org/10.1001/jamanetworkopen.2020.30455.