Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca fornisce la migliore comprensione di come la resistenza a antibiotici sorge

I ricercatori all'istituto di Quadram sulla sosta di ricerca di Norwich hanno indicato come lo sviluppo di resistenza a antibiotici dai batteri può avere “effetti collaterali„ per loro compreso pregiudicare la loro capacità di causare la malattia.

La resistenza a antibiotici rimane una di più grandi sfide a salubrità globale con molto pochi nuovi antibiotici e resistenza diffusa. È stato stimato che decine di milioni di gente presto morisse annualmente dovuto le infezioni resistenti agli antibiotici che non sono trattabili. Questa nuova ricerca ha il potenziale di aiutare nello sviluppo di nuovi trattamenti come pure di darci una migliore comprensione di come la resistenza sorge e così le pratiche in vigore della guida minimizzare questo.

Piombo dal Dott. Mark Webber, il gruppo ha sviluppato un modello facendo uso della salmonella per permettere una simulazione più realistica di come i batteri si sviluppano e sono esposti agli antibiotici nel mondo reale. La ricerca è stata costituita un fondo per dalla biotecnologia e dalle scienze biologiche il consiglio della ricerca, parte di UKRI.

La maggior parte dei batteri in natura sono trovati nelle comunità conosciute come “i biofilms„. Queste strutture auto-sono formate dalle celle dei batteri in una comunità tenuta insieme da una matrice viscosa. In biofilms, i batteri sono molto duri da uccidere, ma piccolo è conosciuto circa come potrebbero adattarsi una volta esposti agli antibiotici.

In questa opera, pubblicata oggi nei Biofilms e il Microbiomes del npj del giornale, un modello per come i batteri in un biofilm rispondono agli antibiotici sono stati diventati e risultati rispetto agli stati tradizionali del laboratorio.

Ciò ha indicato che i batteri in un biofilm possono sviluppare molto rapido la resistenza a antibiotici ma che quando questo è accaduto altri beni dei batteri sono stati compromessi compreso la loro capacità di causare la malattia, o formare un biofilm in primo luogo. Egualmente hanno identificato alcuni meccanismi novelli di resistenza a antibiotici che successivamente sono stati veduti in isolati dai pazienti. Ciò mostra che il modello può predire utilmente come la resistenza a antibiotici può emergere nel mondo reale.

Questa ricerca apre la strada affinchè più studi capisca come la resistenza a antibiotici si evolve negli stati del mondo reale e può contribuire a guidare il più bene quanto usare gli antibiotici correnti ed informare lo sviluppo di nuovi antibiotici.

Sono fiero di questo lavoro poichè è stato un grande sforzo ed ha fornito la nuova comprensione in come i batteri si adattano e si evolvono nelle circostanze differenti. Ora possiamo migliorare il modello e predire come i batteri rispondono alle droghe nel mondo reale.„

Dott. Mark Webber, istituto di Quadram

Il Dott. Eleftheria Trampari dell'autore principale ha detto “spero che questo sistema-modello ora fosse più ampiamente usato e possiamo capire le conseguenze per i batteri della resistenza di sviluppo ed usare questi informazioni per aiutare i trattamenti della guida che minimizzeranno i rischi a salute degli animali e dell'essere umano„.

Source:
Journal reference:

Trampari, E., et al. (2021) Exposure of Salmonella biofilms to antibiotic concentrations rapidly selects resistance with collateral tradeoffs. npj Biofilms and Microbiomes. doi.org/10.1038/s41522-020-00178-0.