Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I microbi ereditati o trasmessi dell'intestino pregiudicano lo sviluppo scheletrico in animali

Sventri i microbi passati dai mouse femminili alla loro prole, o compartecipe fra i mouse che vivono insieme, possono influenzare la massa dell'osso degli animali, dicono un nuovo studio pubblicato oggi nel eLife.

I risultati suggeriscono che i trattamenti che alterano il microbiome dell'intestino potrebbero contribuire a migliorare i termini della struttura o dell'ossequio dell'osso che indeboliscono le ossa, quale osteoporosi.

La genetica rappresenta la maggior parte della variabilità nella densità ossea umana, ma i fattori non genetici quali i microbi dell'intestino possono anche svolgere un ruolo. Abbiamo voluto studiare l'influenza del microbiome sulla crescita scheletrica e sullo sviluppo di massa dell'osso.„

Abdul Malik Tyagi, autore principale, scienziato di aiuto del personale alla divisione di endocrinologia, metabolismo e lipidi al centro di ricerca di Emory Microbiome, Emory University, Georgia, Stati Uniti

Per fare questo, Tyagi ed i colleghi hanno studiato i mouse che mancavano di tutti i microbi dell'intestino. Hanno trasferito il materiale fecale che contiene un microbo dell'intestino chiamato batteri filamentosi segmentati (SFB), che stimola il guasto all'osso, negli animali. I loro studi hanno rivelato che la prole dei mouse SFB-trattati è stata colonizzata con questi batteri alla nascita ed hanno avuti struttura più difficile dell'osso che i mouse identici che mancavano di SFB.

Ulteriormente, i mouse che hanno vissuto con altri SFB di trasporto sono stato colonizzati con i batteri in quattro settimane e la struttura più difficile sviluppata dell'osso di conseguenza. “Il nostro lavoro indica che i microbi possono essere ereditati o trasmessi fra le persone e significativamente pregiudica lo sviluppo scheletrico negli animali,„ Tyagi dice.

“Più ulteriormente gli studi ora sono necessari per determinare se lo stesso è vero in esseri umani,„ aggiunge Roberto senior Pacifici autore, professore di Herndon della ghirlanda di medicina e Direttore della divisione dell'endocrinologia, del metabolismo e dei lipidi, all'Emory University. “Se è, quindi potrebbe essere possibile sviluppare le terapie che cambiano il microbiome dell'intestino presto nella vita per tenere conto la crescita scheletrica sana.

“Egualmente suggerirebbe l'esigenza dell'avvertenza nell'uso corrente dei trapianti fecali trattare altri termini in pazienti, per assicurare che osso-indebolendosi i batteri non fossero presentati involontariamente,„ Pacifici conclude.

Source:
Journal reference:

Tyagi, A.M., et al. (2021) The gut microbiota is a transmissible determinant of skeletal maturation. eLife. doi.org/10.7554/eLife.64237.