Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I metaboliti possono essere indicatori premonitori dei pazienti a rischio della depressione principale ricorrente

I ricercatori alla scuola di medicina di San Diego dell'università di California, in collaborazione con gli scienziati olandesi, hanno trovato che determinati metaboliti -; le piccole molecole hanno prodotto tramite il trattamento di metabolismo -; possono essere gli indicatori premonitori per le persone a rischio di disordine depressivo principale ricorrente.

I risultati sono stati pubblicati nell'emissione online dell'11 gennaio 2021 della psichiatria di traduzione.

Ciò è prova per un nesso mitocondriale al centro della depressione. È un piccolo studio, ma è il primo per mostrare il potenziale di usando gli indicatori metabolici come indicatori clinici premonitori dei pazienti al più grande rischio -; e più a basso rischio -; per i periodi di ricorso dei sintomi depressivi importanti.„

Robert K. Naviaux, MD, PhD, l'autore senior dello studio, il professor di medicina, di pediatria e di patologia, scuola di medicina di Uc San Diego

Il disordine depressivo principale ricorrente (nei termini, nella depressione clinica stesi) è un disordine di umore caratterizzato dai sintomi multipli in associazione: le sensibilità di tristezza o mancanza di speranza, rabbia o frustrazione, perdita di interesse, disturbi del sonno, ansia, hanno rallentato o pensiero della difficoltà, pensieri suicidi e problemi fisici non spiegati, quali dolore alla schiena o le emicranie.

Il disordine depressivo principale (MDD) è fra le malattie mentali più comuni negli Stati Uniti, con una prevalenza stimata di vita di 20,6 per cento, significante che uno in cinque Americani soffrirà almeno un episodio durante le loro vite. Per i pazienti che hanno MDD ricorrente (rMDD), il rischio quinquennale di ricorrenza è fino a 80 per cento.

Per il loro studio, Naviaux ed i colleghi nei Paesi Bassi hanno reclutato 68 oggetti (45 femmine, 23 maschi) con rMDD che era nella remissione senza antideprimente e 59 invecchiano e genere-abbinato i comandi. Dopo la raccolta del sangue dai pazienti che erano nella remissione, i pazienti sono stati seguiti futuro per 2 e 1/2 anni.

I risultati hanno indicato che un'impronta metabolica ha trovato quando i pazienti erano pozzo potrebbero predire quali pazienti erano più probabili da ricadere fino a 2 e 1/2 anni in futuro. L'accuratezza di questa previsione era più di 90 per cento. L'analisi dei prodotti chimici più premonitori ha trovato che appartengono a determinati generi di lipidi (grassi che eicosanoids e sphingolipids inclusi) e di purine.

Le purine sono fatte dalle molecole, quali il trifosfato di adenosina e l'ADP -; i prodotti chimici principali utilizzati per immagazzinamento dell'energia nelle celle, ma che egualmente giocano un ruolo nelle comunicazioni hanno usato dalle celle nell'ambito dello sforzo, conosciuto come la segnalazione purinergic.

I ricercatori hanno trovato quello negli oggetti con rMDD, cambiamenti in metaboliti specifici in sei vie metaboliche identificate hanno provocato le alterazioni fondamentali delle attività cellulari importanti.

“I risultati hanno rivelato un'impronta biochimica di fondo nel rMDD rimesso che ha collocato ha diagnosticato i pazienti oltre ai comandi sani,„ ha detto Naviaux. “Queste differenze non sono valutazione clinica ordinaria diretta visibile, ma suggeriscono che l'uso del metabolomics -; lo studio biologico dei metaboliti -; potrebbe essere un nuovo strumento per la predizione quali pazienti sono più vulnerabili ad una ricorrenza dei sintomi depressivi.„

Gli autori hanno notato che i loro risultati iniziali richiedono la convalida in un più grande studio almeno di 198 femmine e di 198 maschi (99 casi e 99 comandi ciascuno).

Source:
Journal reference:

Mocking, R.J.T., et al. (2021) Metabolic features of recurrent major depressive disorder in remission, and the risk of future recurrence. Translational Psychiatry. doi.org/10.1038/s41398-020-01182-w.