Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I pazienti con la schizofrenia hanno aumentato il rischio di malattia del Parkinson, studio di manifestazioni

I nuovi studi intrapresi all'università di Turku, Finlandia, indicano che i pazienti con un disordine di spettro della schizofrenia hanno più successivamente un rischio aumentato di malattia del Parkinson nella vita. Il rischio aumentato può essere dovuto le alterazioni nel sistema della dopamina del cervello causato dagli antagonisti del ricevitore della dopamina o dagli effetti neurobiologici della schizofrenia.

Lo studio registrazione registrazione di caso-control è stato effettuato all'università di Turku in collaborazione con l'università di Finlandia orientale. Lo studio ha esaminato gli avvenimenti dei disordini psicotici precedentemente diagnosticati e la schizofrenia dentro oltre 25.000 pazienti finlandesi (PD) della malattia del Parkinson ha trattato nel 1996-2019.

Nello studio, i pazienti con la malattia del Parkinson sono stati notati per avere i disordini psicotici e schizofrenia più spesso precedentemente diagnosticati dei pazienti di referenza della stessa età non diagnosticata con palladio.

- Gli studi precedenti hanno riconosciuto parecchi fattori di rischio per palladio, compreso l'età, il sesso maschile, l'esposizione agli insetticidi e le lesioni alla testa. Tuttavia, la comprensione corrente è che lo sviluppo di palladio è dovuto un effetto unito dei fattori ambientali, ereditari e paziente-specifici differenti. Secondo i nostri risultati, un disordine psicotico o una schizofrenia precedentemente diagnosticato può essere un fattore che aumenta più successivamente il rischio di palladio nella vita, dice il candidato di laurea Tomi Kuusimäki dall'università di Turku che era l'autore principale dell'articolo della ricerca.

Lo studio cambia la concezione dell'associazione fra la malattia del Parkinson e la schizofrenia

Il palladio è corrente il disordine neurologico il più rapido aumentante nel mondo. È un disordine neurodegenerative che è il più comune in pazienti in 60 anni. I sintomi cardinali del motore comprendono l'agitazione, la rigidezza e la lentezza di movimento. In Finlandia, circa 15.000 pazienti corrente stanno vivendo con una diagnosi del palladio.

Nella malattia del Parkinson, i neuroni situati lentamente nel nigra di substantia nel mesemcefalo degenerato, che piombo alla carenza in un neurotrasmettitore hanno chiamato la dopamina. Per quanto riguarda la schizofrenia, il livello della dopamina aumenta di alcune parti del cervello. Inoltre, le farmacoterapie utilizzate nel trattamento primario di palladio e della schizofrenia sembrano avere meccanismi di contrapposizione di atto. I sintomi del palladio possono essere alleviati con gli agonisti del ricevitore della dopamina, mentre la schizofrenia è trattata comunemente con gli antagonisti del ricevitore della dopamina.

- L'avvenimento della malattia del Parkinson e della schizofrenia nella stessa persona è stato considerato raro perché queste malattie sono associate con le alterazioni opposte nel sistema della dopamina del cervello. Il nostro studio cambia questa concezione prevalente, dice Kuusimäki.

Source:
Journal reference:

Kuusimäki, T., et al. (2021) Increased Risk of Parkinson's Disease in Patients With Schizophrenia Spectrum Disorders. Movement Disorders. doi.org/10.1002/mds.28484.