Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La perdita olfattiva è il migliore preannunciatore di COVID-19

Due studi internazionali confermano che per la maggior parte dei pazienti con le infezioni respiratorie che perdono l'odorato, questo è dovuto COVID-19. La malattia egualmente provoca spesso sia la perdita di gusto che gli altri sensi nella bocca. Un ricercatore dall'università di Aarhus ha contribuito ai nuovi risultati.

Se avete avuto COVID-19, quindi dimentichi circa godere dell'odore di caffè appena fatto. Ad ogni modo, due studi importanti dell'internazionale documentano che c'è frequentemente una perdita di odore e che questo dura spesso a lungo nei casi di COVID-19

Alexander Wieck Fjaeldstad, è professore associato nell'olfatto e nel gustation all'università di Aarhus ed è dietro la parte danese dello studio.

Lo studio indica che la perdita media dell'odorato era 79,7 su un disgaggio da 0-100 - quale indica un grande a perdita sensitiva completa, dice il ricercatore. Inoltre, gli studi indicano che la perdita di odore è molto probabilmente il migliore preannunciatore di COVID-19 fra i pazienti con i sintomi delle malattie respiratorie.

“Questo sottolinea quanto importante è di essere informato di questo sintomo, mentre può essere il solo sintomo della malattia,„ dice Alexander Wieck Fjaeldstad, che egualmente sollecita soltanto intorno alla metà dei pazienti con una perdita di odore ha ottenuto il loro odorato indietro dopo i quaranta giorni.

“Questo differisce dalla maschera che vediamo con altre infezioni virali e disagio a lungo termine di cause per i pazienti, sia relativamente ad alimento che al contatto sociale, mentre allo stesso tempo inducendoli a preoccuparci.„

Oltre alla perdita dell'odorato, il senso del gusto egualmente è stato diminuito significativamente, a 69,0 su un disgaggio da 0-100, appena mentre il senso restante di ritenere nella bocca egualmente è stato diminuito, questo volta a 37,3 su un disgaggio da 0-100.

Mentre la perdita di odore in sé elimina la capacità di percepire l'aroma di alimento, la perdita simultanea degli altri sensi lo rende difficile registrare che cosa state mangiando. Mettendo l'alimento nella vostra bocca può quindi si trasforma in in un'esperienza decisamente sgradevole.„

Alexander Wieck Fjaeldstad, professore associato, università di Aarhus

Complessivamente 23 nazionalità ed oltre 4.500 pazienti COVID-19 da ogni parte del mondo hanno risposto al questionario dei ricercatori.

“Lo studio è di interesse sia ai pazienti che soffrono la perdita sensitiva come pure clinici che ricercatori che lavorano con i sistemi diagnostici e la continuazione su COVID-19. Mostra che la perdita di odore è specifica a COVID-19, che è entrambe il pertinente relativamente a riconoscere l'infezione e perché indica che l'odorato è collegato molto attentamente a come SARS-CoV-2 infetta l'organismo.„

Precedentemente, i ricercatori hanno basato la correlazione fra COVID-19 e la perdita dei sensi del prodotto chimico sui più piccoli studi, mentre questi studi raccolgono un gran numero di dati dai paesi dappertutto.

“La collaborazione sui progetti egualmente comporta un dialogo fra i ricercatori da ogni parte del mondo, che permette di dividere la conoscenza e le idee per promuovere il campo della ricerca,„ dice Alexander Wieck Fjaeldstad e continua: “I risultati sono in conformità con i nostri propri studi nazionali ed aprono la strada per gli studi futuri sui fattori di rischio per perdita sensitiva permanente, con una migliore comprensione delle conseguenze di queste perdite sensitive per i pazienti. Fra gli aspetti che sono studiati sia quali fattori sono associati con un più delicato o perdita di briefer dell'odorato e come questa perdita è associata con il resto del corso della malattia. La raccolta dei dati sta continuando e provocherà le pubblicazioni supplementari con ancor più partecipanti.„

I risultati sono stati pubblicati nei sensi chimici del giornale scientifico.

Sfondo per i risultati

Gli studi sono basati su un'indagine tradotta in 23 linguaggi e risposta a da più di 4,500 persone infettati con Covid-19.

Gli studi sono stati effettuati in collaborazione con il consorzio globale per la ricerca di Chemosensory.

Source:
Journal reference:

Gerkin, R.C., et al. (2020) Recent smell loss is the best predictor of COVID-19 among individuals with recent respiratory symptoms. Chemical senses. doi.org/10.1093/chemse/bjaa081.