Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Priorità stabilite scienziati di ricerca per i vaccini COVID-19

Più di 2.800 scienziati da 130 paesi riuniti il venerdì (15 gennaio) in un forum virtuale ospitato dall'organizzazione mondiale della sanità (WHO) per identificare le lacune e l'insieme di conoscenza ricercano le priorità per i vaccini contro SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19.

Hanno discusso la sicurezza e l'efficacia dei vaccini attuali e di nuovi candidati, i modi ottimizzare l'offerta limitata e l'esigenza della sicurezza supplementare studia.

“Lo sviluppo e l'approvazione di parecchi vaccini sicuri ed efficaci di meno che un anno dopo che questo virus è stato isolato ed ordinato è una realizzazione scientifica sbalordire,„ ha detto il Dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale del WHO, nelle sue osservazioni preliminari. “L'approvazione dei vaccini primissimi non significa che il processo è fatto. Lontano da. Più vaccini sono nella conduttura, che deve essere valutata per assicurarsi che abbiamo abbastanza dosi per vaccinare ognuno.„

Più di 30 milione dosi vaccino già sono state amministrate in 47 principalmente paesi con reddito elevato. Ma lo srotolamento vaccino globale ha esposto le diseguaglianze clamorose nell'accesso a questo strumento di salvataggio.

Lo spirito di collaborazione deve prevalere in questi periodi provocatori mentre cerchiamo di capire questo virus. Dobbiamo essere consci delle diseguaglianze e dobbiamo promuovere deliberatamente l'investimento nelle capacità regionali di livellare il campo da gioco e di avere collaborazione significativa da cominciare ad indirizzare alcune delle sfide.„

Dott. John Nkengasong, Direttore dei centri dell'Africa per controllo di malattie e la prevenzione, organizzazione mondiale della sanità

Gli esperti hanno acconsentito l'esigenza della ricerca critica sull'amministrazione dei vaccini in popolazioni bersaglio differenti come pure sulle strategie e sui programmi della consegna della vaccinazione. Ciò comprende le prove, la modellistica e gli studi d'osservazione, che contribuirebbero ad informare la polizza.

Hanno discusso l'impatto delle varianti emergenti SARS-CoV-2 sull'efficacia dei vaccini, l'impatto dei vaccini sulla trasmissione dell'infezione e la necessità sviluppare la generazione seguente di piattaforme vaccino.

“Il mondo ha bisogno dei vaccini multipli che funzionano in popolazioni differenti per rispondere all'esigenza globale e cessare lo scoppio COVID-19. Nel migliore dei casi, quelli saranno vaccini d'una sola dose che non richiedono la catena del freddo, potrebbero essere consegnati senza un ago di stampa e una siringa e sono favorevoli alla lavorazione su grande scala,„ hanno detto il professor Mike Levine, Direttore del centro per sviluppo del vaccino all'università del Maryland.

La riunione conclusiva con accordo stabilire una piattaforma Che-ospitata per la divisione ed il coordinamento globali di informazioni vaccino emergenti di ricerca su efficacia e su sicurezza. Il forum permetterebbe agli scienziati di dividere e discutere i protocolli non pubblicati e pubblicati della ricerca e di dati per avanzare la nostra comprensione collettiva dei vaccini SARS-CoV-2.

“Il WHO riunirà regolarmente gli esperti intorno al mondo, promuovere ricerca di collaborazione, fornire i protocolli standard e sviluppare una piattaforma per la divisione della conoscenza ultima nel campo,„ ha detto il Dott. Soumya Swaminathan, scienziato del capo del WHO.