Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La proteina BMP5/7 offre la terapeutica di promessa che potrebbe fermare la progressione della malattia del Parkinson

L'università diBen-Gurion dei ricercatori di Negev ha scoperto che la proteina BMP5/7 offre la terapeutica di promessa che potrebbe rallentare o ferma la progressione della malattia del Parkinson.

I risultati sono stati pubblicati nel giornale prestigioso della neurologia clinica, cervello.

La malattia del Parkinson, che pregiudica oltre un milione di genti in Stati Uniti e 10 milioni mondiali, causa i tremiti ed il danno severo del movimento dovuto degenerazione progressiva delle cellule cerebrali producenti dopamina. È creduto che la proteina “alfa-synuclein,„ presente in tutti i cervelli umani, misfolds e formi i mucchi tossici in queste celle, che causa la malattia.

Mentre le terapie correnti della malattia del Parkinson migliorano i sintomi, non sono efficaci nelle fasi avanzate di malattia e, purtroppo, non rallentano o non fanno maturare la malattia.

Il Dott. Claude Brodski, M.D., testa del laboratorio del BGU per la neuroscienza molecolare, ha scoperto che la segnalazione BMP5/7 in neuroni è stata diminuita significativamente in cellule cerebrali producenti dopamina, in grado di contribuire all'avanzamento della malattia del Parkinson.

Effettivamente, abbiamo trovato che il trattamento BMP5/7 può, in un modello del mouse della malattia del Parkinson, impedire efficientemente i danni del movimento causati tramite la capitalizzazione dell'alfa-synuclein ed invertire la perdita di cellule cerebrali producenti dopamina. Questi risultati molto stanno promettendo, poiché suggeriscono che BMP5/7 potrebbe rallentare o fermare la progressione della malattia del Parkinson. Corrente, stiamo concentrando tutti gli nostri sforzi sul portare la nostra scoperta più vicino all'applicazione clinica.„

Dott. Claude Brodski, M.D, responsabile di laboratorio per neuroscienza molecolare, università diBen-Gurion del Negev

Le tecnologie di BGN, società del trasferimento di tecnologia dell'università diBen-Gurion, file parecchie richieste di brevetto che riguardano questa scoperta dell'innovazione.

Il Dott. Galit Mazooz Perlmuter, vice presidente senior di sviluppo di affari, bio--Pharma alle tecnologie di BGN, note, “là è una vasta necessità per le nuove terapie di trattare la malattia del Parkinson, particolarmente nelle fasi avanzate della malattia. I risultati del Dott. Brodski, sebbene ancora nelle loro fasi iniziali, offrano un obiettivo malattia-modificato della droga che indirizzerà questa circostanza devastante. Ora stiamo cercando un partner dell'industria per ulteriore sviluppo di questa invenzione di brevetto in registrazione.„

Source:
Journal reference:

Vitic, Z., et al. (2020) BMP5/7 protect dopaminergic neurons in an α -synuclein mouse model of Parkinson’s disease. Brain. doi.org/10.1093/brain/awaa368.