Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: La soddisfazione con cura di estremità-de-vita era più alta quando le persone sono morto a casa

Dove la gente muore può pregiudicare la qualità delle loro morti e la estremità-de-vita si preoccupa che ricevono. Uno studio pubblicato nel giornale della società americana della geriatria ha trovato che la soddisfazione con cura di estremità-de-vita era stimata il più su quando le persone sono morto a casa.

Analizzando i dati dalla salubrità nazionale ed invecchiando lo studio di tendenze dei beneficiari di Assistenza sanitaria statale dell'comunità-abitazione che sono morto all'età 65 anni o più vecchi, i ricercatori hanno trovato che il posto più frequente della morte per le persone con danno conoscitivo era nella casa, ma le persone conoscitivo in buona salute dovevano ugualmente come probabilmente morire a casa o nell'ospedale. Indipendentemente dalla loro salubrità conoscitiva, le persone che hanno ricevuto la cura del centro ospedaliero erano più probabili morire a casa.

I nostri risultati suggeriscono che la preferenza degli adulti più anziani per il posto della morte dovrebbe essere una componente centrale della pianificazione di avanzamento di cura e la ricevuta di cura del centro ospedaliero può essere un tasto a raggiungere quella preferenza.„

Natalie G. Regier, PhD, autore principale di studio, banco di Johns Hopkins University di professione d'infermiera

Source:
Journal reference:

Regier, N. G., et al. (2021) Place of Death for Persons With and Without Cognitive Impairment in the United States. Journal of the American Geriatrics Society. doi.org/10.1111/jgs.16979.