Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo modello spiega le controversie sopra i grassi saturati ed il rischio della malattia di cuore

Nella scienza, a volte una nuova prospettiva può girare la nostra interpretazione dei dati capovolta e necessita uno spostamento di paradigma.

C'è stato e continua ad essere, disaccordi feroci nella scienza di nutrizione quanto a che cosa costituisce una dieta sana. Una controversia chiave è il ruolo dei grassi saturati nella salubrità e nella malattia. I grassi saturati sono conosciuti per aumentare i livelli di colesterolo di sangue ed il colesterolo aumentato di sangue è osservato spesso nella gente che sviluppa la malattia cardiovascolare.

È stato pensato per più del mezzo secolo che i grassi saturati nella dieta promuovessero la malattia di cuore aumentando il colesterolo di sangue. Tuttavia, un nuovo modello spiega perché questa cosiddetta “ipotesi del dieta-cuore„, che ha avuta un'influenza importante sulle linee guida dietetiche, può avere una spiegazione alternativa.

In un nuovo articolo pubblicato oggi nel giornale americano di nutrizione clinica, tre scienziati hanno sollevato un problema che sfida l'dieta-cuore-ipotesi: Perché i grassi saturati aumentano il colesterolo di sangue e perché dovrebbero questo essere pericolosi? Dopo tutto, i grassi saturati si presentano naturalmente in un'ampia varietà di alimenti, compreso latte materno.

Il colesterolo è una molecola estremamente importante per tutte le celle nell'organismo. Una cella è circondata da una membrana fluida che gestisce la funzione delle cellule e le celle dipendono dalla capacità di incorporare una certa quantità di molecole del colesterolo, di modo che le loro membrane non diventano troppo rigide o troppo fluide.„

Marit Zinöcker, professore associato, autore principale, università di Bjørknes, Oslo, Norvegia

“La base del modello è che quando i grassi saturati sostituiscono i grassi poli-insaturi nella dieta, meno colesterolo è necessario nelle membrane cellulari,„ lei spiega. L'opposto è vero quando mangia gli acidi grassi più poli-insaturi, che includono gli acidi grassi omega-3 e omega-6. “Questo è perché i grassi poli-insaturi dalla dieta entrano nelle nostre membrane cellulari e le rendono più fluide. Le celle regolano la fluidità delle loro membrane incorporando il colesterolo reclutato dalla circolazione sanguigna. Secondo il modello ha presentato dai ricercatori, questo può spiegare perché i livelli di colesterolo di sangue diminuiscono quando mangiamo i grassi più poli-insaturi.

Gli autori hanno nominato il modello “l'adattamento di Homeoviscous al modello dei lipidi dietetici„ (HADL).

“Le celle devono regolare la loro fluidità della membrana secondo i cambiamenti nel loro ambiente, quale l'accesso ai tipi differenti di grassi„, dice il co-author Simon N. Dankel, il ricercatore al dipartimento di scienza clinica, università di Bergen, Norvegia.

“Questo fenomeno è chiamato adattamento homeoviscous ed è stato descritto in entrambi i microrganismi, vertebrati ed in cellule epiteliali umane. Sosteniamo che questo è un principio critico in fisiologia umana. Le nostre celle sono normalmente capaci di regolazione del loro contenuto del colesterolo secondo i cambiamenti in grassi dietetici.„

“La ricerca in nutrizione mette a fuoco spesso su che cosa cambia nell'organismo, ma la domanda di perché qualcosa, quale il colesterolo di sangue, cambiamenti, è di importanza uguale„, dice il co-author Karianne Svendsen, il collega postdottorale al dipartimento di nutrizione, università di Oslo, Norvegia.

Ciò è dove il nuovo modello di HADL entra in gioco, fornendo una spiegazione basata sulla fisiologia umana adattabile. “Dal punto di vista del modello di HADL, troviamo le spiegazioni logiche per perché le celle devono cambiare il loro contenuto del colesterolo e quindi il colesterolo di sangue, quando i grassi nella dieta cambiano,„ dice Zinöcker.

Nel documento, altre ragioni per LDL-colesterolo elevato nella gente con la malattia cardiovascolare sono discusse, quali infiammazione e insulino-resistenza di qualità inferiore. Ciò indica che il colesterolo elevato di sangue causato tramite le rotture metaboliche deve essere disgiunto dal colesterolo elevato di sangue causato da un cambio principale nell'assunzione degli acidi grassi insaturi dietetici. Egualmente mette in discussione il vantaggio di abbassamento del colesterolo di sangue aggiungendo gli acidi grassi poli-insaturi alla dieta e non indirizzando la causa di origine.

“C'è nel migliore dei casi prova debole che un'alta assunzione di grasso saturato causa la malattia di cuore,„ dice Dankel. “I dati globali sono contradditori e non convincenti, per non menzionare la mancanza di spiegazione biologica ed evolutiva logica.„

“Inoltre, la gente con i disordini metabolici non mostra spesso i cambiamenti previsti in colesterolo di sangue quando cambia il loro consumo di grassi, suggerente perdita della risposta normale.„

“La ricerca ed il ragionamento che il modello di HADL è basato sopra indica che l'effetto dei grassi dietetici sul colesterolo di sangue non è una risposta patogena, ma piuttosto completamente un normale e perfino un adattamento sano ai cambiamenti nella dieta.„ Zinöcker conclude.

Gli autori specificano che sebbene il modello sia basato su conoscenza attuale dei meccanismi cellulari, del modello le necessità ancora di essere verificato. Gli autori quindi invitano i ricercatori a discutere il modello di HADL facendo uso di #HADLmodel ed a verificare il modello.

Source:
Journal reference:

Zinöcker, M.K., et al. (2021) The homeoviscous adaptation to dietary lipids (HADL) model explains controversies over saturated fat, cholesterol, and cardiovascular disease risk. The American Journal of Clinical Nutrition. doi.org/10.1093/ajcn/nqaa322.