Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Cambi spettacolari veduti nella consegna dei trattamenti di radioterapia durante la pandemia di coronavirus

I cambi spettacolari sono stati veduti nella consegna dei trattamenti della radioterapia per cancro durante la prima onda della pandemia di coronavirus in Inghilterra.

I corsi molto più brevi della radioterapia sono stati consegnati, i trattamenti sono stati ritardati dove era sicuro da agire in tal modo ed alcuni aumenti sono stati veduti per compensare la capacità chirurgica diminuita.

Gli esperti credono che i cambiamenti riflettano un adattamento impressionante dei servizi da NHS e che l'impatto globale sui risultati del cancro è probabile essere modesto.

La nuova ricerca, piombo dall'università di Leeds, con la salute pubblica Inghilterra e l'istituto universitario reale dei radiologi, rivela a maggio che c'era ad aprile una diminuzione nei corsi del trattamento della radioterapia di 19,9%, 6,2% e 11,6% nel giugno 2020, hanno paragonato agli stessi mesi l'anno prima.

Queste diminuzioni uguagliate a più di 3.000 meno corsi di radioterapia fra il 23 marzo ed il 28 giugno 2020, che sarebbe stato preveduto. Tuttavia, i corsi mancanti erano probabili essere dovuto il rinvio, dove il rischio di agire in tal modo è stato reputato basso. A giugno comunque, sembra che il numero diminuito dei corsi possa riflettere una caduta preoccupantesi nel numero dei pazienti che sono diagnosticati con il cancro.

Il nuovo studio è il primo per valutare l'impatto della pandemia sui servizi della radioterapia in Inghilterra ed è pubblicato oggi in oncologia di The Lancet.

Un cambiamento rapido in pratica si è presentato per i trattamenti di cancro al seno, permesso a in parte tramite i risultati di una prova BRITANNICA pubblicata appena come la pandemia direzione, che ha mostrato un corso di una settimana per essere altrettanto efficace come corso di tre settimane per molti pazienti.

In maniera sconvolgente, l'uso del corso di scarsità del trattamento è andato da appena 0,2% di tutti i corsi della radioterapia del cancro al seno nell'aprile 2019, fino a 60,0% di tutti i corsi nell'aprile 2020.

L'opzione ai corsi di scarsità del trattamento inoltre è stata veduta in altri tipi di cancri ed avrà contribuito a tenere i pazienti cassaforte e servizi che funzionano durante la pandemia.

Per alcuni tipi del cancro c'era un importante crescita nell'uso dei corsi della radioterapia confrontati all'anno prima. C'erano un aumento di 143,3% in radioterapia curativa per il cancro di vescica e di 71,3% per cancro esofageo a maggio e 36,3% per il cancro delle viscere ad aprile.

Questi tipi di cancri sono trattati spesso con chirurgia. La radioterapia offre un trattamento curativo alternativo o significa ritardare sicuro ed è probabile questi aumenti tempestivi è stato consegnato per tenere la cassaforte dei pazienti quando l'ambulatorio non era possibile dovuto la pandemia.

Orientamento di radioterapia durante la pandemia

Intorno uno in tre genti con cancro nel Regno Unito riceverà la radioterapia come componente del loro trattamento. La radioterapia può essere usata per provare e fare maturare un paziente del loro cancro, o per trattare il dolore ed altri sintomi quando il trattamento curativo non è possibile.

I trattamenti sono dati spesso facendo uso delle dosi giornalmente mirate a della radioterapia durante una serie di settimane. Ogni cancro è differente ed i corsi della radioterapia variano secondo il tipo di cancro e lo scopo del trattamento.

A marzo e aprile 2020, le raccomandazioni nazionali ed internazionali sono state pubblicate rapidamente assicurare l'uso sicuro ed efficace della radioterapia, poichè la prima onda di COVID-19 ha colpito il Regno Unito. L'istituto universitario reale della coordinata aiutata radiologi la scrittura e la pubblicazione di molte di queste linee guida, con i ricercatori dall'università di Leeds che contribuisce a molti di questi.

L'autore principale di nuovo Dott. Katie Spencer di studio, il collega clinico accademico dell'università all'università di Leeds e l'oncologo clinico del consulente alle cliniche universitarie NHS di Leeds si fidano di, detto: “La radioterapia è un'opzione molto importante del trattamento per cancro ed il nostro studio indica che attraverso l'inglese NHS c'era una variazione rapida in come la radioterapia è stata usata.

“È impressionante vedere che i dati seguono molto attentamente le linee guida pubblicate all'inizio della pandemia. Per i cancri quali il petto e le viscere, i più brevi, trattamenti più intensivi sono stati consegnati per fornire i simili risultati per i pazienti.

“Dove la mora del trattamento è sicura, come in carcinoma della prostata, more sono stati usati per diminuire il rischio di esposizione di coronavirus. Ciò era particolarmente importante per i pazienti più anziani, che sono più vulnerabili al virus.

“In altri casi, quali la testa ed il collo e nei cancri anali, abbiamo veduto che il numero dei trattamenti della radioterapia appena è cambiato durante la prima onda. Ciò realmente stava rassicurando, come sappiamo che è vitale che questi trattamenti non sono ritardati.„

Trattamenti durante la prima onda

I ricercatori hanno esaminato il numero dei trattamenti della radioterapia che hanno luogo fra febbraio e giugno 2020 all'interno di NHS inglese, catturato dal gruppo di dati nazionale della radioterapia dell'Inghilterra di salute pubblica. Hanno paragonato il numero dei corsi della radioterapia e la loro lunghezza, allo stesso periodo di tempo nel 2019, per esaminare gli effetti della pandemia e del lockdown di coronavirus.

La più grande riduzione dei trattamenti è stata veduta per i pazienti invecchiati 70 e sopra (riduzione 34,4% nell'aprile 2020). Questo probabile riflette la preoccupazione dove la vulnerabilità paziente ai rischi di coronavirus ha superato l'a basso rischio in peso atteso dal ritardo del trattamento in alcune impostazioni. Per esempio, il trattamento per carcinoma della prostata è caduto 77,0% nell'aprile 2020 confrontati all'anno prima ed i trattamenti per il cancro di interfaccia del non melanoma sono caduto 72,4% lo stesso mese.

Questa ricerca mostra la velocità incredibile con cui i servizi della radioterapia all'interno di NHS potevano adattare i loro reticoli del trattamento per contribuire a proteggere i pazienti con cancro, mentre facendo fronte alla capacità chirurgica diminuita dovuto la pandemia globale.

Malgrado le pressioni intense su NHS, poteva efficacemente da adattare i trattamenti della radioterapia, trovanti le opzioni alternative del trattamento ove possibile e continuanti i sui standard di livello mondiale di cura paziente.

Nel mezzo dell'impulso corrente COVID-19, la capacità di NHS è nell'ambito ancora di maggior sforzo. Tuttavia, i gruppi del cancro stanno usando tutta esperienza clinica e le innovazioni a partire dall'anno scorso per assicurare i servizi della radioterapia continuano a gestire e fornire la migliore cura possibile per i pazienti.„

Dott. Tom Roques, co-author, Direttore medico, pratica professionale per oncologia clinica all'istituto universitario reale dei radiologi

La speranza del gruppo di ricerca i loro risultati aiuterà i fornitori di cure mediche a capire le conseguenze indirette della pandemia ed il ruolo dei servizi della radioterapia nella minimizzazione dei quegli effetti.

Questa ricerca ha compreso i contributi dall'università di Oxford, la fiducia di NHS dell'università di Velindre, la fiducia delle fondamenta di NHS degli ospedali universitari di Norwich & della Norfolk e NHS Inghilterra.

Presentazione di meno pazienti

Il Dott. Spencer, dall'università di istituto di Leeds per le scienze di salubrità e dal centro della radioterapia di Leeds CRUK di eccellenza, ha detto: “Mentre il paese è emerso dal primo lockdown a giugno, abbiamo veduto che il numero dei pazienti che ricevono la radioterapia ancora è stato diminuito confrontato all'anno scorso.

“La pandemia continua a causare la rottura severa per la diagnosi del cancro ed alcuni programmi di 'screening'nazionali. Ciò ha significato che meno pazienti sono stati diagnosticati con cancro durante la prima onda della pandemia e questa è probabile piombo alla caduta persistente nei trattamenti che vediamo. Sappiamo che i pazienti che fanno il loro diagnosticare presto cancro per avere una migliore probabilità di essere essiccati così questo realmente sta preoccupandosi.

“Se la gente ha preoccupazioni circa la loro salubrità è realmente importante che vanno cercare la guida. I servizi della radioterapia rimangono in servizio e sono pronti a occuparsi della gente, come sempre.„

Source:
Journal reference:

Spencer, K., et al. (2021) The impact of the COVID-19 pandemic on radiotherapy services in England, UK: a population-based study. Lancet Oncology. doi.org/10.1016/S1470-2045(20)30743-9.