Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuove varianti SARS-CoV-2 resistenti ai sieri convalescenti ed ed agli anticorpi monoclonali

I ricercatori che studiano l'effetto dei sieri convalescenti e degli anticorpi monoclonali dai pazienti recuperati hanno trovato che il Regno Unito e le varianti sudafricane SARS-CoV-2 sono più resistenti a neutralizzazione confrontata al virus selvaggio tipo.

Mentre il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo continua a spargersi attraverso il globo, ha evoluto e subito parecchie mutazioni. Le nuove varietà virali possono avere il transmissibility e infettività differenti che possono pregiudicare come gli anticorpi di neutralizzazione funzionano contro di loro.

Ci sono stati rapporti di una diminuzione nella risposta dell'anticorpo al virus ed alcuni casi di reinfezione sono stati riferiti. Gli anticorpi alla proteina della punta SARS-CoV-2 sono la proporzione principale di anticorpi di neutralizzazione. Le varianti del virus che nascono recentemente nel Regno Unito, il B.1.1.7 e nel Sudafrica, il B. 1,351, hanno parecchie mutazioni sulla proteina della punta. Ciò sta interessando per quanto riguarda l'effetto di neutralizzazione degli anticorpi.

I ricercatori dall'università medica di Chongqing in Cina hanno studiato come gli efficaci sieri convalescenti e gli anticorpi monoclonali sono a queste varianti. Hanno pubblicato i loro risultati in una pubblicazione inviata sul " server " della pubblicazione preliminare del bioRxiv*.

Virus mutanti resistenti ad alcuni anticorpi

Il gruppo usato precedentemente ha ottenuto ancora i campioni di sangue da 20 pazienti COVID-19 nel febbraio 2020 e poi nell'ottobre 2020, dopo il loro ripristino, per raccogliere otto anticorpi monoclonali (RBD) specifici del dominio dell'ricevitore-associazione. Hanno espresso il tipo selvaggio e gli sforzi mutanti BRITANNICI e sudafricani in un sistema lentiviral dello pseudotype.

Gli autori hanno valutato l'infettività degli sforzi variabili facendo uso dell'analisi di luciferase. Hanno trovato che le due varianti hanno avute risparmi di temi dell'entrata 3-4 volte che del tipo selvaggio virus. Ciò suggerisce che le varianti abbiano più alta infettività che quella del virus selvaggio tipo.

I sieri raccolti dai pazienti i circa 25 giorni dopo l'inizio di sintomo erano meno efficaci nella neutralizzazione dei mutanti che il virus selvaggio tipo. I titoli di neutralizzazione dell'anticorpo erano 825 per il selvaggio tipo e 343 e 148 per le varianti BRITANNICHE e sudafricane, rispettivamente.

Una volta provato contro i sieri raccolti circa otto mesi dopo l'inizio di sintomo, 85% dei campioni ha mostrato la dose inibitoria (ID)50 maggior di 40 al virus selvaggio tipo. Circa 40% e 90% dei campioni hanno avuti titoli50 di identificazione sotto la soglia mutante BRITANNICA e sudafricana, rispettivamente. Quindi, alcuni sieri convalescenti non possono neutralizzare le varianti.

Dopo, gli autori esaminati come gli efficaci anticorpi monoclonali raccolti dai sieri convalescenti erano nella neutralizzazione delle varietà virali differenti. Degli otto tipi di anticorpi raccolti, tutta l'forte attività di neutralizzazione avuta sul virus selvaggio tipo. Mentre le varianti non hanno avute quasi effetto su due anticorpi, l'altro sei aveva diminuito l'attività di neutralizzazione contro le varianti.

Di questi sei, tre e cinque erano meno efficaci da 3 volte o più contro gli sforzi BRITANNICI e sudafricani, rispettivamente. Due anticorpi non hanno avuti effetto sulla variante sudafricana ed ha diminuito l'effetto delle volte più potenti dell'anticorpo 26 confrontate a quella del virus selvaggio tipo.

Attività di neutralizzazione dei sieri convalescenti e degli anticorpi monoclonali contro le varianti SARS-CoV-2. un
Attività di neutralizzazione dei sieri convalescenti e degli anticorpi monoclonali contro le varianti SARS-CoV-2. un'infettività dello pseudovirus di variante e del PESO condotto in celle 293T-ACE2 e A549-ACE2. Le celle sono state inoculate con le dosi equivalenti di ogni virus pseudotyped. PESO, punta selvaggio tipa (GenBank: ) Virus pseudotyped QHD43416; Variante 1, virus pseudotyped punta mutante N501Y.V1 (che contiene eliminazione H60/V70, Y144 eliminazione, N501Y, A570D, D614G, P681H, T716I, S982A, D1118H); Variante 2, virus pseudotyped punta mutante N501Y.V2 (che contiene K417N, E484K, N501Y, D614G). b-c ad analisi di neutralizzazione basate Pseudovirus sono state eseguite per individuare i titoli di neutralizzazione (NAb) dell'anticorpo contro SARS-CoV-2. Le soglie di rilevazione erano 1:40 di ID50. Venti sieri (indicati dai cerchi) sono stati estratti inizio di post-sintomo dei 5 - 33 giorni (b); 20 sieri (indicati dai triangoli) erano ~ tirato 8 mesi di inizio di post-sintomo (c). d-e le concentrazioni inibitorie mezzo massime (IC50) per gli anticorpi monoclonali provati (mAbs) contro gli pseudoviruses (d) e la neutralizzazione rappresentativa curva (e). Il significato statistico è stato determinato da ANOVA unidirezionale

Implicazioni di nuove varianti su neutralizzazione dell'anticorpo

Questi risultati indicano che le entrambe varianti aumentano l'infettività virale confrontata allo sforzo selvaggio tipo. Le entrambe varianti hanno le mutazioni D614G e N501Y nella proteina della punta, che sono stati associati con un aumento nella forma fisica e nel transmissibility virali.

L'inabilità dei sieri convalescenti e degli anticorpi monoclonali derivati dai pazienti che sono stati infettati durante la prima onda delle infezioni in Cina suggerisce che queste varianti possano evolversi per sfuggire alla neutralizzazione dagli anticorpi. Tuttavia, è eppure sconosciuto se questi pazienti saranno all'elevato rischio di reinfezione da queste varianti.

“Dato la natura evolventesi del genoma del RNA SARS-CoV-2, della terapeutica dell'anticorpo e dello sviluppo del vaccino richieda ulteriori considerazioni di accomodare le mutazioni nella punta che può pregiudicare l'antigenicità del virus,„ scrivono gli autori. Ulteriori studi con una più grande dimensione ed usando del campione gli sforzi completi del virus SARS-CoV-2 e del mutante, piuttosto che gli pseudoviruses, aiuteranno più ulteriormente la nostra comprensione.

Avviso *Important

il bioRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Lakshmi Supriya

Written by

Lakshmi Supriya

Lakshmi Supriya got her BSc in Industrial Chemistry from IIT Kharagpur (India) and a Ph.D. in Polymer Science and Engineering from Virginia Tech (USA).

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Supriya, Lakshmi. (2021, January 25). Nuove varianti SARS-CoV-2 resistenti ai sieri convalescenti ed ed agli anticorpi monoclonali. News-Medical. Retrieved on January 20, 2022 from https://www.news-medical.net/news/20210125/New-SARS-CoV-2-variants-resistant-to-convalescent-sera-and-and-monoclonal-antibodies.aspx.

  • MLA

    Supriya, Lakshmi. "Nuove varianti SARS-CoV-2 resistenti ai sieri convalescenti ed ed agli anticorpi monoclonali". News-Medical. 20 January 2022. <https://www.news-medical.net/news/20210125/New-SARS-CoV-2-variants-resistant-to-convalescent-sera-and-and-monoclonal-antibodies.aspx>.

  • Chicago

    Supriya, Lakshmi. "Nuove varianti SARS-CoV-2 resistenti ai sieri convalescenti ed ed agli anticorpi monoclonali". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20210125/New-SARS-CoV-2-variants-resistant-to-convalescent-sera-and-and-monoclonal-antibodies.aspx. (accessed January 20, 2022).

  • Harvard

    Supriya, Lakshmi. 2021. Nuove varianti SARS-CoV-2 resistenti ai sieri convalescenti ed ed agli anticorpi monoclonali. News-Medical, viewed 20 January 2022, https://www.news-medical.net/news/20210125/New-SARS-CoV-2-variants-resistant-to-convalescent-sera-and-and-monoclonal-antibodies.aspx.