Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

le vescicole extracellulari ditrasporto promuovono l'co-infezione virale-batterica

Il meccanismo da cui le infezioni respiratorie virali acute promuovono la crescita batterica secondaria e l'infezione nelle gallerie di ventilazione dipende dal ferro-trasporto dei sacchi extracellulari secernuti dalle celle che allineano le gallerie di ventilazione di ospite, ricercatori di rapporto dall'università di scuola di medicina di Pittsburgh in un documento pubblicato oggi in cella riferisce.

I sacchi, o “vescicole,„ che portano il limite del ferro ad una proteina hanno chiamato la transferrina, socio con le celle batteriche e forniscono loro le sostanze nutrienti essenziali, promuoventi la crescita delle comunità batteriche espansive.

L'individuazione ci dà un'occhiata in come i batteri sfruttano il sistema di difesa di ospite contro gli agenti patogeni e possono offrire un nuovo modo per la creazione delle terapie per impedire le infezioni batteriche secondarie nella regolazione clinica.

“Lo sviluppo delle infezioni batteriche croniche è preceduto spesso tramite le infezioni virali acute e tali co-infezioni aumentano la probabilità dei pazienti della morte o inabilità per tutta la vita,„ ha detto Jennifer senior Bomberger autore, Ph.D., professore associato nel dipartimento di microbiologia & la genetica molecolare a Pitt. “Abbiamo voluto capire che cosa è che il virus sta facendo che permette che i batteri ottengano un appiglio nelle gallerie di ventilazione del paziente.„

Che impedisce ed il polmone le infezioni secondarie gestenti dai batteri sempre più resistenti agli antibiotici, quali lo staphylococcus aureus e Pseudomonas aeruginosa, rimane un problema provocatorio nella sanità. Secondo gli esami dei rapporti storici di autopsia, più di 90% delle morti durante la pandemia di influenza 1918 probabilmente è derivato da polmonite batterica secondaria e, a questo giorno, fino a 30% degli adulti ospedalizzati con polmonite comunità-acquistata virale sviluppano le co-infezioni batteriche.

Per studiare il meccanismo delle interazioni virale-batteriche nell'affezione polmonare cronica, i ricercatori di Pitt hanno usato un'co-infezione del P. e di RSV di aeruginosa o, del virus respiratorio sinciziale del modello, la severità di cui dipende dalla capacità dei aeruginosa del P. di formare i biofilms--grandi comunità dei batteri imballati in una matrice polimerica.

Facendo uso degli studi in vitro e della rappresentazione fluorescente, gli scienziati hanno mostrato quello la produzione e la secrezione delle vescicole extracellulari--due trattamenti che si presentano ordinariamente in cella differente digita dentro l'organismo, compreso l'epitelio respiratorio--sono amplificati tramite un'infezione virale acuta. Fondamentalmente, queste vescicole direttamente si associano con i biofilms di aeruginosa del P. e promuovono la loro crescita.

“Le vescicole extracellulari si presentano naturalmente nell'organismo e sono usate dall'organismo come strumento di comunicazione,„ ha detto Bomberger. “Sembra che i batteri abbiano cooptato questo trattamento per il loro proprio vantaggio.„

Mentre il meccanismo esatto di come l'attaccatura extracellulare delle vescicole ai batteri resta esplorare, ricercatori ha trovato che le vescicole portano il ferro legato alle proteine sulla loro superficie, fornente ai batteri le sostanze nutrienti necessarie.

Sarebbe interessante da vedere che le implicazioni questo meccanismo ha per la risposta immunitaria di ospite. Se le vescicole extracellulari possono proteggere i batteri che dalle celle immuni, quella potrebbe fare diminuire la capacità di ospite di individuare i batteri di guida e di infezione per eludere la risposta immunitaria.„

Matthew Hendricks, PhD, autore principale di studio ed ex dottorando nel laboratorio di Bomberger

Egualmente sembra che il meccanismo di interazione vescicola-dipendente extracellulare fra i virus ed i batteri sia universale per i tipi differenti di virus, compreso altri virus respiratori ed i virus che attaccano altre posizioni mucose, quale il tratto gastrointestinale.

Source:
Journal reference:

Hendricks, M. R., et al. (2021) Extracellular vesicles promote transkingdom nutrient transfer during viral-bacterial co-infection. Cell Reports. doi.org/10.1016/j.celrep.2020.108672.