Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La droga antiemetica offre un approccio di promessa per trattare la leucemia mieloide cronica

La leucemia mieloide cronica (CML) deriva da una degenerazione delle cellule staminali ematopoietiche (cellule staminali di leucemia), quindi piombo alla formazione incontrollata di globuli bianchi specifici, i cosiddetti granulociti.

Il lavoro di ricerca al dipartimento dell'oncologia medica al Inselspital, all'ospedale universitario di Berna ed all'università di Berna ha messo a fuoco quindi sull'identificazione le vie di segnalazione e dei meccanismi di controllo della cellula staminale di leucemia. Un approccio di promessa è provveduto lavorando del MPR, un farmaco antiemetico comunemente usato per trattare la nausea ed il vomito.

Didascalia specifica della proliferazione di cellula staminale di leucemia con il metoclopramide

Il ruolo esatto della molecola di superficie CD93 (cluster di differenziazione 93) nel gestire la proliferazione delle cellule staminali di leucemia è stato analizzato e documentato stato, inizialmente negli esperimenti sugli animali e successivamente negli esperimenti con le cellule staminali di leucemia dai pazienti. Ciò ha rivelato una funzione regolatrice distinta di CD93 in cellule staminali di leucemia.

Per cominciare con, l'effetto è stato dimostrato in vivo negli esperimenti sugli animali. Era più ancora indicato che la funzione di controllo si applica soltanto alle cellule staminali di leucemia, non alle cellule staminali ematopoietiche normali.

Ancora, è stato dimostrato che il MPR dell'antiemetico interrompe la via di segnalazione che stimola la proliferazione delle cellule delle cellule staminali di leucemia in vitro ed egualmente, negli esperimenti sugli animali, visibilmente migliora la sopravvivenza con CML bloccando la proliferazione delle cellule staminali di leucemia. Ciò fornisce la prova ben fondata che il MPR può anche mostrare i risultati positivi nel trattamento del CML in esseri umani.

Estesa ricerca

Lo studio presentato in questa pubblicazione ha compreso la ricerca particolarmente estesa.

Ciò è egualmente vera riguardo ai gruppi interdisciplinari che partecipano dal dipartimento dell'oncologia medica, dal dipartimento per la ricerca biomedica, dall'istituto di biologia cellulare e dal dipartimento di ambulatorio e dell'ematologia ortopedici all'ospedale universitario di Berna ed all'università di Berna. Prof. Dott. Sc nazionale. Carsten Riether spiega:

Per sviluppare un nuovo, approccio di promessa per combattere CML, contributi dalle numerose discipline era necessario e la ricerca differente si avvicina a ha dovuto essere perseguita. In un processo di vagliatura, abbiamo suscitato il candidato Metoclopramide e potevamo successivamente dimostrare il suo effetto sulla via di segnalazione CD93 sia negli esperimenti in vitro che in vivo.„

L'infrastruttura della ricerca a Berna è progettata ottimamente per tali progetti importanti. La competenza nella ricerca fondamentale al dipartimento per la ricerca biomedica (DBMR) e nella ricerca clinica all'ospedale universitario molto attentamente è collegata e può fornire rapido i risultati sani.

Che cosa sono le attività di ricerca seguenti?

I risultati hanno segnato CD93 con esattezza come regolatore specifico responsabile di proliferazione di cellula staminale di leucemia. Ciò identifica una via di promessa a mirare alle cellule staminali di leucemia. Ulteriori studi devono ora provare l'effetto e la pertinenza clinici. Prof. Adrian Ochsenbein descrive la seguente maschera:

“Grazie a questo raggruppamento di competenza, potevamo identificare Metoclopramide come candidato di promessa per la terapia di CML. E con l'infrastruttura ad ampia base della ricerca e la nostra rete nazionale ed internazionale eccellente, siamo eventualmente in una posizione per presentare i risultati clinici all'interno di una scala cronologica ragionevole.

Source:
Journal reference:

Riether, C., et al. (2021) Metoclopramide treatment blocks CD93-signaling-mediated self-renewal of chronic myeloid leukemia stem cells. Cell Reports. doi.org/10.1016/j.celrep.2020.108663.