Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Uso di messaggio online e dei apps sociali di media chiodati durante la pandemia COVID-19

L'uso di messaggio online e dei media che sociali i apps fra i residenti di Singapore ha chiodato durante COVID-19 la pandemia, una Nanyang Technological University, studio di Singapore (NTU Singapore) ha trovato.

Tre in quattro dichiaranti (75%) hanno detto che il loro uso di WhatsApp durante la pandemia è aumentato. Ciò è stata seguita dal telegramma (60,3%), da Facebook (60,2%) e da Instagram (59,7%).

L'accompagnamento della questa punta è fatica di videoconferenza, ha trovato lo studio di NTU Singapore, che ha esaminato l'anno scorso 1.606 residenti di Singapore da 17 al 31 dicembre. Quasi uno in due residenti di Singapore (44%) ha detto che hanno ritenuto le attività scorse da di videoconferenza, che sono diventato più frequenti durante lo scoppio COVID-19.

Circa il 86% dei dichiaranti ha riferito che il loro uso degli strumenti di videoconferenza è aumentato durante la pandemia.

L'uso aumentato degli strumenti online di comunicazione ha potuto in parte essere determinato dalle sensibilità di isolamento, ha detto i ricercatori.

Una volta chiesti ogni quanto tempo hanno ritenuto mancavano della compagnia, 35% dei dichiaranti ha indicato che hanno ritenuto a volte questo modo, mentre 19% ha ritenuto spesso o molto spesso questo modo. Circa il 32% anche riferito ritenere sinistro fuori a volte, mentre 18% le ha dette ha ritenuto spesso o molto spesso sinistro fuori.

Gli studi online nazionali che esaminano il nuovo normale che segue lo scoppio COVID-19 sono incaricati dal centro per integrità di informazioni e Internet (In-cubo), da un nuovo centro di ricerca al banco piccolissimo piccolissimo del Kim di NTU della comunicazione e dalle informazioni (WKWSCI) e sono intrapresi da una società locale di votazione.

Il Jr. di Edson C. Tandoc di professore associato, il Direttore al In-cubo, ha detto: “La correlazione significativa fra l'uso degli strumenti online di comunicazione e le sensibilità di isolamento dai risultati di indagine può contribuire a spiegare perché la maggior parte dei nostri dichiaranti hanno riferito un aumento nel loro uso degli strumenti online di comunicazione negli ultimi mesi, come si girano verso questi strumenti nel tatto connesso ad altri anche quando le interazioni fisiche devono essere limitate.

“L'interazione sociale tramite questi strumenti online di comunicazione definitivamente determina le sfide nuove. Alcuni possono ritenere come se siano sempre sopra chiamata sul lavoro o fra i loro amici. Altri possono essere scomodi con il giro delle loro macchine fotografiche sopra durante la video chiamata o non possono avere un collegamento a Internet stabile. Con queste difficoltà e limitazioni in mente, dobbiamo essere consci delle nostre aspettative di altre quando stiamo utilizzando questi strumenti o quando chiediamo ad altri per usarli.„

Ottimismo prudente circa la situazione COVID-19

L'indagine del In-cubo egualmente ha trovato che quasi due in tre (63,1%) residenti di Singapore pensano che la situazione COVID-19 migliorasse questo anno, con sei in 10 (60,6%) che aspettano con impazienza viaggiare da Singapore.

Uno in quattro dichiaranti egualmente ha indicato le pianificazioni per fare gli approvvigionamenti d'alto valore dopo la pandemia, come acquisto i sacchi, le automobili o dei beni di lusso.

Tuttavia, questo ottimismo circa migliorare di situazione COVID-19 viene con una tinta dell'avvertenza. Circa i 68,7% hanno detto che probabilmente o molto probabilmente continuare ad evitare i posti con le grandi riunioni pubbliche mentre 68,5% hanno detto avrebbero continuato a impegnarsi in sociale che distanzia anche dopo che la pandemia è più.

Le maschere di protezione possono anche rimanere ordinarie, come 64% ha detto continuerebbero a indossare le maschere di protezione all'aperto anche dopo COVID-19, mentre 62% ha detto che sono probabilmente o molto probabili da continuare a lavorare dalla casa ove possibile, anche dopo la pandemia.

L'intenzione dei singaporiani di evitare le grandi riunioni pubbliche - anche se credono che la situazione COVID-19 migliori - è un'indicazione positiva che la gente ancora sta rimanendo vigilante mentre si adattano al nuovo normale.„

Edmund Lee, assistente regista e assistente universitario, centro per integrità di informazioni e Internet (In-cubo), Nanyang Technological University

“La sfida è come possiamo evitare le vittime diventanti del nostro proprio successo, assicurandosi che la gente non ottenga “la fatica COVID-19„ e non lasci la loro guardia giù mentre Singapore si apre gradualmente al mondo.„

Lanciato oggi, il In-cubo mira a contribuire a promuovere l'integrità di informazioni - la creazione e la divisione del dato accurato, affidabile e valido - negli spazi online, particolarmente in un'era di informazione sbagliata e della disinformazione, con la ricerca tempestiva, rigorosa e pertinente che collega i academics, i responsabili della politica, i giocatori dell'industria ed il pubblico.

Il professor Joseph Liow, decano dell'istituto universitario di NTU degli studi umanistici, delle arti, & delle scienze sociali ha detto: “In questo l'età di falso notizia, capendo perché la gente raccoglie le informazioni, come la fanno e come usano le informazioni sono quindi importanti. Per esempio, è importante tenere la carreggiata un aumento nell'uso dei media e dei apps sociali di messaggio, poiché questi spazi sono egualmente focolai per le notizie false.

Attraverso il In-cubo, speriamo di tenerci al corrente del comportamento di informazioni a Singapore in maniera regolare e di capire le loro implicazioni, quale sul nostro benessere ed egualmente affrontiamo le emissioni che sorgono in un modo tempestivo e pertinente. Questo studio dal In-cubo circa il nuovo normale, esaminando le opinioni pubbliche, è appena il primo punto.„

Prof. Tandoc di Assoc, che proviene egualmente da NTU WKWSCI, ha detto: “La nostra esperienza collettiva in questa pandemia come comunità avrà effetti a lungo termine sul nostri comportamento sociale ed interazioni. Ciò è qualcosa che siamo interessati scoprire e speranza di tenerci al corrente di al nostro nuovo centro di ricerca, particolarmente poichè gli esperti in salubrità avvertono delle pandemie future se continuiamo con le stesse attività umane che determinano la perdita di biodiversità e del mutamento climatico. Crediamo che quello documentare i cambiamenti comportamentistici a lungo termine dovuto COVID-19 possa informare la polizza e l'industria, come come rispondiamo mentre una comunità ad accelerare si sposta ad acquisto ed all'e-learning online come pure a ricorso aumentato agli strumenti online per informazione.„