Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Anakinra mostra il potenziale terapeutico in pazienti criticamente malati COVID-19

Un gruppo degli scienziati internazionali recentemente ha condotto di un test clinico livello aperto per studiare gli effetti di immunoterapia personale sui pazienti criticamente malati di malattia 2019 di coronavirus (COVID-19). I loro risultati suggeriscono quel trattamento con un antagonista del ricevitore interleukin-1 (IL-1), anakinra, possono migliorare l'output clinico dei pazienti severi COVID-19. Lo studio è attualmente disponibile sul " server " della pubblicazione preliminare del medRxiv*.

Sfondo   

Dall'emergenza della pandemia COVID-19 causata dal coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo, parecchi studi sono stati fatti per capire le presentazioni cliniche paziente-specifiche della malattia. Ora è ben documentato che i pazienti criticamente malati COVID-19 sono associati frequentemente con il dysregulation del sistema immunitario, che è caratterizzato squilibrio proinflammatory/antinfiammatorio proinflammatory aumentato dal livello di citochina, dal livello diminuito del linfocita di sangue e dal livello aumentato della ferritina di sangue.

Il livello della ferritina di sangue e l'espressione di antigene-DOTT umano (HLA) del leucocita sui monociti di circolazione sono rispettivamente due biomarcatori ben esaminati del dysregulation immune, che sono usati clinicamente per diagnosticare la sindrome di attivazione (MAS) del macrofago e il dysregulation immune (CID) complesso.  

Secondo la letteratura pubblicata, il trattamento dei pazienti di MAS con un antagonista del ricevitore IL-1, anakinra, ha vantaggi di sopravvivenza. Similmente, il trattamento dei monociti di circolazione ottenuti dai pazienti di CID ed i pazienti COVID-19 con la sindrome di emergenza respiratoria acuta (ARDS) con un antagonista IL-6, tocilizumab, possono riparare l'espressione di HLA-DR.

Progettazione di studio

Sulla base di queste osservazioni, gli scienziati correnti di studio hanno condotto di un test clinico livello aperto di fase II (prova di FUGA) per studiare l'efficacia del trattamento del anakinra e il tocilizumab sui pazienti criticamente malati COVID-19 presentati con MAS o CID, rispettivamente.

Specificamente, hanno selezionato 4420 ng/ml della ferritina come livello di taglio per diagnosticare il MAS in pazienti COVID-19. La loro analisi ha rivelato quella circa 25% dei pazienti COVID-19 con ARDS ha MAS (livello della ferritina più di 4420 ng/ml) e il 75% rimanente ha avuto CID (livello più basso dell'espressione di HLA-DR sui monociti di circolazione). I pazienti con un punteggio sequenziale di valutazione dell'errore dell'organo di più di 2, o quelli diagnosticato con ARDS, sono stati considerare come avendo disfunzione dell'organo.

I pazienti con MAS o CID sono stati curati per via endovenosa con il anakinra o il tocilizumab, rispettivamente. Tuttavia, i pazienti di CID con i livelli più superiore normali dell'amminotransferasi egualmente sono stati curati con il anakinra.

Il risultato primario valutato nella prova era almeno un rapporto di riproduzione di 25% del punteggio di valutazione dell'errore dell'organo e/o almeno dell'induzione di 50% nel rapporto respiratorio (PaO2/FiO2 rapporto) di giorno 8. inoltre, il tasso di mortalità di giorno 28, cambiamento nel punteggio di giorno 28 di valutazione dell'errore dell'organo ed il cambiamento in biomarcatori del siero e la produzione comunicata per cellule mononucleare (PBMC) di citochina di sangue periferico sono stati valutati come risultati secondari.    

Osservazioni importanti

Dei 102 pazienti iscritti, 60 sono stati trattati con il anakinra e 42 sono stati trattati con tocilizumab. Le caratteristiche del riferimento di tutti i pazienti iscritti erano le stesse.

Circa 58% dei pazienti anakinra-trattati e 33% dei pazienti tocilizumab-trattati hanno incontrato il risultato primario della prova. Tuttavia, non c'era differenza nel tasso di mortalità e nel cambiamento nel punteggio di giorno 28 di valutazione dell'errore dell'organo fra i due gruppi del trattamento. Per quanto riguarda altri biomarcatori, un'induzione nel conteggio del linfocita ed il rapporto respiratorio sono stati osservati in pazienti anakinra-trattati di giorno 8. Inoltre, una riduzione del livello della ferritina di sangue e un'induzione nell'espressione di HLA-DR sui monociti sono state osservate di giorno 4 in pazienti anakinra-trattati e tocilizumab-trattati, rispettivamente.

PBMCs si è verificato dai pazienti anakinra-trattati aveva indicato la capacità aumentata IL-6 di produzione di giorno 4, che a sua volta è stata associata con la severità più bassa di giorno 28 di malattia. Tuttavia, i pazienti curati con tocilizumab non hanno mostrato tali caratteristiche. Inoltre, la durata della degenza in ospedale era più bassa in pazienti anakinra-trattati (20 giorni) confrontati a quello in pazienti tocilizumab-trattati (31 giorno). I pazienti hanno trattato con tocilizumab hanno mostrato l'elevato rischio di sviluppare un'infezione secondaria di quanto i pazienti anakinra-trattati.

Significato di studio

La prova di FUGA ha mirato a studiare gli effetti di immunoterapia personale sui pazienti criticamente malati COVID-19. I pazienti iscritti a questa prova sono categorizzati hanno basato su due disfunzioni immuni, MAS e CID.

In generale, i risultati hanno rivelato che il trattamento di anakinra è più efficace del trattamento del tocilizumab nella diminuzione del punteggio di valutazione dell'errore dell'organo e nell'aumento del rapporto respiratorio dei pazienti COVID-19 che sono categorizzati dal livello della ferritina del siero e dall'espressione del monocito HLA-DR.  

Avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Dr. Sanchari Sinha Dutta

Written by

Dr. Sanchari Sinha Dutta

Dr. Sanchari Sinha Dutta is a science communicator who believes in spreading the power of science in every corner of the world. She has a Bachelor of Science (B.Sc.) degree and a Master's of Science (M.Sc.) in biology and human physiology. Following her Master's degree, Sanchari went on to study a Ph.D. in human physiology. She has authored more than 10 original research articles, all of which have been published in world renowned international journals.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Dutta, Sanchari Sinha. (2021, January 27). Anakinra mostra il potenziale terapeutico in pazienti criticamente malati COVID-19. News-Medical. Retrieved on June 16, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20210127/Anakinra-shows-therapeutic-potential-in-critically-ill-COVID-19-patients.aspx.

  • MLA

    Dutta, Sanchari Sinha. "Anakinra mostra il potenziale terapeutico in pazienti criticamente malati COVID-19". News-Medical. 16 June 2021. <https://www.news-medical.net/news/20210127/Anakinra-shows-therapeutic-potential-in-critically-ill-COVID-19-patients.aspx>.

  • Chicago

    Dutta, Sanchari Sinha. "Anakinra mostra il potenziale terapeutico in pazienti criticamente malati COVID-19". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20210127/Anakinra-shows-therapeutic-potential-in-critically-ill-COVID-19-patients.aspx. (accessed June 16, 2021).

  • Harvard

    Dutta, Sanchari Sinha. 2021. Anakinra mostra il potenziale terapeutico in pazienti criticamente malati COVID-19. News-Medical, viewed 16 June 2021, https://www.news-medical.net/news/20210127/Anakinra-shows-therapeutic-potential-in-critically-ill-COVID-19-patients.aspx.